Tratto dalla saga letteraria Wonder della scrittrice newyorkese R. J. Palacio, arriva il 4 gennaio al cinema distribuito da Notorious Pictures in collaborazione con Medusa Film “Wonder White Bird” diretto da Marc Forster. Trama, trailer, cast e recensione

Wonder White Bird recensioneEsperienze di straordinaria umanità ritornano sul grande schermo con “Wonder White Bird”, il nuovo capitolo tratto dalla graphic novel di R. J. Palacio, in arrivo al cinema dal 4 gennaio. Questo spin-off, diretto dall’acclamato regista di “Neverland” e “Non così vicino”, Marc Forster, e interpretato da talenti come Ariella Glaser, Orlando Schwerdt, Bryce Gheisar, Gillian Anderson ed Helen Mirren, prosegue il percorso del precedente campione di incassi, “Wonder” (Stephen Chbosky, 2017).

TRAMA

In questo nuovo capitolo, lo sguardo si focalizza su Julian, il bullo del primo film interpretato da Bryce Gheisar. Dopo essere stato espulso dalla scuola per il suo comportamento nei confronti di Auggie, Julian fatica ad adattarsi al nuovo ambiente. La trama si sviluppa con la nonna di Julian, Sara, interpretata da Helen Mirren, che condivide con lui la toccante storia della sua infanzia durante l’occupazione nazista in Francia. Sara, all’epoca una giovane ragazza ebrea interpretata da Ariella Glaser, fu nascosta e protetta da Julien, interpretato da Orlando Schwerdt. La storia mette in luce la sensibilità e il coraggio di Julien, dimostrando il potere di trasformazione della gentilezza capace di cambiare il corso degli eventi.

 

Esattamente come Wonder, anche “Wonder White Bird” è un racconto di formazione capace di emozionare e di far riflettere sul modo in cui, anche nelle circostanze più drammatiche, l’empatia per gli altri e la gentilezza possano davvero fare la differenza nel mondo. Magari non sarà un capolavoro, ma è senza dubbio in grado di amplificare il messaggio di gentilezza del movimento “Choose Kind” e di lasciare qualcosa di positivo nel cuore degli spettatori di ogni età.