È uscito lo scorso 15 dicembre su Amazon “Non volevo una vita spericolata”, libro autobiografico del Pinerolese Coco Lazzaro che diventa musica (una traccia musicale per ogni capitolo)

Non volevo una vita spericolata il libro che diventa musicaNon volevo una vita spericolata“, un libro che attraversa diversi periodi musicali a partire dal 1975 sino ai giorni nostri. Una storia impossibile, paradossalmente reale e autobiografica. La storia di un artista, Coco Lazzaro, che scommette su sé stesso, facendo un atto di fede, sfidando tutto e tutti, anche la fortuna, a partire proprio dall’episodio in cui racconta di aver strappato un biglietto della lotteria vincente da duecentomila euro per inseguire il suo sogno.

La musica è la vera protagonista del libro. Le note si inseguono, il silenzio parla, ci sono parole non dette che risuonano come un grido dell’anima.

Nel libro scopriamo che la vita di Coco s’intreccia con molti personaggi noti nel mondo dello spettacolo come: Pupo, Fiorello, Cecchetto, Albertino, Jovanotti, Franco, Mara Maionchi, Pippo Baudo, Mike Bongiorno, Tullio de Piscopo, Pino d’Angiò, J-AX e altri, assumendo le tinte più svariate.

“T.S.O.” IL PRIMO SINGOLO ESTRATTO DAL LIBRO

Il primo singolo estratto dal libro s’intitola “T.S.O.” ed è su tutte le piattaforme digitali dal 14 gennaio. Con esso l’autore lancia il messaggio di riportare al centro il consenso dell’individuo. Una storia che può essere un esempio positivo e stimolante per molte persone che vivono una condizione di disagio e che vorrebbero “ricominciare”. Una storia talmente incredibile che potrebbe diventare un film e infatti il libro partecipa al concorso “Una storia per il cinema”.

“Non volevo una vita spericolata” è in vendita su Amazon al prezzo di 15,60€ per la versione cartacea e 9,90€ per la versione E-book. Editore Coco production.

Il singolo è invece dell’indipendente Koala record che produrrà anche tutte le canzoni ispirate al libro racchiuse nel primo album di Coco Lazzaro.

A PROPOSITO DI COCO LAZZARO

Nato a Pinerolo (To) il 14/01/1962, a soli 14 anni incide il 45 giri “Che farai” con la direzione di Paolo Ormi famoso arrangiatore di Raffaella Carrà. Proprietario di una stazione radiofonica (Radio Koala) dal 1975 al 1982, negli anni ottanta crea “Studio Elle” il primo centro di produzione programmi per radio private. Produce tra gli altri il programma “Gli strani vari” con Piero Chiambretti.

Negli anni ’80 è conduttore di Radio Capodistria e molte radio locali. Nel 1991 incide con la Major Ariston il singolo “Il cellulare c’è l’hai?”, mentre negli anni ’90 è speaker in aziende come Mediaset e dj in Network con Subasio e Italia vera.

Nel ’96 diventa paroliere di Tullio de Piscopo in Passion mediterranea. Nel 1999 fonda Spot On Line il primo centro spot pubblicitari e jingles in rete. Pubblica con Azzurra music due singoli: “Voglio stare con te” e “Ti stavo pensando” con cui partecipa nel 2003 al festival show di Radio Bella e monella.

Dopo un viaggio in Mexico, nonostante il grande successo ottenuto con la sua attività, decide di abbandonare il suo lavoro di Speaker, produttore e copywriter pubblicitario per dedicarsi alla sua vera passione la musica. Nel 2018 incontra il produttore discografico Riccardo Rinaldi che lo esorta a scrivere un libro.