val-di-fassa-travel-therapy-jpg-federica-bruniniQuello delle ferie estive è un capitolo per molti ormai chiuso, almeno per quest’anno e, lasciati i luoghi di relax si è tornati agli impegni della routine quotidiana, al lavoro e alle responsabilità. Il tutto magari accompagnato da uno strano malessere e un senso di inquietudine che non ha niente a che vedere con i malesseri tipici della stagione autunnale. Di cosa si tratta allora?

“Diagnosi”

Se i sintomi che avvertite sono stanchezza (ma siete tornati solo da pochi giorni al lavoro), inquietudine, umore instabile, spossatezza, noia e un latente senso di insoddisfazione, tranquilli siete solo affetti da stress da rientro.

Infatti secondo le statistiche, sembra che il dover ritornare ai ritmi del tran tran di tutti i giorni dopo la piacevolissima parentesi estiva, generi una sorta di sindrome depressiva post vacanze in quasi sei milioni di italiani.

Dove andare e perché

Prima di tutto come ci insegnano psicologi e terapisti il modo migliore per limitare lo shock da rientro post vacanze è tornare alle attività quotidiane gradualmente, concedendosi durante il week end qualche giorno di decompressione magari all’aria aperta e all’insegna di una sana attività fisica. Perché come è noto mentre si fa sport nel nostro organismo vengono rilasciate sostanze chimiche come l’endorfina che favoriscono il benessere psicofisico e il buon umore, facendoci sentire piacevolmente appagati e in pace con noi stessi e il mondo che ci circonda. E da questo punto di vista non c’è niente di meglio della montagna.

Luogo ideale per ritemprare corpo e spirito come dico anche nel mio libro Travel Therapy: il viaggio giusto al momento giusto, primo di una serie di guide per orientarsi nel mondo e scegliere gli itinerari che fanno bene al cuore e allo spirito.

E a proposito di montagna oggi vi consiglio di fare i bagagli per la splendida Val di Fassa.

mountain-bike- val di fassa

In questo periodo ancora luogo ideale per rigeneranti passeggiate in mountain bike oppure per fare del trekking. Mentre in inverno offre fantastiche piste da sci e snowboard. Per non parlare poi del buon cibo gourmet, degli ottimi vini, della natura, delle spa e dei paesaggi mozzafiato che si possono “gustare” in ogni stagione. Insomma tutti ingredienti per un’ottima ricetta riossigenante!

Cosa vedere

La Val di Fassa (in ladino Val de Fascia) con i suoi vasti boschi, specchi d’acqua cristallini, splendidi scenari dolomitici, originalità dell’offerta wellness, active e gourmet si trova incastonata nel Trentino nord-orientale ai confini con la provincia di Bolzano (Alto Adige) e di Belluno (Veneto). Posizionata proprio nel cuore delle Dolomiti, è circondata da alcuni dei più importanti massicci delle Dolomiti: i Monti Pallidi, la Marmolada, il Gruppo del Sella, il Sassolungo, il Gruppo del Catinaccio che la rendono una meta ideale sia per gli amanti degli sport invernali nella stagione fredda che delle attività all’aria aperta d’estate.

val di fassa -travel-therapy

Bellezze naturali a parte è bello immergersi anche nella cultura ladina andando a visitare i suoi caratteristici paesini come:

  • Campitello di Fassa in estate e soprattutto tra settembre e ottobre è la meta ideale per gli amanti del volo libero. Infatti è un rinomato centro di ritrovo internazionale per gli amanti di deltaplano e parapendio proprio grazie al particolare microclima di questa stagione. I più vicini punti di decollo da Campitello sono al Col Rodella (raggiungibile anche attevarso la funivia Campitello-Col Rodella) e al Passo Sella. Inoltre qui si possono fare splendide escursioni a cavallo, in mountain bike, giocare a golf o semplicemente rilassanti passeggiate nei boschi.

    Piazza centrale di Campitello di Fassa (inverno)

    Piazza centrale di Campitello di Fassa (inverno)

  • Canazei è il centro più rinomato grazie anche alla posizione strategica a ridosso dei passi dolomitici Pordoi, Sella e Fedaia. D’inverno, diventa un’autentica “Capitale dello sci” situata proprio nel cuore del Sellaronda e del Dolomiti Superski, il piu grande consorzio sciistico europeo con 1200 km di piste, e dotata di ben quattro comprensori: Belvedere, Ciampac, Col Rodella e Marmolada, comodamente raggiungibile dal paese. Mentre d’estate si trasforma nel paradiso degli escursionisti: piacevoli passeggiate tra prati fioriti e foreste millenarie, trekking in quota, arrampicate sulle vette. La presenza di strutture sportive, negozi, ristoranti e pub fanno di Canazei la meta ideale per una vacanza in montagna sia per persone di ogni età.

