Milano Moda Uomo 2020-21Cari maschietti quali abiti vi stireremo quest’inverno? Riformulo la domanda: Cari maschietti, quali abiti vi sfilerete per noi la sera?
A guardare le passerelle delle prime sfilate di Milano Moda Uomo 2020-21, non si può che notare un radicale cambio di passo nel mondo del fashion maschile.

Una moda sempre più etica e rispettosa dell’ambiente, utilizza capi finalmente portabili, comodi e riciclabili. Per l’Italia del resto, primo produttore di moda del lusso al mondo, la sostenibilità rappresenta una fondamentale leva competitiva che ha da sempre permesso di consolidare la propria leadership.

Ma andiamo a curiosare nel dettaglio cosa ci propone la moda oggi per l’uomo.

DOLCE & GABBANA: ARTI E MESTIERI

È decisamente tutto molto giovanile e portabile, ma non mancano le licenze creative che distinguono l’eccellenza dei nostri stilisti.
Ad esempio, sulla passerella di DOLCE & GABBANA, sfilano abiti dedicati alle arti e ai mestieri: il giardiniere, il sarto, il pastore, l’orafo, il lattaio, per rimarcare la tradizione italiana del “fatto a mano“, che ci ha sempre reso fieri e unici. Il messaggio è quello di creare un ponte tra la tradizione italiana del lavoro e le nuove generazioni.

Milano Moda Uomo 2020-21 D&G

EMPORIO ARMANI: CLASSICO PROGRESSIVO

Armani invece, non abbandona assolutamente lo stile legato alla tradizione, i cambiamenti riguardano soltanto i colori e le trame. Definisce la sua linea un “classico progressivo“.

Riguardo alla comodità i capi che vanno per la maggiore quest’anno sono i jeans doppi da portare slacciati, camicie da boscaiolo, vaporosi maglioni a trecce e gilet imbottiti.

INFLUENZA BRITISH NELLA MILANO MODA UOMO 2020-21

Care lettrici sarà mica un messaggio subliminale? Intravedete per caso una richiesta inconsapevole di calore e soffici abbracci?
Sarebbe interessante come teoria, ma non credo sia valida. È molto più probabile che l’influenza British come anche per la scorsa Fashion week femminile, abbia contaminato scelte e tendenze.

Spazio dunque alle giacche di tweed, pantaloni di velluto e cappelli di lana. Le nuove collezioni con l’eleganza British e l’innovazione Italiana.

CAPPOTTI: VERO MUST HAVE DELLA MILANO MODA UOMO 2020-21

Ma il vero Must di tutte le collezioni della Milano Moda Uomo 2020-21, sono i cappotti. Grandi e lunghi cappottoni di lana, beh se penso ad un “Gentleman”, penso proprio ad un uomo con indosso questo indumento, iconico e senza tempo.

Un cappotto è per sempre del resto, un po’ come un diamante, la sua storia inizia intorno al XIX secolo rimanendo invariata quasi fino al primo dopoguerra. A partire da quella data la moda ha subito un’ulteriore evoluzione generando stili e modelli che si vedono in giro ancora oggi con interessanti rivisitazioni come ad esempio il british warm overcoat e molti altri, tutti di provenienza Britannica.

Cari lettori possiamo estrapolare dalla Milano Moda Uomo di quest’anno che buone speranze ci sono perché il “maschio” riprenda a mostrarsi come tale, indossando capi che meglio evidenziano le sue doti fisiche e rispecchiano l’icona dell’uomo affidabile, attento alla forma ed elegante. Dove sobrietà e sensualità creano una miscela affascinante.

Senza nulla togliere agli stili d’avanguardia che a mio parere spesso vengono portati fino al limite del guardabile. Vi saluto con la speranza che questo sia soltanto l’inizio di un elegante ritorno al passato.