SUP Yoga, la nuova tendenza del fitness, che coniuga Yoga e attività in acqua, contribuendo al benessere di corpo e spirito!

dashama-sup-yoga-board

Arriva dalle esotiche Hawaii la nuova tendenza in fatto di fitness, che risponde al nome di SUP Yoga e sta facendo il giro del mondo, spopolando anche tra le celebrities nostrane e d’oltreoceano.

Il SUP Yoga è una disciplina che prevede l’esecuzione di esercizi yoga stando in acqua su un SUP (Stand Up Paddleboard) ovvero una tavola da surf gonfiabile, più larga del normale, sulla quale si pagaia in piedi e che può essere utilizzata per fare passeggiate in mare, surfare sulle onde, praticare esercizi ginnici oppure per prendere il sole in mezzo al mare.

Perfetta per chi vuole coltivare fisico e spirito anche in Estate, all’aria aperta lontano dall’artificiosità della palestra.

Una classica lezione di SUP Yoga si articola generalmente in tre fasi:

  1. si inizia a terra eseguendo alcuni esercizi di riscaldamento e con l’iniziare a prendere confidenza con la tavola da SUP;
  2. quindi si entra in acqua con la classica pagaiata in piedi, che permette di familiarizzare con la tavola, migliorare il proprio equilibrio e rafforzare muscolatura di glutei, addominali, schiena, braccia e spalle;
  3. a questo punto si passa all’ancoraggio della tavola in acqua e alla pratica degli esercizi di yoga.

Per coloro che volessero avvicinarsi a questa nuova disciplina acquatica, illustriamo brevemente le tre posizioni base:

  1. posizione del cane piegato (Adho Mukha Svanasana): con i palmi dei piedi e delle mani sulla tavola, braccia e gambe divaricate, cercate prima di tutto l’equilibrio, quindi alzate il fondoschiena formando un angolo di 90 gradi tra schiena e gambe, ovvero una specie di V rovesciata, la testa deve essere in linea con la colonna vertebrale (vedi foto). Respirate con il naso.
    Benefici: questa posizione è un vero toccasana per chi soffre di malattie legate alla respirazione, come la sinusite.

    Posizione del cane piegato

    Posizione del cane piegato

  2. Posizione della luna crescente (Anjaneyasana): eseguite un affondo in avanti con la gamba piegata a 90° e stendete la gamba dietro, quindi allungate le braccia verso l’alto, curvando la schiena indietro (vedi foto); se avete problemi di equilibrio, potete in alternativa, poggiare le mani sulla tavola.
    Benefici: questa posizione oltre a migliorare l’equilibrio, serve per rafforzare e tonificare glutei e cosce.

    Posizione della luna crescente

    Posizione della luna crescente

  3. Posizione del cammello (Ustrasana): mettetevi in ginocchio sulla tavola, curvate braccia e schiena all’indietro, fino a toccare con le mani la pianta dei piedi, quindi portate la testa all’indietro, distendendo collo e addome. Se avete problemi di equilibrio o di flessibilità articolare, potete mantenere la colonna dritta e guardare fisso davanti a voi.
    Benefici: con questa posizione si può aumentare la flessibilità della colonna vertebrale e potenziare i muscoli della schiena.

    Posizione del cammello

    Posizione del cammello

Il SUP Yoga è adatto a tutti, infatti per praticarlo, è sufficiente saper stare a galla ed in più presenta numerosi benefici come:

  • aumentare flessibilità, agilità e coordinazione dei movimenti;
  • correggere la postura;
  • migliorare il tono muscolare
  • alleviare il mal di schiena
  • migliorare il sistema cardio-circolatorio
  • equilibrare il funzionamento degli organi interni e delle ghiandole endocrine
  • aumentare la capacità di concentrazione e la chiarezza mentale
  • ridurre lo stress e imparare a rilassarsi

Inoltre, la pratica di un’attività all’aria aperta contribuisce alla produzione della vitamina D, fondamentale per il fissaggio del calcio nelle ossa.