Piante da interniAbbellire gli interni di case e uffici con delle piante è una pratica molto diffusa, ma non tutti sanno che esse sono molto più che semplici decorazioni. Le piante che vengono collocate negli spazi indoor, infatti, sono un vero toccasana per la salute, di conseguenza non si dovrebbe mai farne a meno tra le mura domestiche, come anche negli ambienti di lavoro in cui si trascorrono molte ore della giornata.

Ma per quale motivo si afferma questo? Le ragioni sono diverse, e in quest’articolo faremo il punto sugli aspetti più rilevanti.

Le piante rilasciano ossigeno

Anzitutto bisogna sottolineare l’aspetto più ovvio, ovvero che le piante sono la fonte di ossigeno per eccellenza. Come noto infatti, sono protagoniste del processo di fotosintesi clorofilliana, tramite cui rilasciano, appunto, dell’ossigeno; non è certamente per caso, d’altronde, se le più grandi foreste del pianeta sono considerate dei “polmoni” preziosissimi per l’intera umanità.

Al contempo, con la fotosintesi clorofilliana viene assorbita l’anidride carbonica, che al contrario di quanto si potrebbe credere è presente in quantità non irrilevanti anche negli ambienti indoor, di conseguenza anche quest’aspetto è da considerarsi importante.

Esercitano un’azione purificante

Oltre a rilasciare ossigeno assorbendo anidride carbonica, le piante hanno una straordinaria capacità di purificazione degli ambienti.

Sebbene non tutti lo sappiano, nell’aria che si è soliti respirare in casa, in ufficio e in altri ambienti chiusi vi sono assai spesso numerose sostanze tutt’altro che salubri, le quali possono essere rilasciate, ad esempio, dalle vernici presenti sul mobilio, dai prodotti utilizzati per le pulizie, oppure possono semplicemente essersi insinuate all’interno tramite l’apertura delle finestre.

Le piante in generale, ed alcune specie ancor più di altre, sono in grado di assorbire formaldeide, ammoniaca, benzene, monossido di carbonio, e in alcuni casi perfino le onde elettromagnetiche!

Le piante sono un deumidificatore naturale

Non è secondario il fatto che le piante siano un vero e proprio deumidificatore naturale: vivere, o comunque permanere, in ambienti umidi è tutt’altro che salutare, questo è noto, e la presenza di piante è, in tal senso, assolutamente efficace.

Oggi che l’utilizzo dei climatizzatori ha ormai raggiunto livelli di diffusione davvero elevati, peraltro, l’umidità rappresenta un “nemico” assai ricorrente, anche in immobili che non possono dirsi umidi per caratteristiche strutturali e contestuali, di conseguenza questa naturale capacità delle piante è oggi da considerarsi più utile che mai.

Le piante favoriscono la coibentazione termica ed acustica

Se presenti in quantità importanti, e in esemplari di dimensioni piuttosto grandi, le piante possono essere utili perfino per limitare l’inquinamento acustico e per favorire l’isolamento termico, non è per caso, infatti, se si realizzano sempre più spesso dei rigogliosi giardini sui terrazzi, un accorgimento che non è solo decorativo, appunto, ma anche funzionale per la complessiva efficienza energetica dell’edificio.

Favoriscono la distensione mentale

Se ci si chiede perché le piante collocate negli ambienti indoor favoriscono il benessere, infine, bisogna considerare anche quanto di positivo sanno garantire nei confronti della psiche.

La loro presenza, infatti, favorisce la distensione fisica e mentale, dunque sa essere utilissima per alleviare le sensazioni di ansia e stress; si ritiene anche che la presenza di piante in camera da letto sia preziosa per favorire un buon sonno.

Scegliere solo piante adatte agli spazi indoor

I motivi per prevedere delle piante in casa, come anche in ufficio e in altri contesti indoor, vanno dunque ben al di là del fattore estetico. Ovviamente, bisogna considerare il fatto che non tutte sono adatte a essere coltivate in spazi chiusi, di conseguenza la scelta deve essere oculata.

Per non sbagliare, a ogni modo, non è necessario avere fior di competenze in ambito botanico: vivai online come quello, molto noto in Italia, di Tiziano Codiferro, prevedono delle categorie dedicate esclusivamente alle piante da appartamento.