Il grande “sì” è ad un passo e vi state chiedendo quale portamento dovrebbe assumere una sposa? Quali sono gli errori da evitare, a cominciare dall’ingresso in chiesa? A quale altezza tenere il bouquet? Non fatevi prendere dall’ansia, ecco quello che vi serve sapere…

portamento sposa-consigli

Care spose, per il giorno del vostro matrimonio avrete tutti  gli occhi puntati, a cominciare dall’ingresso in chiesa. Quindi la parola d’ordine è naturalezza, niente panico, niente ansie. Basterà fare un po’ di allenamento sul vostro portamento, solo così eviterete odiose bucce di banana.

Iniziamo subito…

L’ingresso in chiesa è il momento più importante. Siete le protagoniste indiscusse.  Munitevi di un bel sorriso, spalle dritte e sguardo rivolto all’altare, verso lo sposo. Niente saluti ed espressioni tra gli invitati a destra e a manca, non è un red carpet! Va dato il braccio destro al proprio padre (emozionatissimo, più delle sposa), e con la mano sinistra si tiene il bouquet; evitate di portarle quest’ultimo all’altezza del petto o troppo in basso, la giusta altezza è quella dei fianchi. Fate qualche prova a casa per non farvi sorprendere dall’emozione!

bouquet-sposa-2015

Avanzate verso l’altare con passo lento, per la serie: godetevi questo momento con buona lentezza.

All’arrivo all’altare il bouquet va posto sull’inginocchiatoio, stessa cosa vale se la vostra mise prevede dei guantini. Sfilateli con cura e grazia e poneteli accanto al bouquet.

Cerimonia finita? Bene, porgete il braccio sinistro al vostro sposo e preparatevi per sfoderare un raggiante sorriso! Una pioggia di petali e riso vi attende!

Per quanto riguarda la disposizione degli invitati in chiesa, la tradizione prevede che a sinistra siedano gli invitati della sposa, a destra quelli dello sposo.

Il velo va tolto al ricevimento.

Cos’è assolutamente out per una sposa? Esagerare con acconciature eccentriche e trucco eccessivo, non travestitevi! Inoltre sono out le foto in posa, siate quanto più naturali!