Un buongiorno dolce e nutriente ai miei cari lettori. Oggi parliamo di miele, in compagnia di Francesco Zagaria, apicultore andriese, ma prima scopriamo insieme qualcosa in più su questo buonissimo alimento naturale

Miele millefiori Zagaria: Storia di una Il miele, definito da secoli anche e non a caso ” il cibo degli dei”, è un dolcificante straordinariamente nutriente e benefico. Il suo valore alimentare e terapeutico lo ha reso un prodotto indispensabile all’uomo, spingendolo sin dai tempi più remoti ad imparare il fantastico mestiere dell’apicoltore, ciò che fa proprio il nostro ospite di oggi, Francesco Zagaria.  Protagoniste del miracolo produttivo del miele sono le api, esse lavorano instancabilmente e all’unisono, come una vera famiglia affiatata. Sono un esempio di come il complesso sistema della natura funzioni alla perfezione, affiancato dalla complice partecipazione dell’uomo. Così, in perfetta armonia e rispetto reciproco, insieme diamo vita al miele.

Il suo aspetto e sapore variano molto e dipendono dal tipo di piante e fiori che hanno fornito il nettare alle api bottinatrici. Oggi il miele viene usato, oltre che in cucina e come medicina naturale, addirittura come eccipiente e come sostanza attiva nella composizione di molte preparazioni cosmetiche, grazie alle sue proprietà emollienti, nutritive e lenitive.

In cerca di nuovi sapori e leccornie da proporvi, il mese scorso, viaggiando tra le Murge, posto meraviglioso e noto oltre che per la sua storia anche per la bontà dei suoi prodotti, mi sono imbattuta in questo apicoltore pugliese, Francesco Zagaria appunto, e tra mille domande nate dalla curiosità per questo mestiere e dalla mia golosità verso il miele, mi sono appassionata alla sua storia e l’ho intervistato per voi.

 

Francesco Zagaria, ci racconti com’è nata la tua passione per il miele?

“Sono sempre stato attratto dalla bellezza della natura, ma le api hanno subito esercitato su di me un’attrattiva privilegiata. La loro sinergia, il loro essere uniche e ognuna con un ruolo ben preciso, hanno da sempre rappresentato per me un esempio di vita in perfetto equilibrio e armonia con l’universo. Il primo giorno in cui mi imbattei in un’arnia, ero con un mio vecchio amico apicoltore, rimasi stupito dalla disinvoltura che ebbi di fronte ad uno spettacolo che potrebbe intimorire molti, ne rimasi ipnotizzato. Da quel momento iniziai ad interessarmi totalmente a quel mondo e raccolsi tutto il necessario per iniziare questo percorso che oggi, è diventato la passione della mia vita.”

Cosa consigli a chi si avvicina per la prima volta a questo mestiere?

“Come le api, anche io sono un instancabile lavoratore, amo il mio lavoro e nonostante le difficoltà che dobbiamo continuamente affrontare noi produttori, sono ottimista e credo fortemente nella bontà del mio prodotto. Condividere e indottrinare i giovani a questo mestiere è molto importante per me, infatti organizzo numerosi corsi di formazione e durante ognuno di questi la mia convinzione e il mio amore per questo lavoro crescono sempre di più e incondizionatamente. Ai giovani consiglio di non demordere e di non rinunciare alle proprie passioni, così come ho fatto io, perché se un lavoro è fatto bene, darà sicuramente i suoi frutti e verrà ricordato.”

Oggi hai una tua attività e il tuo miele si sta facendo conoscere per la sua bontà. Quali sono i tuoi progetti?

“Con mia immensa gioia il mio miele è molto apprezzato in Puglia, ma come ho detto prima, sono un gran lavoratore e vorrei far conoscere il mio prodotto in tutta Italia e perché no, anche all’estero. Il Made in Italy vale e con costanza e determinazione, passo dopo passo, il mio miele addolcirà i palati più diversi e lontani. Sono molti in realtà i progetti ai quali sto lavorando e molto presto ve li racconterò tutti.”

Cari lettori che dire… io me ne spalmo un po’ sul pane, voi?

Dove trovarlo?

Zagaria Francesco
Via vecchia spinazzola, 19
76123 Andria BT
zagariafrancesco@fastwebnet.it
Cell. 329.9319798