non ci resta che il crimine la serieL’eccentrica banda, protagonista della trilogia cinematografica di Massimiliano Bruno, “Non ci resta che il crimine“, fa il suo ritorno con una nuova avventura.  Questa volta in veste di serie televisiva, in sei entusiasmanti episodi, trasmessi su Sky e Now. Che intriganti avventure attenderanno Marco Giallini, Gian Marco Tognazzi e Giampaolo Morelli? Non soddisfatti dei caotici eventi accaduti nei tre film precedenti, questa volta con “Non ci resta che il crimine – La Serie”, riporteranno addirittura il periodo fascista in Italia.

La trama di “Non ci resta che il crimine – La serie”

Dopo l’entusiasmante viaggio cinematografico che ci ha catapultato negli Anni ’80, immergendoci nella vivace atmosfera della Banda della Magliana a Roma. E successivamente ci ha trasportato nell’Italia fascista degli Anni ’40, la nuovissima serie Sky Original prende il via proprio dopo gli avvenimenti dell’ultimo film. La storia porterà la banda, negli Anni ’70, esplorando gli intricati scenari della sinistra giovanile e delle contestazioni studentesche, così come quelli della destra del Golpe Borghese. Moreno (interpretato da Marco Giallini), Giuseppe (Gianmarco Tognazzi) e Claudio (Giampaolo Morelli) si ritrovano di nuovo uniti, questa volta per un’avventura avvincente nel 1970. Giuseppe, scoprendo di essere stato adottato, decide di intraprendere la ricerca della sua vera madre, ignorando gli avvertimenti del loro amico e scienziato Gianfranco.

La trama si intensifica quando Giuseppe riesce finalmente a incontrare sua madre Linda durante un happening presso la residenza di un ricco borghese dalle idee progressiste. Tuttavia, l’emozione porta Giuseppe a commettere un grave errore: nel tentativo di salvarla da un attentato con l’ausilio dei suoi amici, finisce per alterare il corso degli eventi passati e, di conseguenza, anche il presente. L’Italia contemporanea si trasforma in una dittatura fascista, costringendo il gruppo a fare marcia indietro nel tempo per ristabilire l’equilibrio…

I personaggi della serie

I protagonisti della trilogia cinematografica ritornano con una raffinata interpretazione dei loro personaggi. Marco Giallini, Gianmarco Tognazzi, Giampaolo Morelli e Massimiliano Bruno, (affiancato nella regia da Alessio Maria Federici), si immergono nuovamente nei ruoli che hanno reso celebri. Nel cast si aggiunge un volto nuovo, Maurizio Lastrico, noto per le sue interpretazioni in produzioni come “Don Matteo” e “Call my Agent“. Interpreta il ruolo di Duccio Casati, il borghese benestante che si impegna appassionatamente alla causa dei giovani del movimento studentesco. Ulteriori contributi al cast includono Liliana Fiorelli, nel ruolo di Marisa, l’assistente di Gianfranco. Grace Ambrose invece interpreta Linda Valori, la madre di Giuseppe nel passato. Kabir Tavani assume il ruolo di Sergio Brana, un giovane membro del collettivo comunista che ospita i protagonisti nel 1970. Sara Baccarini è Matilde nella serie, anch’essa membro del collettivo comunista, e sviluppa una connessione significativa con il cinico Moreno. Inoltre, Daniela Virgilio, interpreta Daniela Colagi, influente vedova di un personaggio di spicco della politica di quegli anni. Infine, Claudio Corinaldesi, si cala nei panni di Nunzio Petrucci, capo della milizia squadrista e braccio destro di Junio Valerio Borghese.

Se non lo avete ancora iniziato, lo consigliamo a tutti per passare del tempo in allegria in famiglia durante le feste natalizie.