Il 19 Agosto Tom Cruise torna nei cinema italiani, nei panni dell’agente della IMF Ethan Hunt, per  il quinto esplosivo capitolo della serie Mission Impossible: Rogue Nation!

Mission-impossible-rogue-nation-tom-cruise

A quasi 20 anni dalla sua prima apparizione sul grande schermo, ritroviamo l’agente dell’IMF Ethan Hunt, in gran spolvero, interpretato da un ottimo Tom Cruise che dall’alto dei suoi cinquantadue anni, non si fa mancare mirabolanti scene adrenaliniche senza ricorrere neanche ad uno stuntman.

Nelle due ore che terranno lo spettatore in apnea e incollato alla poltrona, vedremo Cruise aggrappato al portellone di un Airbus A400M in volo, sott’acqua in un’apnea da record, in inseguimenti da brivido sia in moto, senza casco e con una guida da far invidia ai migliori piloti, sia in macchina e, infine, districarsi tra botte e sparatorie a venti metri d’altezza sopra al palco del teatro dell’opera di Vienna, mentre va in scena la Turandot.

Mission-impossible-rogue-nation-tom-cruise2

Scritto e diretto da un impeccabile Christopher McQuarrie, premio Oscar per “I soliti sospetti” e già tre collaborazioni di successo con Tom Cruise (Operazione Valchiria, Jack Reacher, Edge of Tomorrow), Mission: Impossible Rogue Nation è molto di più del solito sequel!

Ovviamente ritroviamo tutti gli elementi caratterizzanti la serie Mission Impossible: i gadget super hi-tech, il trasformismo di Hunt, il tema musicale diventato un vero e proprio tormentone già dalla prima apparizione e le scene d’azione al cardiopalma. Questa volta, però, il tutto è visto da un’altra ottica: non più un oneman show, in cui Ethan Hunt non cede mai la scena al resto del cast, ma un vero e proprio film corale, dove Cruise non può fare a meno dell’aiuto provvidenziale dei suoi partner!

mission-impossible-rogue-nation

Quasi una vera squadra ben affiatata, stile Avengers, in cui l’amicizia è il valore più importante: Ethan Hunt rischierà il tutto per tutto per salvare la vita a Benji (Simon Pegg), che a sua volta per lealtà e riconoscenza non esiterà a diventare un dissidente ricercato.

Un film in cui in alcuni momenti la macchina da spionaggio Hunt, cede il posto all’uomo, con le sue debolezze, che per la prima volta emergono anche in chiave romantica nei confronti della splendida protagonista femminile Ilsa Faust, un’affascinante quanto doppiogiochista, spia dei servizi segreti britannici, magistralmente interpretata da Rebecca Ferguson.

Questa volta Ethan Hunt si troverà a vestire i panni del ricercato a causa dello scioglimento dell’IMF per il volere di un “cieco” funzionario della CIA, interpretato da Alec Baldwin. Non solo non crede all’esistenza del Sindacato, organizzazione clandestina con scopi terroristici che vuole creare un nuovo ordine mondiale (Rogue Nation), ma è convinto che sia un’invenzione proprio di Hunt e del suo team, per agire in modo irresponsabile e senza controllo.

mission-impossible-rogue-nation-recensione

In una caccia senza quartiere, che trascinerà lo spettatore dal teatro dell’opera di Vienna fino a Londra, attraverso le polverose strade di Casablanca, Ethan e la sua squadra, dovranno portare a termine una nuova mission impossible, alleandosi loro malgrado con l’alterego femminile del nostro protagonista, la ex agente britannica Ilsa Faust, infiltrata nel “Sindacato”.

Avranno fatto bene? L’infallibile fiuto dell’agente Hunt sarà stato offuscato dal fascino di Ilsa? O sarà, invece, il loro migliore alleato?

Vi invitiamo a scoprirlo al cinema, in due ore e un quarto tutte d’un fiato, in cui non mancheranno suspense, emozione, colpi di scena, risate e un pizzico di romanticismo che non guasta assolutamente, aiutando un po’ ad allentare la continua tensione.