Il 16 Settembre arriva nelle sale cinematografiche italiane Inside Out, il nuovo film d’animazione Disney-Pixar, un coloratissimo turbinio di Emozioni!

pixars_inside_out_2015-recensione

 

Quest’anno la Pixar torna a proporre un vero e proprio capolavoro, degno della sua produzione di maggior successo: Inside Out, il nuovo film d’animazione targato Disney-Pixar, che arriverà nelle sale cinematografiche italiane il 16 Settembre.
Scritto e diretto dal regista premio Oscar, Pete Docter (Monsters, Inc. e Up) e Ronnie del Carmen, Inside Out, con la sua combinazione di audacia, arguzia, emotività e la sua originalissima trama, si colloca senza dubbio al top della filmografia d’animazione di questi ultimi anni.

Il film è una fantastica “introspettiva” di ciò che succede nella mente umana, nel caso particolare quella di Riley, una ragazzina di undici anni che seguiamo dal primo vagito accompagnato dall’apparizione della prima emozione, Gioia, alla crisi d’identità, dovuta al fisiologico passaggio dalla fanciullezza all’adolescenza, e scatenata dal trasferimento della famiglia dal Minnesota a San Francisco per via del lavoro di suo padre.

Questo metterà in particolare fermento tutte le emozioni presenti nel quartier generale della sua mente, Gioia, Rabbia, Tristezza, Paura e Disgusto, che cercheranno di rendere più indolore possibile i cambiamenti che aspettano Riley: una nuova casa, nuove amicizie, una nuova città.

Ma per varie vicissitudini, Gioia e Tristezza, finiscono fuori dal quartier generale, lasciando la bambina in balia delle altre emozioni: Rabbia, Paura e Disgusto. Avrà inizio così un interessante, divertente ed emozionante viaggio nei meandri della mente umana, in luoghi affascinanti e sconosciuti come la Memoria a lungo termine, il Pensiero Astratto e la Cineproduzione dei sogni, solo per citarne alcuni, con due compagne d’eccezione: Gioia e Tristezza, appunto che cercano disperatamente di tornare dalla loro Riley.

È la prima volta che qualcuno porta sul grande schermo come personaggi le emozioni umane, dimostrandoci come queste influenzino fortemente e inevitabilmente tutta la nostra vita e la nostra personalità, fin dal nostro primo battito di ciglia.

insideout-disney-recensione

Il messaggio che il film vuole dare va ben oltre il solito lieto fine, facendo riflettere sul fatto che la crescita come ogni cambiamento nella vita umana, è spesso accompagnato da periodi di smarrimento in cui sembrano prevalere le emozioni più “distruttive”: paura, rabbia, disgusto, tristezza, ma come dopo ogni acquazzone torna sempre il sereno, grazie al lavoro di squadra di tutte le emozioni, anche quelle considerate negative. È così che si instaura un nuovo equilibrio e si costruiscono dei nuovi punti fermi, magari più solidi dei precedenti.

Un film che piacerà senza dubbio a tutta la famiglia, anche ai più piccoli che non faranno alcuna fatica a capire il messaggio, visto che se ci pensate bene impariamo prima il linguaggio delle emozioni che a parlare! Buona visione!