Nella notte di San Lorenzo tutti con gli occhi puntati al cielo a caccia di stelle cadenti per realizzare desideri nascosti. Ecco allora qualche dritta per non tornare a casa a “mani vuote”

Notte di San Lorenzo: ecco quando è più facile vedere le stelle cadenti

Notte di San Lorenzo stelle cadenti foto di Matheus Bertelli da Pexels

Chi almeno una volta nella sua vita non ha alzato gli occhi al cielo nella notte di San Lorenzo, 10 agosto, in cerca di una stella cadente nella speranza di veder realizzato quel desiderio nascosto da tempo in fondo al cuore? Sicuramente i più fortunati saranno anche riusciti a vederne interi sciami, magari scegliendo luoghi d’osservazione lontani dalle luci delle città, ma poi i loro desideri si saranno avverati?

Chi può saperlo… l’unica cosa certa è che quei fortunati osservatori avranno goduto di uno spettacolo stupendo, che si ripete più o meno puntuale ogni anno. Ma cosa sono in realtà quelle stelle cadenti che aspettiamo con ansia ogni 10 agosto?

IL FENOMENO DELLE STELLE CADENTI

Quelle piccole scie luminose che vediamo attraversare il cielo la notte di San Lorenzo e spesso anche nei giorni a seguire, altro non sono che frammenti di comete che passando in prossimità della Terra lasciano dietro di loro tantissimi detriti che entrando nell’atmosfera del nostro pianeta bruciano dando vita a quelle scie luminose a cui affidiamo i nostri desideri e che in pochi secondi si dissolvono.

Purtroppo in città, a causa della sovrailluminazione, il fenomeno non è ben visibile ma se con un po’ di accortezza si riesce a trovare il posto giusto nel momento giusto si riesce a godere una splendida pioggia di stelle cadenti.

QUANDO VEDERLE

Anche se come da tradizione la notte delle stelle cadenti è quella del 10 agosto, quest’anno secondo gli esperti sarà più facile vederle nei giorni del 12 e il 13 agosto anche perché la Luna sarà meno luminosa. Quindi se siete appassionati di stelle cadenti oppure avete qualche desiderio da esprimere cercate, nei giorni indicati, un posto lontano dalle luci della città, puntate gli occhi al cielo e in bocca al lupo 😉