Arriva il 10 luglio su Netflix The Old Guard, film tratto dalla serie a fumetti di Greg Rucka e Leandro Fernandez e diretto da Gina Prince-Bythewood, con Charlize Theron e il nostro Luca Marinelli. Trama, trailer e recensione

The Old Guard il nuovo action movie targato Netflix con Charlize TheronThe Old Guard racconta una storia cruda, ancorata alla realtà e piena d’azione che dimostra come vivere per sempre non sia così semplice. Da secoli il mondo dei mortali è protetto da un gruppo clandestino guidato da una guerriera di nome Andy (Charlize Theron). Al suo interno ci sono mercenari molto uniti tra loro e che stranamente non possono morire. Durante una missione urgente le straordinarie capacità dei componenti della squadra diventano improvvisamente pubbliche. Ora tocca ad Andy e all’ultima arrivata Nile (Kiki Layne) aiutare il team a scongiurare il pericolo rappresentato da chi, a qualsiasi prezzo, intende replicare e sfruttare economicamente questo dono. Proprio quando scoprono una nuova immortale, i quattro guerrieri che da secoli proteggono l’umanità, finiscono sotto tiro a causa dei loro poteri misteriosi.

 

I fumetti sono il futuro delle nuove produzioni, questo è abbastanza chiaro. Svilupparli per il piccolo schermo vuol dire aver modo di ancorarsi alla loro fama iconica ben consolidata, far diventare reali personaggi idolatrati e sviluppare in maniera approfondita tematiche sociali di spessore. Il potere del fumetto come anche quello delle favole con illustrazioni, che sono state usate da sempre per divulgare e inculcare stereotipi, usi e costumi da tramandare attraverso le generazioni, non va sottovalutato. Dunque trarre una storia televisiva da un fumetto oggi è mossa vincente e Netflix lo ha capito.

The Old Guard si sviluppa attorno sequenze action pulite e ben coreografate che intrattengono lo spettatore lasciandolo con la voglia di guardare subito la prossima scena.

L’immortalità non è un concetto facile da gestire, vivere per secoli può diventare pesante, soprattutto se intorno a noi si susseguono i decessi delle persone cui ciclicamente ci leghiamo. Questo un evidente aspetto sofferto dai personaggi di The Old Guard che avvertono la stanchezza, la frustrazione di secoli passati a combattere contro un’incrollabile tendenza reiterante dell’umanità alla malvagità, alla capacità costante di essere crudeli, spietati e ingiusti.

Ecco che entriamo nello spessore della sceneggiatura, l’immortalità del fumetto viene traslata nei personaggi che vivono al suo interno, ineluttabili e con un obiettivo ben preciso, salvare il mondo. Dare la speranza allo spettatore che ci sia qualcuno a proteggerlo sempre e comunque è un tema che ha sempre funzionato, al contempo dare ai protagonisti un lato umano conferendogli dubbi e problemi esistenziali, crea un legame emotivo con il pubblico.

Peccato che alcuni aspetti caratteriali degli eroi di The Old Guard, non sono approfonditi come ci sarebbe piaciuto, ma forse è il giusto modo di guardare ad un eroe, con un po’ di distacco e curiosità. Toccato anche il tema della diversità fisiologica, l’illusione che si possa modificare geneticamente un essere umano fino a migliorarne le prestazioni o a guarirne le malattie. Un traguardo scientifico attorno al quale girano molte sceneggiature anche per il grande schermo.

Altro particolare da non trascurare è l’importanza che viene data ai personaggi femminili che sempre più spesso vengono messi al centro della storia. Caratteristica che sta prendendo sempre più piede anche nelle serie televisive soprattutto tratte da fumetti. Inoltre alcune scene sono anche in italiano e francese quindi se volete divertirvi con la versione originale potrete vivere un’esperienza davvero intrigante… !

Impossibile non parlare a tal proposito della magnifica Charlize Theron, protagonista di questo film e attrice oggi molto ricercata per ruoli di donna forte, indurita dalla vita e combattente. La sua classe e bellezza riescono a convivere con una fisicità e un carattere versatile, se visto dal punto di vista recitativo. È un’attrice mutevole e questo è un gran dono dal punto di vista attoriale, soprattutto per una donna. La abbiamo già vista interpretare con successo ruoli da guerriera, con capelli corti e ferite sanguinanti, come nella Furiosa di Mad Max oppure incredibilmente abile e sexy in Atomica bionda o regale, crudele e intoccabile come nella la Regina cattiva di Biancaneve. Per poi ricordarla in un ruolo drammatico nell’Avvocato del diavolo. Senza dubbio ora sappiamo cosa ci aspetta guardando The Old Guard.

Ma se scoprissimo che in realtà i nostri supereroi sono tutti mortali? E mentre pensate alla risposta a questo annoso quesito, vi lascio alle “6 cose da sapere prima di guardare il film“. Buona visione!