    Canazei

    Canazei

  • Mazzin in cui si può visitare “casa Battel”, l’unico esempio di maniero rustico-signorile dell’intera valle. Una costruzione dotata di una torre cuspidata e di affreschi e decorazioni di notevole valore artistico. Qui inoltre sono state ritrovate sul Doss dei Pigui antiche e importanti tracce umane: i resti di un insediamento fortificato della civiltà retica. Mazzin è anche il punto di partenza privilegiato per gli appassionati dello sci di fondo, che possono percorrere da qui il tracciato della Marcialonga che porta fino a Canazei, mentre per gli appassionati di sci alpino offre una capillare rete di skibus verso gli impianti di sci delle località vicine.
  • Moena si trova all’imbocco della Val di Fassa ed è attraversata dal fiume Avisio, in cui si immettono, proprio all’altezza del centro del paese, due affluenti: il rio San Pellegrino e il rio Costalunga. L’intreccio di vallate laterali, corsi d’acqua, prati, colline alberate di larici e abeti, dominato dagli splendidi Monti Pallidi, ne fanno un panorama di rara bellezza. Qui ci si può sbizzarrire in lunghe passeggiate alla portata di tutti alla scoperta non solo del delizioso centro storico di Moena ma anche dei suoi dintorni.

    Lago tra Moena e Soraga

    Lago tra Moena e Soraga

  • Pozza di Fassa dove si trova la Torre di Pozza, una torre appunto con una struttura quadrangolare caratterizzata da muri possenti segnati da strette feritoie sormontata da un tetto a spiovente. Usata come residenza estiva da una nobile famiglia tirolese, è l’unico esempio di fortificazione ancora presente nella valle oltre alla “corte de fassia”, la torre di Vigo di Fassa ormai scomparsa.
    Inoltre qui alle pendici del Vajolet potreste ritemprarvi nel piccolo rifugio “Re Alberto” da una bella passeggiata immersi nella vegetazione alpina lungo un percorso semplice e adatto a tutti. Qui si può ammirare un panorama mozzafiato su tutta la valle.

    pozza_di_fassa- val di fassa -travel-therapy

    Pozza di Fassa

  • Vigo di Fassa, sede dell’Istituto Culturale Ladino, un centro propulsore per lo studio e la tutela della cultura ladina. Che negli ultimi anni sta vivendo una crescita esponenziale e una sensibile affermazione in tutta la comunità fassana.

Cosa mettere in valigia

Il clima della Val di Fassa è tipicamente alpino con estati fresche e inverni rigidi. Quindi nei mesi caldi si ad indumenti leggeri per il giorno, scarponi da trekking e scarpe da ginnastica, non dimenticando di mettere in valigia un bel maglione caldo e una giacca a vento per la sera o le giornate piovose. In inverno invece via liberi ad indumenti termici, piumini, guanti, sciarpe e cappelli, stivali caldi e comodi, doposci e se siete appassionati di sport invernali l’occorrente per praticarli.

cosa-mettere-in-valigia-montagna- val di fassa -travel-therapy

Sia in estate che in inverno non dimenticate di mettere nel beautycase, burro cacao, una buona protezione solare e un prodotto da applicare dopo una giornata di sci o passata all’aria aperta, perché il sole qui picchia ancor più che al mare.

Dove mangiare e cosa mangiare

Per quanto riguarda la gastronomia qui c’è veramente da sbizzarrirsi tra ristoranti in tipico stile tirolese in cui gustare i piatti tipici della cucina fassana, ristoranti gourmet citati anche nelle migliori guide italiane, malghe e rifugi in quota.

E a proposito di Malghe se siete in vacanza da queste parti non potete non provare il famosissimo ristorante Malga Panna a Moena (Strada de Sort, 64). Un locale molto chic e caratteristico, con un servizio estremamente attento e curato che vi coccolerà dall’inizio alla fine. I piatti sono tutti squisiti e magnificamente presentati, tanto che sembra un peccato mangiarli, ma non vi fate scrupoli perché il gusto è ancora migliore dell’aspetto! Il tutto inoltre è ottimamente abbinato con verdure e vini. I prezzi non sono molto economici ma ne vale veramente la pena e soprattutto ricordatevi di prenotare per non rischiare di rimanere a bocca asciutta.

