Il 20 agosto si torna al cinema per sognare con Una sirena a Parigi, grazie a Vision Distribution e Cloud 9 Film. Una romantica fiaba senza tempo per tutta la famiglia. Trama, trailer e recensione in anteprima

Una sirena a Parigi trama, trailer e recensione in anteprimaUna sirena a Parigi, la nuova commedia romantica di Mathias Malzieu, trasposizione cinematografica del suo omonimo romanzo edito in Italia da Feltrinelli, porta sul grande schermo una fiaba senza tempo incentrata sull’amore impossibile tra un uomo e una sirena. Accoppiata che fin dalla notte dei tempi ha sempre incuriosito e affascinato intere generazioni di autori e lettori stimolando la produzione di tantissime opere letterarie, cinematografiche e televisive.

La vicenda in questione si svolge nell’estate del 2016 a Parigi quando una pioggia torrenziale fece esondare la Senna immergendo le strade della città in un’atmosfera apocalittica. Alla paura per l’innalzamento del fiume seguì quella per l’aumento di casi di misteriose sparizioni. E proprio in questa spettrale atmosfera, una notte uscito dal Flower Burger, locale dove lavorava con suo padre, Gaspard Snow (Nicolas Duvauchelle) viene attratto da un canto melodioso. Seguendo la splendida voce vede lungo le rive della Senna il corpo ferito di una sirena adagiata sotto un ponte.

Decide così di portarla a casa sua per prendersene cura, nonostante la ragazza (Marilyn Lima) lo informi del suo terribile potere: chiunque ascolti il suo canto si innamora perdutamente di lei al momento da farsi scoppiare il cuore fino a morire. Ma Gaspard non crede che questo possa essere il suo caso perché si ritiene ormai immune all’amore.

Nonostante tutto, con il passare dei giorni, tra i due sboccia il temuto sentimento che fa tornare Gaspard a credere nell’amore tanto da convincerlo a lottare per superare gli ostacoli rappresentati dalle loro diverse nature.

 

Il risultato è un commedia romantica e stravagante stile “Il favoloso mondo di Amelie”, complice anche l’ambientazione parigina, che stupisce lo spettatore ad ogni fotogramma regalandogli sorprendenti immagini come se stesse sfogliando un bellissimo libro pop up. Una storia fantastica e senza tempo incastonata in uno sfondo di verità per dare maggiore credibilità ai suoi personaggi e forza alla narrazione. Infatti l’idea alla base di Una sirena a Parigi, è quella di due persone che non vogliono più innamorarsi a causa di amori passati finiti male, ispirata da una disavventura amorosa del suo autore e regista, Mathias Malzieu, che per quanto successo si era convinto che non si sarebbe più innamorato. Ma poi l’incontro con una giovane donna, bella e ammaliante come una sirena, lo ha spinto a credere nuovamente nell’amore.

Insomma una storia in cui ognuno di noi potrebbe riconoscersi ed empatizzare, a cui Malzieu ha aggiunto un pizzico di sana magia, momenti divertenti e tenerezza, il tutto ben bilanciato, dando vita a un film piacevole e spensierato. Un film che, come una bella favola, sarà in grado di affascinare spettatori di tutte le età, facendoli evadere almeno per un’ora e mezza dalla routine quotidiana donandogli un sogno che, per colori e gestualità, ricorda molto le splendide commedie anni ’50 di Frank Capra.

Assolutamente consigliato sia per un’uscita a due, sia per una piacevole serata in famiglia oppure per metabolizzare la fine di un amore che ancora ci fa stare male!