Alla scoperta dello Zenzero, una pianta le cui benefiche proprietà sono note da millenni: come usarlo, le proprietà terapeutiche, le controindicazioni e i consigli utili per farlo diventare una sana abitudine quotidiana, ma con moderazione

Ginger tea and dried ginger root

Lo zenzero è una pianta appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae come il cardamomo e la curcuma. I suoi principi attivi, gingeroli, resine e mucillagini, sono concentrati nella radice e le sue tante proprietà sono note ed utilizzate da millenni in tutto il mondo. Ottimo sia come spezia da cucina che come coadiuvante nel trattamento di molte patologie mediche, quali disturbi gastrici, dolori muscolari, ustioni e sintomi influenzali e da raffreddamento, può essere usato sia fresco che essiccato, o ancora in polvere e come olio essenziale, anche nella preparazione di saponi e cosmetici.




UN PO’ DI STORIA

Circa 2000 anni fa, lo zenzero è stato introdotto dall’India nell’impero romano, dove venne apprezzato sia per le sue proprietà terapeutiche che per quelle culinarie, continuando ad essere commercializzato sotto il controllo di mercanti arabi in tutta Europa anche dopo la caduta dell’impero romano.

Nel medioevo la sua fama era tale che divenne un popolare ingrediente per dolci, e il suo utilizzo crebbe così tanto nel corso dei secoli fino ad arrivare nel XVI secolo a dover pagare in Inghilterra per mezzo chilo di zenzero, l’equivalente di una pecora.

MEDICINA AYURVEDICA

Da sempre base della medicina Ayurvedica indiana, lo zenzero possiede proprietà antibiotiche, antinfiammatorie, digestive, antiossidanti, e antinevralgiche grazie alle sue numerose componenti chimiche: gingerolo, oli essenziali, shogaolo, e complessi vitaminici A, B6, e K. Oggi è possibile trovare la radice di zenzero fresca, essiccata o in polvere anche in erboristeria e al mercato, o in farmacia sotto forma di oli essenziali, pomate e compresse, ma a prezzi tutt’altro che economici.

Può essere conservato in frigorifero avvolgendolo nella carta paglia e quindi in un sacchetto di plastica per alimenti, oppure in un barattolo sottovuoto da tenere in un luogo buio e asciutto.

PROPRIETÀ DELLO ZENZERO

Considerato tra i più efficaci medicinali antinausea, lo zenzero, grazie alle sue proprietà antiemetiche che agiscono sulle pareti di stomaco e intestino, può essere usato nel trattamento della nausea mattutina, il mal d’auto e di mare, come digestivo naturale e antiacido, coadiuvante nelle patologie gastrointestinali e protettivo della mucosa gastrica.

Mentre grazie alle sue proprietà antibiotiche, lo zenzero, è ottimo nel trattamento dei sintomi influenzali e da raffreddamento, tosse, bronchiti, per il cuore e l’apparato circolatorio.

Lo zenzero è anche un potente antinfiammatorio naturale. Può essere impiegato nel trattamento dell’osteoartrite e dolori muscolari e articolari in genere con impacchi caldi. O ancora per trattare piccole ustioni, eruzioni cutanee ed herpes grazie alla sue caratteristiche decongestionanti.

È ottimo anche come calmante per le nevralgie di varia natura, quali mal di testa, mal di denti e dolori mestruali, assumendolo tempestivamente all’insorgere dei fastidi.

Lo zenzero è anche un valido alleato nelle diete dimagranti. Infatti grazie alle presenza di gingerolo e shogaolo aiuta a drenare i liquidi in eccesso, a disintossicare e tonificare l’organismo.

Inoltre permette di bruciare le calorie più velocemente, aumenta il metabolismo, contribuendo alla perdita di peso. Basta masticarne qualche pezzetto un paio di volte a giorno o bere infusi e tisane a base di zenzero.

Le sue proprietà tonificanti, che stimolano la circolazione del sangue lo rendono un ottimo rimedio per combattere e prevenire gli stati di affaticamento e i piccoli problemi sessuali maschili. Infatti lo zenzero è anche noto per le sue proprietà afrodisiache.

“MANEGGIARE” CON CURA

Nonostante le sue tante proprietà curative, lo zenzero, come tutto del resto, deve essere assunto con moderazione, senza superare le dosi giornaliere consigliate, onde evitare l’insorgenza di effetti indesiderati quali diarrea, bruciori di stomaco, irritazione della bocca, meteorismo. Inoltre non deve assolutamente essere assunto in gravidanza e da persone con problemi circolatori o di coagulazione del sangue  e di ipertensione.

UNA SANA ABITUDINE QUOTIDIANA

Per far diventare lo zenzero una sana abitudine quotidiana e beneficiare delle sue innumerevoli proprietà, basta masticarne 2/3 grammi prima dei pasti oppure usarlo in polvere o grattugiato come condimento per gustose insalate o speziati primi piatti. O addirittura come aroma per fantastici biscotti per merende o colazioni sane e genuine, magari accompagnati da un bel centrifugato di zenzero e carote.

biscotti allo zenzero

Provate anche lo zenzero come contorno in versione “giappo”. Fatelo marinare in una salsa agrodolce preparata facendo bollire in una pentola per 5 minuti aceto, zucchero, miele e sale. Potete anche usare lo zenzero come condimento per i legumi o per preparare sfiziosi aperitivi per gli amici. Oppure in versione tisana per prevenire o curare il raffreddore e altri malanni di stagione, nelle fredde serate invernali.

Qualsiasi sia l’uso che ne intendete fare, ricordate sempre di non superare le dosi giornaliere consigliate, così da poter godere a pieno solo i tanti e preziosi benefici dello zenzero.