Canederli

Canederli

Mentre parlando di piatti tipici della Val di Fassa, vanno sicuramente citati i canederli, i famosi gnocchi di pane preparati con il formaggio Puzzone di Moena, con lo speck oppure dolci con ricotta o confettura; la polenta cucinata nel paiolo di rame e accompagnata con formaggio fuso oppure con spezzatino di capriolo o stinco di maiale. E una volta arrivati al dessert non si può assolutamente resistere alle fortaes, pasta fritta dalla caratteristica forma a chiocciola accompagnata da marmellata di mirtilli rosso e al caratteristico strudel di mele tiepido con crema alla vaniglia.

Quindi dimenticate per un po’ la dieta e piuttosto cercate modi alternativi per smaltire le calorie in più!

Shopping

Lo shopping in Val di Fassa non è solo un modo alternativo di passare il tempo ma è un momento per immergersi nella cultura ladina. Per conoscere odori, sapori e colori di una terra splendida grazie non solo ai tanti negozi di specialità alimentari ma anche a quelli di artigianato artistico in cui potrete trovare tipici tessuti lavorati a mano e sculture in legno.

val-di-fassa-shopping

Un’altra shopping experience da fare assolutamente è quella dei mercatini tipici che si snodano nelle splendide vie e piazze delle più belle località della Val di Fassa. Di seguito un piccolo memorandum di dove potete trovare i mercati a seconda del giorno della settimana:

  • Lunedì: Campitello Via Pent de Sera (Loc. Ischia)
  • Martedì: Vigo di Fassa Via Nuova (Centro Sportivo)
  • Giovedì: Pozza di Fassa Via Buffaure
  • Sabato: Canazei c/o piazzale Piscina
  • Domenica: Mazzin di Fassa Via Dolomiti

L’esperienza assolutamente da fare

Regalatevi un soggiorno da sogno nello splendido Chalet Marcora a Campitello di Fassa, il nuovo boutique hotel che unisce il fascino di un autentico chalet di montagna al comfort del design contemporaneo. Situato a pochi passi dal centro e a soli 150 metri dalla funivia del Col Rodella, il più importante impianto della valle che in inverno collega Campitello di Fassa al comprensorio sciistico del Sella Ronda (www.dolomitisuperski.com) mentre, in estate, è la porta di accesso per splendide passeggiate.

chalet-marcora-stanze-val-di-fassa-travel-therapy

Allo Chalet Marcora tutto è studiato per creare un’esperienza di ospitalità super personalizzata e rilassante a cominciare dall’uso simbolico dei colori nell’arredamento delle camere per donare ad ogni ambiente un valore unico che si sposa con la personalità degli ospiti, alla raccolta area wellness con bagno turco, sauna, docce emozionali con cromo-terapia, cascata di ghiaccio, lettini relax con materassi ad acqua, sauna finlandese esterna, bagno di fieno e solarium.

Chalet Marcora (area wellness)

Chalet Marcora (area wellness)

Per non parlare della cucina! Tutte le mattine viene servita agli ospiti dell’hotel una ricca colazione continentale, con prodotti locali e regionali, preparata dallo Chef, che il pomeriggio si cimenta anche in una rigenerante merenda pomeridiana per accogliere gli ospiti dopo le fatiche di una giornata di sane attività all’aria aperta come arrampicata, trekking, mountain bike, parapendio, golf e tante altre ancora.

parapendio-val-di-fassa

Merenda che premia la tradizione del famoso “afternoon tea” delle ore 17, con un vero e proprio menu dei tè selezionati dalla casa THEODOR PARIS, un atelier per la creazione di tè che unisce l’eccellenza della selezione al talento della composizione di miscele profumate. E tra la ricca proposta offerta dallo Chalet Marcora ci sono:

  • tè neri aromatizzati con note profumate di bergamotto, fragola, vaniglia e frutta rossi;
  • tè naturali con note affumicate di abete rosso, con aromi di legno oppure con note dolci floreali;
  • tè verde;
  • “british breakfast” con retrogusto florale e del tè nero;
  • tè verdi aromatizzati al mirtillo, al ribes, alla pesca, al bergamotto, alla menta e al gelsomino;
  • infusi di frutta e piante per favorire il relax e la digestione.

Il tutto accompagnato da soffici torte e fragranti biscotti per un’esperienza sensoriale e di gusto a 360°.