Trama, trailer e recensione del film diretto da Philippe de Chauveron, Non sposate le mie figlie! 2, divertentissimo sequel del fortunato Non sposate le mie figlie. Dal 7 marzo al cinema distribuito da 01 Distribution

non sposate le mie figlie 2 recensioneCrisi familiari e multiculturalità: è questo l’asset di Non sposate le mie figlie! 2, film nella sale cinematografiche dal 7 marzo dopo il successo di 150 milioni di incasso in tutto il mondo ottenuto con la prima versione. Al centro della pellicola, diretta da Philippe de Chauveron, è la Francia contro tutto il mondo dopo che i coniugi Verneuil, nella prima trama, si sono rassegnati al matrimonio delle loro adorate quattro figlie con uomini di origini e culture molto distanti dalla loro: Rachid, musulmano di origini algerine, Chao, ateo e figlio di cinesi, l’ebreo David e il senegalese Charles.

Questa volta il film, con protagonisti gli attori Christian Clavier (Claude), Chantal Lauby (Marie), Ary Abittan, Medi Sadoun, Frédéric Chau, Noom Diawara, Frédérique Bel, Julia Piaton, Emilie Caen, Elodie Fontan, Pascal Nzonzi, Salimata Kamate, Tatiana Rojo e Claudia Tagbo, racconta l’attuale situazione francese mostrando un Paese sempre più protagonista di discriminazioni verso minoranze e ogni forma di diversità, tanto da far decidere ai generi e figlie dei Verneuil di lasciare il Paese transalpino in cerca di fortuna all’estero.

Ne esce un quadro esilarante con i coniugi Verneuil che fanno di tutto per trattenere e dimostrare ai generi, visto che loro sono incapaci di immaginare la loro famiglia lontana e di non vedere crescere i propri nipoti, che la Francia è il posto migliore in cui possano vivere in una situazione nella quale si assiste anche all’arrivo in Francia dei consuoceri Koffi per il matrimonio della loro unica figlia femmina, che non sposa un uomo, ma una donna creando panico con un finale di festa.

Gianluca Pacella