Dieci anni dopo il primo film, Woody Harrelson, Jesse Eisenberg, Abigail Breslin e Emma Stone di nuovo insieme sul grande schermo in Zombieland – Doppio Colpo, sequel del cult movie Benvenuti a Zombieland. Dal 14 novembre al cinema. Trama, trailer e recensione in anteprima

Zombieland - Doppio Colpo trama, trailer e recensione“Amici miei questi sono gli Stati Uniti di Zombieland”. Bentornati signori nel magico mondo dove se esci di casa rischi che il tuo cervello venga mangiato. A farci da guida ci sono ancora Tallahassee, Columbus, Wichita e Little Rock e a raccontare le loro gesta in questo nuovo episodio Zombieland – Doppio Colpo sarò io, Niccolò, come sempre, rigorosamente, senza spoiler.

Gli anni passano e la vita in un mondo abitato da zombie può diventare monotona. La famiglia formatasi dopo l’epico scontro di Pacific Playland è cresciuta. Little Rock è in piena crisi adolescenziale, Columbus è entrato in quella fase della vita dove cerca una stabilità e Wichita al suo fianco inizia a sentire il peso della routine, Tallahassee dal canto suo non sembra cambiato molto. I nostri eroi sono diventati dunque una vera e propria famiglia con tanto di litigi, routine quotidiana e una casa. Bianca. Avendo ampia possibilità di scelta sul suolo americano ci si poteva aspettare altro da un gruppo stralunato come questo?

La stabilità però non va bene a tutti e a rompere gli equilibri sarà proprio Little Rock che come ogni buon adolescente scappa di casa. Tra l’indecisione, l’aggiunta di nuovi membri, i litigi di coppia e perché no, anche qualche zombie ammazzato, il gruppo parte alla ricerca della ragazza pronto, in questo mondo impazzito, a imparare nuove lezioni di vita.

Ancora una volta mi trovo nella difficile posizione di dover parlare del secondo film di una saga. A condire questa difficile situazione aggiungete il fatto che il primo film è stato, parere personale, un gran film nel suo genere. Tuttavia ho provato a mettermi davanti allo schermo senza pregiudizi.

Il film parte bene, non lascia molto spazio alle chiacchiere. C’è subito una bella sparatoria zombie, di quelle che ci hanno insegnato ad amare, e con il passare dei minuti potrebbe sembrare esserci un tentativo di dare una parvenza di senso alla trama. Il tentativo, a parer mio, però fallisce. Il punto è questo: Zombieland doppio colpo ha tutte le caratteristiche per essere un bel film per il suo genere. Sparatorie, sangue, un’ironia di basso livello e citazioni epiche sono il condimento della maggior parte delle scene. Ma purtroppo non regge il confronto con il suo predecessore. Non è certamente un film che vuole appassionarvi per la trama, ma se cercate un po’ di sano divertimento splatter siete nel posto giusto e al cinema potrete godervelo addirittura su un maxi-schermo, sempre che non ci sia qualche zombie appostato dietro alla vostra poltrona! Male che vada, regola numero uno: Cardio!