Trama, trailer e recensione in anteprima di Natale da chef, il nuovo film di Neri Parenti dal 14 dicembre al cinema distribuito da Medusa Film

natale da chefQuello dello chef è uno dei mestieri più ambiti negli ultimi anni, infatti, il panorama televisivo ed editoriale dedicano numerosi spazi in tv e libri a tema culinario. Anche il regista Neri Parenti ha scelto uno chef “particolare” per il suo ultimo cinepanettone Natale da chef che sarà sfornato il 14 dicembre in ben 450 sale cinematografiche.

Protagonista del film, l’attore comico Massimo Boldi, ormai veterano del cinepanettone, nei panni  di Gualtiero Saporito uno chef senza il minimo talento ma con una gran convinzione che lo porterà per una serie di sotterfugi e casualità a cucinare per il G7. Lo chef senza abilità culinarie ma con una grande fantasia, viene infatti assunto dal proprietario di una ditta di catering in bancarotta (Maurizio Casagrande), che deciso a perdere la gara d’appalto per il servizio di ristorazione del G7 a cui si è iscritto, sta cercando di portare nel suo staff la peggior squadra di chef che si sia mai vista. Lo chef Gualtiero, all’oscuro delle vere intenzioni dell’imprenditore, si impegnerà nell’impresa epica di cucinare per i premier, accompagnato da un aiuto cuoco che non percepisce sapori (Biagio Izzo), un sommelier astemio (Dario Bandiera) ed una pasticciera incapace di cucinare, ma che intrattiene il pubblico come ballerina sexy che sbuca fuori dalle torte (Rocio Munoz Morales).

Tra gag esilaranti, paradossi, equivoci, il film scorre in maniera veloce e leggera, e ci dimostra che anche il cinepanettone ormai si è evoluto. Diversamente dal passato troviamo una comicità adatta a tutti, senza il siparietto del marito che tradisce la moglie con la bellona di turno, ma con donne protagoniste della scena, che riescono anche a sbeffeggiare l’uomo. È il caso, per esempio, della giudice della gara, interpretata dalla bellissima e bravissima Francesca Chillemi, che ha più volte dimostrato di essere un’attrice dalla vena comica innata. Prova superata anche per Rocìo Munoz Morales e Barbara Furia, altre due donne protagoniste del film. Doveroso menzionare anche la grande Milena Vukotic che in Natale da chef, interpreta una vedova devota al marito, ma che sarà al centro di un grande e spassoso equivoco.

Insomma un film di Natale senza dubbio al passo con i tempi e le mode del momento dove food porn e chef o sedicenti tali, impazzano ovunque, non a caso la scelta del regista di avere proprio come protagonista uno chef incapace di cucinare, ma con l’irriverente presunzione di esser un talento ai fornelli.

Natale da chef sarà in grado di regalare una ventata di leggerezza e qualche risata, con una piacevole vena satirica, soprattutto in riferimento alla scena finale, che vi invito a scoprire dal 14 dicembre nei migliori cinema!