Ospiti a pranzo nel weekend? Stupiscili con un accattivante brunch accompagnato da un ottimo vino rosè, la tendenza del momento. Ecco alcune ricette che si abbinano bene con questo vino

Ricette per brunch da abbinare al vino rosèIl brunch, è un pasto informale tipico degli States che da qualche anno sta spopolando anche in molti ristoranti e case italiane, sostituendosi spesso al classico pranzo della domenica. Di solito prevede un buffet, in cui vengono serviti sia cibi salati che dolci, tra cui, per chi ama seguire la tendenza americana, uova strapazzate con bacon, bagel, sandwich, pancakes con sciroppo d’acero o nutella per un pizzico di italian style, cheesecakes, muffin salati o dolci, brownies al cioccolato e il caffè all’americana. Mentre chi preferisce i sapori italiani opta per torte salate, pasta fredda, tramezzini, focacce ripiene, pizzette, rustici, cornetti dolci o salati, pane tostato, marmellate, taglieri di affettati, formaggi, frutta, yogurt, strudel dolci o salati, cereali da accompagnare con centrifugati, caffè, cappuccino, vino o birra o per i più modaioli il mitico Spritz. E a proposito di vino e modaioli, se vuoi dare quel tocco chic in più al tuo brunch scegli di abbinare ai tuoi piatti un vino rosè.

Infatti oggi il vino rosè o rosato è tornato di gran moda grazie soprattutto al fatto di poter essere servito freddo e al suo sapore delicato e più o meno fruttato che ben si abbina a molti piatti serviti anche negli apericena fra amici. A proposito di abbinamenti ecco 4 ricette da servire per il tuo brunch che si accompagnano molto bene con questo tipo di vino.

RICETTE PER IL BRUCH DA ABBINARE AL VINO ROSÈ

I vini rosati grazie alla loro freschezza si prestano bene a essere abbinati sia a piatti estivi e leggeri come insalate, formaggi freschi o di media stagionatura, pasta sia fredda che condita con salse a base di pomodoro, risotti, piatti di pesce in particolare a base di crostacei, verdure, affettati, carne grigliata e addirittura con la pizza, dove in versione bollicine non fa rimpiangere la classica birra.

Proprio per questa sua grande versatilità il vino rosè si presta molto bene come accompagnamento per il brunch e visto l’imbarazzo della scelta sui possibili piatti da servire, ecco 4 ricette da cui prendere ispirazione, ognuna con l’indicazione del rosato da abbinare.

PASTA ALLA NORMA

Ricette per brunch da abbinare al vino rosèRicetta appartenente alla tradizione culinaria della Sicilia perfetta da accompagnare con un rosato per via della salsa di pomodoro, la sapidità della ricotta salata, il profumo delle melanzane fritte e le note aromatiche del basilico. Rimanendo in Sicilia possiamo abbinare un Nero d’Avola Rosè oppure un Etna rosato, oppure un Chiaretto di Bardolino (Veneto). Clicca QUI per la ricetta originale della Pasta alla Norma.

ORECCHIETTE CON ACCIUGHE E CIME DI RAPA

Ricette per brunch da abbinare al vino rosèPiatto tipico della cucina pugliese dalle note amarognole dovute alle cime di rapa e particolarmente untuoso, si presta bene ad essere accompagnato da un vino che sia morbido all’assaggio e che ne smorzi le note amare come il Salice Salentino rosato. Un vino dal profilo olfattivo delicato e fruttato, che al palato si presenta secco, morbido, fresco e armonico.

Di seguito ti riportiamo la ricetta delle orecchiette.

RICETTA DELLE ORECCHIETTE CIME DI RAPA E ACCIUGHE

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 320 gr
  • 2 kg di cime di rapa
  • 6 acciughe sottolio diliscate
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 peperoncini secchi
  • Olio evo qb
  • Sale qb

PREPARAZIONE

Pulisci e lava accuratamente le cime di rapa eliminando foglie e parti più dure e tenendo solo le cimette e le foglie più piccole e tenere. Cuocile in abbondante acqua salata per circa 7 minuti, quindi scolale con il mestolo forato e mettile da una parte. Nell’acqua di cottura delle cime di rapa metti a cuocere le orecchiette. Intanto sbuccia l’aglio, schiaccialo leggermente e fallo imbiondire con 5 cucchiai di olio in una padella sufficientemente capiente da contenere la pasta. Unisci acciughe, peperoncini sbriciolati e cime di rapa lessate, aggiusta di sale e mescola con cura. Scola le orecchiette al dente e aggiungile nella padella con il condimento mescolando delicatamente per farle insaporire. Servi ben calde.

