Dall’edizione autunnale RomaSposa 2017 tutte le nuove tendenze sull’organizzazione del matrimonio dagli abiti agli allestimenti floreali e gli immancabili e preziosi consigli del nostro hairstylist di fiducia Roberto Carminati

RomaSposaDomenica 8 ottobre si sono spenti i riflettori sull’edizione autunnale di RomaSposa, la kermesse che si pone come una finestra sul mondo del wedding che ogni anno porta tra i suoi stand e passerelle tutte le novità di settore. Che dopo averci mostrato negli anni una sposa orientata sempre più alla praticità e alla modernità, in questa edizione ci ha riportato una sposa romantica, fiabesca, con abiti raffinatamente sartoriali impreziositi da tessuti pregiati e lavorazioni rigorosamente fatte a mano.

Le gonne riprendono ampiezza e si allungano oltre i 2 metri, anche se non mancano le intramontabili linee a sirena, che esaltano le curve delle silhoutte più longilinee. I tessuti si alleggeriscono, aumentano le trasparenze, mai volgari, ritornano i pizzi resi più preziosi da ricami realizzati a mano e i colori si fanno pastello. Le linee pulite degli abiti sono rese dinamiche da rouches, volant, scollature profonde e spacchi, per un effetto vedo non vedo piacevolmente civettuolo. Tutto è curato fino al più piccolo dettaglio, per portare delicate note di movimento anche con nastri e fiocchi, che vanno dal ton sur ton fino ai colori a contrasto.

Per quanto riguarda le nuances maggiormente di tendenza per il 2018, si riconferma il bianco-avorio affiancato da un delicatissimo rosa antico, sempre in nome di un ritrovato romanticismo da fiaba. Colori che vanno ad esaltare tessuti preziosi come la seta, il mikado e l’organza, tutto all’insegna di una piacevole leggerezza, che ritroviamo anche nelle maniche in stile boho chic aggiunte alle versioni invernali di tanti modelli proposti.

E per le spose dall’animo rock che non vogliono nascondere i loro tatuaggi neanche il giorno del matrimonio? La stilista Maria Celli, dedica a loro la nuovissimo collezione “Wedding Tattoo” presentata in passerella da Claudia Lai, moglie del centrocampista belga della Roma Nainggolan.

Alice Rachele Arlanch (Miss Italia 2017) e Claudia Lai per Celli Spose

E per chi, invece i tatuaggi non li ha ma ne è sempre rimasta affascinata, ecco gli abiti che grazie a giochi d’intarsi di pizzi e trasparenze, riescono a dare un elegante effetto tattoo, a donare un super sexy e glamour effetto vedo non vedo su schiene e busti.

Femminilità ed eleganza in primo piano, un po’ in tutte le collezioni esposte, tra le quali ci fa piacere portare alla vostra attenzione “Madame” dello stilista Gian Paolo Zuccarello, vecchia conoscenza del nostro magazine. Una collezione frutto di quella Haute Couture presentata a luglio a Roma nel Chiostro dell’Angelicum, dedicata alle due nobildonne “Donna Maria Paternò” siciliana e “Donna Eugenia De Gemmis” pugliese e che sigilla l’idea di una donna femminile, austera, nobile e fastosa, amante del lusso e del bello.

I suoi abiti sono realizzati in tessuti naturali rigorosamente Made in Italy: organze dipinte a mano, impreziositi da ricami di pietre realizzati da mani sapienti a telaio, sui quali emergono minuzie artigianali di perle, cristalli Swarovski e pizzi valencienne francesi, per dettagli di gran classe. Se non siete riusciti ad ammirare la collezione a RomaSposa, non preoccupatevi perché potrete sempre ammirarla nel nuovo Atelier di Gian Paolo Zuccarello, in Via Calabria, 25 Roma.

E per quanto riguarda il make up? Beh anche qui la tendenza 2018 è all’insegna del nature, largo quindi a colori nude, illuminanti e blush per un effetto super glam della serie “il trucco c’è ma non si vede”. In abbinamento al make up ovviamente si deve parlare anche di parrucco e chi meglio dell’hairstylist delle star, Roberto Carminati, può illuminarci sulle tendenze in questo campo? Ed ecco le sue indicazioni per le acconciature sposa 2018.

“Le ‘mie’ spose tornano a chiedere acconciature minimal con dettagli personalizzati in grado di enfatizzare make up e abito. Un lavoro di squadra, dove il Coiffeur è in perfetta sintonia con lo stilista e ovviamente, la Sposa. A questo proposito, ho avuto modo di realizzare acconciature in sinergia con Designer di coroncine preziose e accessori per Hair updo personalizzati e di grandissimo pregio (vedi Lancellotti di Romano). E parlando di accessori, per l’anno prossimo registriamo il grande ritorno del velo, classico ed elegante e del cappello, che ricalca con grande gusto gli anni ’70”.

“Se poi dovessi esprimere un SI e un NO sempre in fatto di acconciature Sposa – ha aggiunto Carminati- direi: assolutamente SI alle acconciature realizzate da professionisti con cui vi siete confrontate preventivamente e ne avete chiesto disponibilità e impegno, senza tralasciare nessun dettaglio, colore, cura dei capelli ed eventuali hair integration. Mentre direi proprio NO all’improvvisazione e al fai da te. Infatti in queste occasioni, spesso cugine, consanguinei e affini si dilettano con acconciature che ahimè, inconsapevolmente, potrebbero anziché esaltare, rovinare il ‘Vostro’ grande giorno!”

Ma RomaSposa, non è stata solo abiti e make up, infatti erano oltre 200 le aziende presenti a questa edizione per permettere ai futuri sposi di scegliere e valutare tutti i dettagli del giorno più bello della loro vita dalle location per il ricevimento al viaggio di nozze, passando per bomboniere e allestimenti floreali anche questi ovviamente principeschi e dai toni tenui, in cui bianco e cipria saranno protagonisti indiscussi, donando a tutti gli ambienti eleganza e raffinatezza.