Arriva al cinema il 22 maggio, distribuito da Walt Disney Italia, Aladdin, spumeggiante rivisitazione live action del celebre classico d’animazione Disney, diretto da Guy Ritchie, con Will Smith e la voce di Gigi Proietti. Trama, trailer e recensione

aladdin recensioneRivisitazione in chiave live action del celebre classico d’animazione Disney, arriva il 22 maggio al cinema, Aladdin, diretto da Guy Ritchie con Mena Massoud nel ruolo dell’affascinante furfante Aladdin, Naomi Scott nel ruolo di una combattiva e bellissima principessa Jasmine e Will Smith nei panni di un più che mai spumeggiante Genio in grado di esaudire tre desideri a chiunque entri in possesso della sua lampada magica. Come nel cartone animato la storia è ambientata tra le strade di Agrabah dove troviamo il giovane Aladdin alle prese con stratagemmi per sopravvivere e aiutare anche i suoi concittadini più poveri. Ma in cuor suo il ragazzo mira ad abbandonare la vita da furfante perché sente di essere destinato a qualcosa di più grande. In città c’è qualcun altro che sogna una vita diversa, lontana dalla gabbia dorata in cui è costretta a vivere: la figlia del Sultano, la Principessa Jasmine, che sogna di utilizzare il proprio titolo nobiliare per aiutare gli abitanti di Agrabah, ma suo padre è troppo protettivo e la sua dama di compagnia Dalia (Nasim Pedrad) non la perde mai di vista. Infatti il Sultano (Navid Negahban) vorrebbe trovare un marito adeguato per sua figlia a cui vorrebbe lasciare il controllo della sua città, ignaro che il “fidato” consigliere, Jafar (Marwan Kenzari), un potente stregone, sta tramando alle sue spalle per impadronirsi del trono. La storia la conosciamo bene, anche se Ritchie in parte se ne è dovuto discostare, a causa di una clausola nel testamento di Williams che impedisce di usare materiale d’archivio, inserendo vari elementi di novità e tante divertenti sorprese che conducono comunque al ben noto finale.

Grazie alle novità introdotte da Guy Ritchie nella narrazione, il suo Aladdin, assume una veste decisamente più moderna, il cui fulcro non è più solo la grande storia d’amore tra il furfantello e la bella principessa, ma anche il viaggio di formazione dello stesso Aladdin, che vuole diventare un uomo all’altezza di Jasmine e quello di quest’ultima verso l’emancipazione, in un mondo prettamente maschile, per diventare la guida del suo popolo. Una Jasmine, forte e sicura di sé, magnificamente interpretata da Naomi Scott, la cui potenza canora aggiunge ancor più carattere alla sua interpretazione riuscendo a coinvolgere ed emozionare profondamente lo spettatore. E poi c’è anche la bella storia di amicizia tra il Genio e Aladdin. Un Genio straordinario interpretato da un superlativo Will Smith, assolutamente a suo agio nel ruolo, tanto da riuscire a donare al film quel tocco di magia in più, che lo rende divertente, accattivante ed emozionante, al punto da non far rimpiangere la pellicola originale. Tutti elementi che rendono il film adatto a tutta la famiglia, nessuno escluso. Quindi se volete passare un pomeriggio o una serata divertente e spensierata tra splendide musiche, colorate coreografie, elettrizzanti inseguimenti ed emozioni, andate al cinema a vedere Aladdin, distribuito da The Walt Disney Company Italia in 800 copie.