Trama, trailer, recensione e clip di “Ritorno al crimine”, atteso sequel di “Non ci resta che il crimine”, regia di Massimiliano Bruno con Alessandro Gassmann, Marco Giallini, Edoardo Leo, Gian Marco Tognazzi. In prima assoluta lunedì 12 luglio su Sky Cinema e NOW

ritorno al crimineMassimiliano Bruno torna a dirigere la banda di “criminali” più sgangherata di tutti i tempi in “Ritorno al crimine“, il nuovo film Sky Original attesissimo sequel di “Non ci resta che il crimine“. In questa nuova avventura ritroviamo il cast stellare della precedente pellicola, Alessandro GassmannMarco Giallini, Edoardo Leo e Gian Marco Tognazzi, che si arricchisce di Carlo Buccirosso, Giulia Bevilacqua, Massimiliano Bruno e Gianfranco Gallo, e della partecipazione di Loretta Goggi. Ovviamente presente anche il regista Massimiliano Bruno in veste di attore, ma anche di sceneggiatore con Alessandro Aronadio, Andrea Bassi e Renato Sannio.

SINOSSI

La vicenda riparte dal 2018 con i quattro amici, Sebastiano (Alessandro Gassmann), Moreno (Marco Giallini), Giuseppe (Gian Marco Tognazzi) e Gianfranco (Massimiliano Bruno), che scoperto di essere stati truffati da Sabrina (che si è dileguata portando con sé tutto il tesoro rubato alla Banda della Magliana), sono arrivati sulla Costiera Amalfitana dove la donna vive con il marito, Ranieri (Carlo Buccirosso), spregiudicato mercante d’arte, una figlia contesa, Lorella (Giulia Bevilacqua) intenzionati a riprendersi la loro parte. Ma i quattro non sanno che dal 1982 è arrivato con loro nel futuro anche Renatino De Pedis (Edoardo Leo), boss della banda della Magliana, deciso a riportarsi a casa tutto il maltolto.

A complicare le cose incontreranno, sulla loro strada verso il tesoro, moderni camorristi stile “Gomorra” e un nuovo salto nel passato sulle tracce di un fantomatico camorrista detto O’ Rattuso (Gianfranco Gallo).

 

“Ritorno al crimine”, sull’ispirazione di “Ritorno al futuro”, con i viaggi avanti e indietro nel tempo, mixata alla cinematografia dei Manetti Bros, è un action comedy rocambolesco che si muove su due diversi piani temporali tra la Napoli vintage, bella e pericolosa, del 1982 e una Napoli moderna, frivola stile “La grande bellezza” ma non meno pericolosa, regalando allo spettatore atmosfere poliziottesche anni ’70 con tanto di  sparatorie e inseguimenti e esilaranti gag giocate per lo più sullo spaesato Renatino poco avvezzo a social e diavolerie tecnologiche del 2018. Renatino protagonista assoluto con Buccirosso a fargli da straordinaria spalla in un divertente vernissage radical-chic tra influencer, vecchie glorie calcistiche (Antonio Cabrini, Bruno Conti) e camei canori (Achille Lauro).

A proposito del film Massimiliano Bruno ha commentato: “Una grande uscita in un momento positivo, dopo un anno e mezzo di sacrifici. Siamo felici di far divertire il nostro pubblico durante questa che si preannuncia come l’estate della rinascita. Sono davvero contentissimo di ricominciare. E non è finita qui...”

Ma “Ritorno al crimine” non è solo un film davvero godibile che dona spensieratezza, in un momento in cui, come detto anche da Bruno, se ne sente un grandissimo bisogno, ma è anche in grado di trasmettere messaggi belli e importanti ponendo l’accento sul tema della vera amicizia, quella che resiste al tempo e che unisce nonostante colossali differenze e su quello della solidarietà, disinteressata e pronta a tutto pur di aiutare chi ne ha bisogno.

Il resto scopritelo voi lunedì 12 luglio in prima assoluta su Sky Cinema e in streaming su NOW e se avete perso il primo capitolo della comedy saga, “Non ci resta che il crimine”, potrete recuperarlo anche on demand sempre su Sky.

“Ritorno al crimine” è prodotto da Fulvio e Federica Lucisano ed è una produzione Italian International Film – Gruppo Lucisano con Rai Cinema.