Arriva in Radio e sulle principali piattaforme digitali “The Land and the Sea” di Valeria Burzi, un brano che incoraggia a staccare la spina dalla realtà e riprenderci il tempo per continuare a sognare. Un viaggio in musica per vivere la vita al massimo, senza fermarsi mai!

The Land and the Sea il nuovo singolo di Valeria BurziCantante, songwriter e vocal-coach bolognese dalla personalità artistica fortemente indipendente, laureata al Conservatorio Frescobaldi di Ferrara, cresciuta a pane e rhythm & blues ascoltando i dischi di Aretha Franklin e Stevie Wonder, Valeria Burzi con la sua nuova “The Land and the Sea”, ci porta verso sonorità essenziali per un bilanciamento perfetto tra chitarra e voce, dentro un testo istintivo dallo spirito new age.

Niente trucchi in “The Land and the Sea”: solo la bellissima voce black di Valeria Burzi che spazia senza confini dal jazz al blues al pop e l’efficace chitarra acustica di Riccardo Morelli (co-autore del brano con Valeria), per un equilibrio sonoro ben riuscito.

Il nuovo singolo

“Il contrasto tra la fissità della terra e il continuo movimento del mare, rappresentano per me l’andamento ondulatorio della vita, un costante apprendimento nel mantenere l’equilibrio tra i propri punti fermi, e il mistero degli eventi che rischiano di scardinarli, esattamente come capitato a me nell’ultimo anno. Il tutto mi ha incoraggiata a pubblicare questo singolo, pronto da tempo, ma solo ora perfettamente attinente al mio vissuto di donna e di artista” – racconta Valeria Burzi.

“The Land and the Sea” è un ritorno discografico autentico e vibrante già dal primo ascolto, tanto da sembrare quasi una performance dal vivo. Una delicata emozione in musica che incoraggia a prendere la vita per le briglie, abbracciando i momenti che contano (“Close your eyes and leave/And don’t you never ever try to stop/Close your eyes and leave/There’s a difference between the land and the sea”).

“Ho scelto la lingua inglese istintivamente – continua Valeria Burzi – percependola più consona agli arrangiamenti acustici, senza tempo, ma anche utile per una diffusione ampia del messaggio”.

“The Land and the Sea” di Valeria Burzi è un canto alla vita e alle cose belle che arrivano spesso dopo quelle brutte, un viaggio verso nuove terre e nuovi mari per non fermarsi mai.

Buon ascolto!

A proposito di Valeria Burzi

Artista bolognese, fin da bambina Valeria Burzi predilige ascolti internazionali, come i dischi di Stevie Wonder, Aretha Franklyn, James Brown, John Coltrane, mostrando una fortissima propensione per la musica afroamericana.Nel 2000 l’incontro della vita: quello con la sua insegnante di canto Luisa Lodi, alla quale seguiranno altri importanti formatori tra cui Sheila Jordan, Bob Stoloff, Tiziana Ghiglioni, Marta Raviglia. La sempre crescente curiosità verso lo strumento vocale la porta ad approfondire e sperimentare vari stili, rendendola un’interprete versatile, e con vasto repertorio. Sperimenta ogni tipo di palcoscenico, come quello, nel 2006, in Calabria, dove apre il concerto della cantante Alexia, i Club più prestigiosi del suo territorio, e contesti musicali di intrattenimento esclusivi all’ estero. Le capacità vocali acquisite negli anni vengono rafforzata da alcune importanti esperienze formative: partecipa ai seminari di vocologia artistica del foniatra Prof.Fussi e, per approfondire la propria competenza musicale, nel 2010 inizia a studiare pianoforte col maestro Annibale Modoni. Valeria si laurea a luglio 2017 in canto jazz al Conservatorio Frescobaldi di Ferrara, e prosegue conseguendo la laurea magistrale nel 2020. Sempre nel 2010, prende la decisione di tornare all’antico amore per la musica afroamericana. Alcuni incontri importanti ( tra tutti quello col saxofonista Roberto Manuzzi, già arrangiatore di fiducia di Francesco Guccini) la spingono a formare la propria Soul Band composta da 8 elementi. Nel 2009  inizia la propria attività di insegnante di canto e vocal coach, continuando ad approfondire sia gli aspetti tecnici e musicali della prosodia, sia gli aspetti emozionali e fisiologici del mantenimento di una buona voce nel tempo, anche per chi non la usa per professione. Porretta Soul Festival, Samedan Blues Festival, Blues River Festival, Ferrara Jazz Club, Cantina Bentivoglio, Bravo Caffè, sono alcuni dei contesti che annoverano la voce di Valeria tra le più interessanti nel panorama della black music. Nel 2016 esce l’album “Blackytude”, omaggio alla musica afroamericana, grazie al quale Valeria ottiene  recensioni nazionali, interviste e ospitate (Radio Capital, Rai, Corriere della Sera). Il brano “Dovrò fare senza te”, contenuto nell’album, vince una menzione al merito al concorso regionale emiliano “Libera la musica” nel 2014. Viene invitata a collaborare come vocalist dalla longeva band amatoriale Bolognese “Dr Dixie Jazz Band” (2014-17). Nel 2021, il prestigioso quartetto di accademici “QuartettoZ”, la convoca come vocalist per ampliare il repertorio. Il quartetto vanta incisioni con Morandi, Barbara Cola, Silvia Mezzanotte. Valeria Burzi nel corso della sua carriera musicale si è esibita anche sul palco del Samedan Blues Festival, Blues River Festival, Ferrara Jazz Club, Porretta Soul Festival, Bravo Caffè, Cantina Bentivoglio.