Filippo Timi presenta il nuovo film di Sebastiano Mauri, Favola, prodotto da Palomar con Rai Cinema e distribuito da Nexo Digital. Sarà al cinema solo domani, il 26 e il 27 giugno. Destinato a diventare un cult, Favola è una commedia dissacrante sulla presa di coscienza e liberazione di una donna borghese transessuale nell’America patinata anni 50 (recensione in anteprima) 

Favola il film recensioneIl film, Favola, tratto dall’omonimo spettacolo teatrale sempre di Filippo Timi prodotto dal Teatro Franco Parenti e campione d’incassi, affronta il tema dell’identità sessuale attraverso l’idea e la messa in scena di Filippo Timi che veste i panni di una casalinga americana degli anni 50, Mrs Fairytale. In quegli anni, come lo stesso Timi racconta, “le donne erano costrette a essere affascinate da un’aspirapolvere. Nel dopoguerra, quando i mariti sono tornati a casa, si sono ritrovati le mogli che avevano tirato avanti benissimo. Per metterle sotto, le costrinsero a indossare bustini che spostavano gli organi interni, gonne ampissime, tacchi alti e a essere pettinate sempre perfettamente. È complicatissimo fare le faccende domestiche così”.

Filippo Timi è un vero e proprio trasformista, eccezionale nel suo calarsi totalmente in una Mrs Fairytale che passa le sue giornate rinchiusa nella sua meravigliosa casa dei sogni senza un attimo di respiro.

Quello a cui assistiamo è un mondo surreale dove le aspirazioni e i sogni dei personaggi prendono corpo, si scontrano, crollano e si realizzano. Un sogno in cui chiunque può essere chi vuole liberamente.

Mrs Fairytale conversa amabilmente con la sua Lady, una cagnolina impagliata, e spettegola con l’amica Mrs Emerald, una perfetta Lucia Mascino, in crisi coniugale.

Ci sono poi i tre gemelli Ted, Tim e Gleen (Luca Santagostino) che, a seconda del momento, movimentano la vita della casa.

Dietro la facciata, tuttavia, si celano segreti terribili che porteranno a possibilità inaspettate: “In questo mondo perfetto cominciano a succedere delle piccole cose, finché non ne succede una che lascia tutti a bocca aperta: mi spunta un pisello!”, spiega Timi.

Ovviamente Mrs Fairytale (nomen omen, fiaba) non può confessarlo al marito.

Come risolvere tutto questo?

Favola è una commedia agrodolce che parla del desiderio di emancipazione e del difficile percorso per raggiungerla. Si ride, si piange, si prova amarezza. Quel che è certo è che Favola è destinato a diventare un cult movie e che non lascerà indifferenti. È un film che può raggiungere tutti, è universale.

Non perdetevelo!