Dalla tradizione della pasticceria natalizia umbra ecco la ricetta dell’attorta o torciglione, un dolce a base di mandorle avente le sembianze di un simpatico serpentone

Dolci-natalizi-regionali-attorta-o-torciglione-umbroIl torciglione o attorta è un dolce appartenente alla tradizione natalizia umbra, le cui origini risalirebbero al Medioevo. Sembra infatti che venne creato dalle monache di Isola Maggiore del Trasimeno in occasione della visita di alti prelati del Papa, che giunti di venerdì avrebbero dovuto mangiare di magro, ovvero pesce. Ma a causa dei giorni di gelo, la monaca cuciniera non ne aveva, così creò con gli ingrediente presenti in dispensa una preparazione a forma di anguilla a cui diede il nome di “anguilla del lago“.

Sempre nel Medioevo il torciglione fu identificato come serpente dell’Apocalisse, che veniva sconfitto ogni volta che lo si tagliava e mangiava; in ogni caso proprio per la sua forma a spirale che richiama la ciclicità dell’anno che muore e rinasce, è sempre stato legato al mondo pagano, tant’è che le antiche popolazioni della zona del Trasimeno, sembra che preparassero un dolce simile in occasione del solstizio d’inverno.

Questo dolce a base di mandorle, zucchero e uova è divertente da preparare anche in occasioni diverse dal Natale e simpatico da guarnire a piacere anche con l’aiuto dei più piccoli!

Difficoltà: facile

Preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 40 minuti

Ingredienti per otto persone:

  • 80 gr farina
  • 350 gr di zucchero
  • 3 albumi
  • 1 tuorlo
  • 2 cucchiai di brandy
  • 600 gr di mandorle sbucciate
  • scorza di limone grattugiata
  • pinoli, codette, confettini argentati e tutto quello che potete usare per decorare
  • 2 chicchi di caffè o 2 ciliegine candite da usare come occhi del torciglione (facoltativi)

Preparazione:

    • Montate gli albumi a neve e tritate le mandorle in maniera grossolana.
    • Mettete in una ciotola le mandorle tritate insieme al brandy, lo zucchero, la scorza di limone grattugiata e gli albumi montati a neve e amalgamate con cura fino ad ottenere un composto omogeneo e sodo.
    • A questo punto prendere il composto e dategli prima la forma di un salame e poi avvolgetelo a spirale come se fosse un serpente attorcigliato.
    • Preriscaldate il forno a 160°C.
    • Spennellate la superficie del vostro dolce con il tuorlo sbattuto e decoratelo come più vi piace, usando i pinoli, lo zucchero colorato e magari i due chicchi di caffè per fare gli occhi.
    • Quando sarete soddisfatte della vostra creazione mettetela su una teglia foderata con carta da forno e cuocete nel forno ben caldo per una quarantina di minuti o comunque fino a doratura desiderata.