Scopri trama, trailer e recensione in anteprima di “Wish”, il lungometraggio Walt Disney Animation Studios che rende omaggio ai 100 anni di storia Disney che arriverà il 21 dicembre nelle sale italiane. A doppiare la versione italiana i talent Gaia (Asha), Amadeus (Valentino) e Michele Riondino (Re Magnifico)

“Wish,”  (© 2023 Disney. All Rights Reserved)

I sogni son desideri, di felicità…così recitava la famosissima canzone di Maria Cristina Brancucci nella colonna sonora di “Cenerentola“, e quale parola se non “Desiderio” (WISH) può rappresentare in maniera magistrale il titolo del film che omaggia i 100 anni dei Walt Disney Animation Studios?

In uscita nelle sale il 21 dicembre, “Wish”, diretto dai registi Chris Buck e Fawn Veerasunthorn, è stato realizzato con una tecnica grafica mista, ancora un po’ acerba, che ricorda un libro di fiabe con illustrazioni ad acquerello, evocando i dipinti che ispirarono alcuni dei primissimi film dello studio, tra cui “Biancaneve e i sette nani” (1937), “Pinocchio” (1940) e “La bella addormentata nel bosco” (1959). Tecnica che si fonde con la CGI dando la sensazione di vedere in alcuni tratti l’una o l’altra tecnica mescolarsi non perfettamente, ma con un effetto sicuramente romantico. Mentre per quanto riguarda il doppiaggio, la versione italiana vede nel cast anche alcuni immancabili talent ad aggiungere al film un pizzico di magia in più: Gaia (Asha), Amadeus (Valentino) e Michele Riondino (Re Magnifico– Dialoghi). Talent che sono stati protagonisti dell’anteprima italiana tenutasi a Roma a supporto di Make-A-Wish® Italia. Durante la serata, Gaia ha incantato gli ospiti con una speciale esibizione del brano “Un sogno splende in me”, incluso nella colonna sonora originale del film, ora disponibile su tutte le piattaforme digitali.

wish film di Natale Disney recensione

LA COLONNA SONORA

Tra i protagonisti del nuovo lungometraggio Disney non possiamo non menzionare la colonna sonora, che come per molti suoi illustri predecessori, rappresenta anche per “Wish” il fulcro della sua essenza. In effetti molti dei film Disney più amati sono vere e proprie esperienze musicali, che donano agli spettatori un vasto spettro di emozioni dandogli la sensazione di essere su un’altalena emotiva, e gran parte di queste sono proprio veicolate attraverso la musica. Così quando è iniziata la scelta dei compositori per le canzoni di Wish, gli autori desideravano trovare artisti capaci di creare un sound che fosse simultaneamente senza tempo e contemporaneo. E in questo Julia Michaels con il suo partner Benjamin Rice, hanno dato vita a brani originali che hanno ispirato tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione del film. Il suo processo collaborativo è stato davvero unico partendo dalla discussione con gli autori circa le motivazioni dei personaggi creati.

TRAMA

wish film di Natale Disney recensione

© 2023 Disney. All Rights Reserved.

La storia si svolge nel magico regno di Rosas, dove Asha (Ariana DeBose), una brillante sognatrice, esprime un desiderio così potente da invocare una forza cosmica: una piccola sfera di sconfinata energia chiamata Star. Insieme, Asha e Star si troveranno ad affrontare un formidabile avversario, Re Magnifico (Chris Pine), il sovrano di Rosas, per salvare i suoi sudditi. Infatti il re si fa consegnare da ogni abitante di Rosas, al compimento della maggiore età, il desiderio più grande. Desiderio che, in base al suo insindacabile giudizio, prima o poi si avvererà. Tra le persone che ancora non hanno visto realizzato il proprio desiderio c’è anche Sabino, nonno di Asha, che sta per compiere 100 anni. La ragazza, diciassettenne, si appresta a fare il colloquio per diventare assistente del re, nella speranza che questo aiuti a far avverare il desiderio del suo amato nonno. Un desiderio che l’anziano non ricorda perché una volta affidato al re lo si dimentica per sempre.

Durante il colloquio, però, Asha scopre un’amara verità, ovvero il Re Magnifico, ha già deciso di non avverare il sogno di nonno Sabino perché lo considera pericoloso per il regno e la nipote non capisce perché i sogni che non verranno mai realizzati non vengano restituiti al legittimo proprietario che così non saprà mai quale sia il suo più grande desiderio, né tanto meno avrà la possibilità di realizzarlo. La scoperta del lato oscuro di Re Magnifico spingerà Asha a interpellare le Stelle per cercare di cambiare le cose. E qualcosa cambierà… Una stella dal cielo andrà in suo aiuto portando una luce nuova su tutto il regno, ma Magnifico, che vede la cosa come una minaccia per sé stesso, inizierà una battaglia fatta di colpi bassi e tradimenti, in cui Asha dimostrerà che, quando la volontà di un essere umano coraggioso si unisce alla magia delle stelle, possono accadere cose meravigliose.

“Wish” è un film a lieto fine, dove non mancheranno i momenti tipici dei lungometraggi Disney fatti di ansia e sana adrenalina, né tanto meno gli importanti insegnamenti di respiro universale, in questo caso proprio legati ai desideri che non devono essere affidare ad altri, ma bisogna far di tutto per non dimenticarli, portarli avanti e cercare di realizzarli a tutti i costi. Insomma un invito a rimboccarsi le maniche e darsi da fare, altrimenti i sogni non diverranno realtà.

Per il resto avevamo già parlato dell’importanza di questo film per Disney quando c’era stata spiegata in occasione dell’anteprima fatta nella prima metà di quest’anno, e devo dire che la cosa che mi è piaciuta di più durante l’anteprima è stata la presenza di alcuni bambini che hanno riso di gusto, segnale incoraggiante, perché da nostalgico e appassionato di film Disney credo sia giusto festeggiare tutti insieme questo centenario, sperando che Disney possa continuare a regalarci prodotti sempre migliori, degni della storia che rappresentano. Non mi resta che darvi appuntamento al cinema dal 21 Dicembre e a invitarvi a non smettere mai di provare a realizzare i vostri desideri 😉