TARTARE DI TONNO ROSSO

La tartare di tonno è una ricetta facile da preparare che può essere servita sia come antipasto sia come secondo piatto. Alla base della ricetta c’è il tonno crudo, una carne saporita e consistente condita con una marinatura fatta di limone, olio, sale e pepe (clicca QUI per la ricetta). Quindi si sposerà bene con un Bardolino Chiaretto, fresco, floreale e agrumato oppure con un Lagrein rosato dal profumo fresco e fruttato e dal sapore secco e fragrante. O se preferisci le bollicine puoi optare per la novità dell’ottima cantina Villa Corniole: il Salísa Rosé Extra Brut Millesimato nato da uve Pinot Nero e Chardonnay, raccolte con vendemmia esclusivamente manuale verso la prima metà di settembre.

Uno straordinario Trento DOC dall’elegante colore rosa antico brillante con schiuma abbondante e un perlage finissimo e persistente. Al naso offre profumi di piccoli frutti di bosco, ribes, lamponi e fragoline e delicati richiami di mandorla. Mentre al palato si presenta fine ed elegante dal usto deciso, sapido, minerale e fresco, di montagna. Pensato per essere bevuto a tutto pasto, il Salísa Rosé è perfetto anche come aperitivo oltre che in abbinamento a molti antipasti, primi e secondi a base di pesce e carni bianche. Ottimo anche con formaggi di media stagionatura.

VITELLO TONNATO

Vanto della cucina piemontese, questa è una ricetta estiva leggere e gustosa che combina il sapore delicato del vitello a quello deciso della maionese e del tonno. Per questo richiede di essere accompagnato da un vino non troppo corposo, capace di stemperare la nota grassa della maionese, come il Nebbiolo rosè. Vino caratterizzato da un profumo fragrante, con note sia fruttate che floreali dal sapore fresco, equilibrato e sapido. Elegante e morbido è molto versatile, in quanto non sovrasta mai i sapori, neanche quelli più delicati.

RICETTA DEL VITELLO TONNATO

INGREDIENTI PER 4 PERSONE
Per la carne:

  • 1 kg di magatello di vitello
  • 750 ml vino bianco secco
  • 5 chiodi di garofano
  • 2 foglie di alloro
  • 1 cipolla ramata
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 1,5 l acqua
  • sale q.b.

Per la salsa:

  • 250 g tonno sgocciolato
  • 4 filetti di acciughe dissalate
  • 25 g di capperi
  • 15 ml aceto di vino bianco
  • 10 ml di succo di limone
  • 3 tuorli sodi
  • 2 mestoli fondo di cottura della carne
  • olio extravergine di oliva

PREPARAZIONE

Si comincia preparando la marinatura per la carne fatta con vino, gli aromi e le verdure tagliata a tocchetti grossi e mettila direttamente nella casseruola per la cottura. Aggiungi alla marinatura la carne legata e metti in frigorifero per una decina di ore. Una volta che finita la marinatura metti da parte la carne e trasferisci la marinatura filtrata in una pentola, quindi aggiungi la carne, coprite con acqua, regola di sale e metti a cuocere con il coperchio a fiamma bassa per circa 50 minuti (il tempo di cottura è di 60 minuti per ogni chilo di carne). Tieni da parte due mestoli di fondo di cottura.
Una volta che la carne sarà cotta, lasciala raffreddare a temperatura ambiente, quindi mettila in frigorifero per almeno 2 ore a rassodare.
Nel frattempo prepara la salsa tonnata mettendo nel mixer il tonno sgocciolato, i tuorli, le acciughe, aceto, succo di limone e frulla con circo 50 ml di olio extravergine a filo.
Aggiungi quindi poco a poco il fondo di cottura e continua a frullare fino a ottenere un composto cremoso. Passate le due ore di riposo in frigorifero, taglia la carne a fettine sottili e impiatta versando sopra la salsa.

In alternativa puoi anche organizzare un brunch con grigliata, accompagnata sempre da un vino rosè che si abbina perfettamente con verdure, carni bianche o pesce grigliati. E per rendere l’atmosfera più piacevole e rilassante puoi anche aggiungere della musica di sottofondo.