L’artista asperger Simon Albisati dipinge la nuova collezione AI 22-23 di Roberta Redaelli nel segno dell’inclusività con strumenti espressivi per mostrare al mondo idee, sentimenti, visioni, creatività, voglia di cambiamento

nuova collezione AI 22-23 di Roberta RedaelliQuando moda e arte si incontrano nasce la magia, un’esplosione dirompente di forza creatrice in grado di spezzare le catene e le barriere imposte dalla società. Per questo, per la sua collezione A/I 2022-23 Roberta Redaelli, ha scelto di scendere in campo e di collaborare, per le sue stampe, con l’artista ginevrino Simon Albisati.

“Il mondo di Simon” ci proietta nel mondo di questo giovane uomo, artista Asperger, che fin da bambino si è lasciato cullare e ispirare dall’arte, sperimentando in chiave totalmente personale le vie dell’Art Brut, che ha saputo interpretare con uno spirito unico e autentico, esponendo in diverse gallerie effimere, in spazi alternativi e alla Galerie Syndrome Artistique, a testimonianza che i muri reali sono solo quelli imposti dal mondo esterno.

Ma Simon non si limita alla sua produzione artistica, è anche in prima linea per sostenere diversi progetti impegnati per il sociale come Hopiclown (i medici pagliacci dell’ospedale pediatrico di Ginevra impegnati a regalare sorrisi ai piccoli pazienti) e ora la ONG Save The Children in favore della quale si è tenuto a settembre un evento di beneficenza a Saint-Prex.

La moda diventa un veicolo di inclusione e libertà, un mezzo per raccontare una storia e sensibilizzare sulla ricchezza che nasce dalla diversità.

I colori passano dai toni chic ed intramontabili del bianco e nero al mondo dirompente del viola, del rosso, del blu e del verde foresta. Le linee si ispirano agli anni ’80 e strizzano l’occhio a un glamour senza tempo ma sempre contemporaneo.

I materiali sono quelli che hanno reso iconica la maison: sete elastiche, jacquard ricercati e l’esclusiva maglia DINAMI-TECS.

A rendere concreta e vibrante, dal punto di vista visivo, questa collezione così impegnata e di rottura ci pensa la campagna fotografica che vede protagonista la modella albina Lucia Della Ratta, da anni musa del progetto “Imperfetta Project” volto a promuovere la bellezza femminile fuori dagli schemi e impegnata in prima persona a diffondere l’idea che la perfezione risiede nell’unicità di ciascuno di noi e in ciò che ci rende straordinari e ineguagliabili.

Una serie di foto che, come un film in immagini, mostrano la potenza esplosiva della libertà che porta al disintegrarsi totale di muri e barriere.

Le scarpe che arricchiscono la collezione sono realizzate in esclusiva da MyShoepassion Venezia.

Una collezione che saprà conquistare anche il palato più difficile.

Una collezione che colpisce la mente e il cuore.

CREDITS:

Roberta Redaelli  www.robertaredaelli.com

Simon Albisati   https://www.instagram.com/simon_dessine93/

Imperfetta project   https://www.imperfettaproject.com/

Lucia Della Ratta   https://www.instagram.com/lucia.dellaratta/
Myshoepassion Venezia   https://www.myshoepassion.it/

Foto Demetra Laganà