Per questa Pasqua Paramount Animation e Nickelodeon vi invitano a Wonder Park con tutta la famiglia per una giornata ricca di avventura, azione e tanto divertimento, con le voci di Francesco Facchinetti e Gigi e Ross. Dall’11 aprile al cinema distribuito da 20th Century Fox

wonder park recensioneProtagonista di Wonder Park è June (Brianna Denski), una bambina di otto anni con una brillante immaginazione e una spiccata attitudine per la matematica e l’ingegneria. Non a caso il gioco che preferisce da sempre fare con la sua adorata mamma (Jennifer Garner) è quello di dare sfogo a questa sua fantastica attitudine, costruendo Meravigliandia. Uno spettacolare parco dei divertimenti in cui tutto è possibile. Non a caso a gestirlo sono un gruppo di animali immaginari, creati ad immagine e somiglianza dei peluches della stanza di June.

Così troviamo l’orso Boomer, che accoglie gli ospiti del parco (Ken Hudson Campbell); il porcospino Steve, addetto alla sicurezza (John Oliver, Francesco Facchinetti nella versione italiana); Greta, un cinghiale pieno di buon senso (Mila Kunis) e i castori Gus (Kenan Thompson) & Cooper (Ken Jeong) manutentori del parco. E lo scimpanzè Peanut (Norbert Leo Butz), una sorta di impresario del parco, che con il suo pennarello colorato, disegna giostre spettacolari e spassose, che sfidano tutte le leggi della fisica e della gravità, con il solo scopo di far divertire grandi e piccini che ogni giorno arrivano a Meravigliandia da ogni parte del mondo.

Ma un brutto giorno la mamma di June è costretta ad andare in ospedale a causa di una grave malattia, così la bambina, presa dallo sconforto e dalla paura di perdere l’amata mamma, perde qualsiasi interesse verso Meravigliandia. Smonta così tutte le giostre e le ripone in scatoloni in fondo ad un armadio. E se June ha deciso di rinunciare per sempre al suo parco, sembra che quest’ultimo non voglia assolutamente rinunciare a lei.

Durante una gita scolastica, in una radura tra i boschi, la bambina trova l’ingresso di Meravigliandia. La sua fantastica creazione e i suoi amici immaginari, Boomer, Steve, Greta, Cooper e Gus, hanno preso vita, ma una misteriosa nube viola minaccia il parco, e Peanut è scomparso. Come se non bastasse la sicurezza di Meravigliandia è minata da una gigantesca orda di “adorabili peluches” Chimpazombie che seminano caos e distruzione. Così June sarà costretta a tornare a occuparsi del parco perché è l’unica che può salvarlo dalla distruzione!

Wonder Park, scritto e prodotto da André Nemec e Josh Appelbaum (franchise di Tartarughe Ninja, Mission: Impossible – Protocollo fantasma), è un film d’animazione per tutta la famiglia. Una splendida giostra in grado di donare avventura e divertimento affrontando nel contempo temi importanti e estremamente attuali come: l’importanza della famiglia, del lavoro di squadra, la fiducia in se stessi e il potere dell’immaginazione. Gli appassionati del genere non potranno non trovare similitudini con il film d’animazione Disney Pixar Inside Out, ma queste si limitano solo a ciò che concerne il confronto tra la realtà e le conseguenze di questa sull’immaginario. Per il resto la storia è completamente diversa e mentre in quest’ultimo si parlava del passaggio all’adolescenza, il messaggio che vuole veicolare Wonder Park è più forte e profondo e soprattutto valido a qualsiasi età: mai far spegnere la nostra luce interiore, perché è quella che ci aiuterà a trovare la forza anche nei momenti più difficili.