cena

Dopo una settimana di lavoro, routine e incombenze del vivere quotidiano, ritagliarsi del tempo per una cenetta tra le mura di casa, con gli amici più cari è certamente un piacere. Perché  l’organizzazione sia priva di stress e intoppi, basterà seguire qualche trucco: farà di voi dei perfetti padroni di casa!

Per far sentire gli ospiti davvero speciali esiste una parola magica: organizzazione! Ecco qualche punto per la riuscita della vostra cena con gli amici…

  • Optate per una lista delle pietanze, cercando di scegliere piatti che possono essere preparati in anticipo, in modo da doverli scaldare poco prima di servire. Questo vi permetterà di non trascorrere l’intera serata “in esilio” dinnanzi ai fornelli.
  • Prima di ricevere gli invitati, suddividete i compiti con gli altri componenti della famiglia. Stabilire chi farà cosa, darà un ritmo alla serata a scanso di imprevisti (come la cena che brucia in forno!) o gli ospiti assopiti tra piatti e bicchieri!
  • La cena dovrà essere conviviale, gioiosa, lontana da uno stile troppo formale. Non vi resta che scegliere una tovaglia dalle tinte accese, coordinare i piatti, i bicchieri e le posate.
  • Non fate mancare a tavola dei simpatici segnaposto, come piccolo dono per i vostri amici da portare a casa a fine serata! Qualche idea? Regalate delle spezie in sacchetti in canapa, o ancora delle tisane dalle proprietà diverse.
  • Durante la cena non perdetevi dietro l’ansia delle pietanze, cercate di trascorrere la serata in compagnia; quindi avanzate di portata in portata lentamente. Il bon ton lo richiede! Concludere una serata in tutta fretta non è un bel messaggio per i nostri invitati.
  • Dopo il dessert, mettete piatti in lavastoviglie, o in acqua calda (vi aiuterà a ripulire per il post serata!) e non pensate minimamente di assentarvi per riordinare l’intera cucina!

Parafrasando Anthelme Brillat-Savarin, noto gastronomo francese:

“Invitare qualcuno a pranzo vuol dire incaricarsi della felicità di questa persona durante le ore che egli passa sotto il vostro tetto. “