Un caffè con Sara Bontempi“Il bacio sulla fronte” è un romanzo breve, il primo scritto da Sara Bontempi e pubblicato dalla casa editrice LFA Publisher. Narra delle domeniche trascorse dai nonni durante gli anni Ottanta e Novanta, un periodo in cui la domenica era ancora considerata un giorno di riposo interamente dedicato alla famiglia. Le vicende si svolgono nel contesto di una famiglia numerosa che ogni domenica si riunisce presso il Capannone, il soprannome affettuoso per la casa dei nonni. Sara Bontempi sarà presente al Salone del Libro di Torino 2024 per il firmacopie del romanzo, presso lo stand della casa editrice.

Link d’acquisto Amazon: https://amzn.to/46wsbM6

Come è nata l’idea di questo libro?

“L’idea concreta per iniziare a scrivere questo libro me l’ha data un signore carinissimo incontrato durante l’ultima edizione del Salone del Libro di Torino. Ci eravamo addentrati nelle vecchie storie di famiglia, e ascoltando la mia storia di bambina e di tutti i bei ricordi che ancora mi porto dietro delle domeniche dei nonni mi consigliò di scriverle e magari ne usciva un buon libro. E così è stato!”

Quanto è stato difficile portarlo a termine?

Sinceramente non è stato così difficile portarlo a termine, non è un libro lunghissimo, ma le vicende sono uscite senza difficoltà, aiutata anche dalla mia numerosa famiglia, come si può leggere nelle pagine di questo romanzo”.

Quali sono i tuoi autori di riferimento?

“Ho la fortuna di fare un lavoro che mi porta a leggere molto e diversi generi letterari; perciò, ho appreso delle nozioni importanti un po’ da tutti gli autori, famosi ed emergenti. Nessun autore in particolare di riferimento, ma i miei autori preferiti sono sicuramente Stephen King tra tutti e Alicia Gimenez Bartlett, autrice della serie di romanzi gialli con protagonista Petra Delicado, interpretata in Italia da Paola Cortellesi“.

Dove vivi e dove hai vissuto in passato (o dove vorresti vivere)?

“Sono nata e cresciuta in un piccolo paesino di campagna in provincia di Varese, Golasecca. Ma all’età di vent’anni la mia voglia di cambiare e vivere al mare mi ha portato a spostarmi in Liguria, nel Golfo dei Poeti. Ora vivo nel piccolo borgo di San Terenzo, dove si sono trasferiti anche i miei genitori e mia sorella, insieme a mio marito Ruggero. Dove vorrei vivere? Sembra un po’ scontato, ma lavorare in smart working dalle Canarie non sarebbe male!”

Dal punto di vista letterario, quali sono i tuoi progetti per il futuro?

“Ho molti progetti dal punto di vista letterario, il primo fra tutti pubblicare la versione aggiornata della mia Guida del Golfo dei Poeti, che uscì nel 2020. Nel cassetto c’è anche un libro sul Giappone, paese che amo follemente, e l’idea per il prossimo romanzo, sempre basato su una storia vera”.

E per finire, come prendi il caffè solitamente?

“Solitamente prendo solamente due caffè al giorno, il primo a casa per colazione, lungo e amaro. Il secondo al bar, con mio marito, la mia famiglia oppure con un’amica, ma quello lo prediligo corto ma sempre senza zucchero”.