Dal 9 al 13 maggio si terrà al Lingotto Fiere il Salone Internazionale del Libro di Torino, guidato da Annalena Benini. Ad animare la nuova edizione un’ampia gamma di eventi pensati per lettori di tutte le età che coinvolgeranno autori italiani e internazionali

Salone Internazionale del Libro di Torino programmaIl Salone Internazionale del Libro di Torino, ritorna alla sua sede abituale presso il Lingotto Fiere dal 9 al 13 maggio, guidato dalla nuova direzione di Annalena Benini. Questo evento, che accoglie la comunità di lettori di tutte le età, promette incontri con autori nazionali e internazionali, offrendo l’opportunità di scoprire le pubblicazioni delle case editrici presenti e di esplorare nuove vite immaginarie insieme.

GLI SPAZI DEL SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO

Ritornano i consueti spazi del Salone del Libro: i padiglioni 1, 2, 3 e Oval di Lingotto Fiere, insieme al Centro Congressi Lingotto, a cui si aggiunge, per il secondo anno consecutivo, lo spazio Pista 500, un progetto artistico della Pinacoteca Agnelli. Una novità importante di quest’anno è il padiglione 4, uno spazio temporaneo all’aperto progettato per migliorare l’accessibilità e la visibilità del Salone, con un focus sulla programmazione del Bookstock, che offre laboratori e incontri non solo per i giovani ma per tutti i visitatori.

Le 51 sale ospiteranno quasi 2000 eventi, con l’aggiunta dell’Auditorium del Centro Congressi Lingotto che, per la prima volta, sarà aperto al pubblico dal venerdì al lunedì, aumentando così la capacità di posti a sedere per gli spettatori. Dal 2019, l’organizzazione della fiera coinvolge spazi appartenenti a sei soggetti diversi, tra cui il Lingotto Fiere, il Centro Congressi Lingotto e la Pinacoteca Agnelli.

IL TEMA DELLA XXVI EDIZIONE

Il tema della XXXVI edizione, “Vita immaginaria”, esplora il territorio creativo e misterioso che genera un patrimonio di infinite possibilità, fungendo sia da archivio che da mappa per il futuro. Il manifesto, illustrato dall’artista Sara Colaone, riflette su questo tema, celebrando l’immaginazione e la comunità.

In questa edizione, la Liguria sarà la regione ospite, mentre la lingua tedesca avrà uno stand dedicato nel padiglione Oval. Il Rights Centre, dedicato alla compravendita di diritti editoriali e audiovisivi, si terrà dal 8 al 10 maggio presso il Centro Congressi Lingotto, con oltre 500 professionisti provenienti da tutto il mondo.

La piattaforma digitale saltopiu.salonelibro.it sta registrando un alto flusso di visitatori, fornendo supporto a coloro che si preparano a partecipare al Salone. Il programma completo della XXXVI edizione è disponibile sul sito ufficiale cliccando QUI dal 12 aprile.

PROGRAMMA: VITA IMMAGINARIA

SERATA DI PRE-INAUGURAZIONE

Tradizionalmente, l’apertura del Salone sarà anticipata dall’evento di Rai Radio3, “Castelli in aria”, una serata di parole e musica con David Riondino, Monica Demuru e Natalio Mangalavite, che esplorerà il tema dell’immaginazione attraverso i secoli.

INAUGURAZIONE DI VITA IMMAGINARIA

La XXXVI edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino inizia ufficialmente il 9 maggio. Dopo i saluti istituzionali, Elizabeth Strout terrà la Lectio inaugurale, offrendo una riflessione personale sulla scrittura e sulle donne.

INAUGURAZIONI DI BOOKSTOCK E SCUOLE

Il programma per le scuole inizia con Maurizio Maggiani, seguito da un evento sul futuro dell’Europa. Luciana Littizzetto inaugura la sezione Leggerezza insieme ai giovani lettori.

SETTE SEZIONI: TUTTI GLI INCONTRI

La XXXVI edizione presenta sette sezioni tematiche, curate da esperti del settore, tra cui Arte, Cinema, Editoria, Informazione, Leggerezza, Romance e Romanzo, offrendo agli ospiti una vasta gamma di esperienze letterarie e culturali.

TEMI PRINCIPALI

Due grandi temi attraversano l’edizione di quest’anno: la riflessione sul ruolo delle donne nel passato, nel presente e nel futuro, e l’esplorazione della vita immaginaria come fonte di infinite possibilità creative.

La programmazione dettagliata sarà consultabile online, offrendo agli appassionati di libri e cultura l’opportunità di pianificare la loro partecipazione all’evento.