I fratelli Vanzina festeggiano quarant’anni di cinema invitando tutti a Miami con la loro nuova spassosa commedia romantica: Miami Beach nei cinema dal 1° giugno! Trama, trailer, recensione ed un simpatico estratto dalla conferenza stampa dell’anteprima del film.

Miami-Beach-Vanzina-recensione

L’Estate ormai è alle porte ed ecco tornare le commedie estive dei fratelli Vanzina, che per festeggiare i loro primi quarant’anni al servizio del cinema italiano scelgono di tornare negli States, già scenario di altri loro film cult come Vacanze di Natale, Sognando la California, Mai Stati Uniti per citarne giusto alcuni.

Stavolta la loro meta è la modaiola e regina della notte, Miami, super gettonata dagli italiani che scelgono o sognano di passare le loro vacanze all’estero e quindi location perfetta per offrirci un ritratto scanzonato dell’italiano medio che vola negli States in cerca di divertimento, ottimismo e storie d’amore da film, ma anche per parlarci del rapporto genitori/figli.

La vicenda prende le mosse dall’aeroporto di Fiumicino dove incontriamo subito i protagonisti principali della vicenda: Giovanni (Max Tortora) in procinto di accompagnare in Florida suo figlio Luca (Filippo Laganà) che frequenterà lì l’università, come la milanese Valentina (Camilla Tedeschi) scortata dalla mamma Olivia (Paola Minaccioni). Ad un altro imbarco c’è Lorenzo (Ricky Memphis), padre separato che con sua figlia Giulia (Neva Leoni) e la sua attuale compagna sta andando a trascorrere le vacanze in una beauty farm in Francia. La ragazza, però, ha ben altri piani e approfittando di un attimo di distrazione del genitore, scappa con le amiche per salire su un volo diretto a Miami per assistere ad un festival di deejay. Quando Lorenzo si accorge della fuga di Giulia, inevitabilmente pianta in asso la compagna per seguire sua figlia a Miami.

miami-beach-recensione

Ma, come nella migliore tradizione delle commedie firmate Vanzina, il viaggio dei nostri sei protagonisti non comincia nel migliore dei modi. Giovanni e Olivia, due mondi completamente diversi, non solo perché romano lui e milanese lei ma anche per educazione ed estrazione sociale, litigano al gate di imbarco e, come se non bastasse, si trovano vicini di posto sul volo verso Miami. Naturalmente litigano furiosamente, mandandosi al diavolo e augurandosi di non vedersi più.

Ironia della sorte, appena arrivati al Campus, Giovanni e Olivia scoprono che i loro figli frequenteranno la stessa università e, loro malgrado, tra Luca e Valentina, “soli e spaesati” giovani italiani in un campus straniero, inizierà la classica love story, “condita” dalla promiscuità dei dormitori, dalle feste e dagli scherzi tipici dei Campus a stelle e strisce.

Anche per gli altri protagonisti le cose non cominciano bene: la diciassettenne Giulia (Neva Leoni) e le sue amiche, scoprono che l’albergo di lusso in cui avevano prenotato le stanze è in realtà una sorta di topaia e l’agenzia da cui avevano acquistato i biglietti per il famoso festival non esiste; Lorenzo, che non conosce una parola di inglese ed è al disperato inseguimento di Giulia, si rende immediatamente conto che Miami non è esattamente Ladispoli e quindi non sa da che parte iniziare la ricerca.

A “salvarlo” c’è Bobo (Emanuele Propizio), studente fuoricorso in rotta con il padre ed alla ricerca di un finanziatore della sua bella vita, che farà scoprire ad uno spaesato e sempre più preoccupato Lorenzo la vita dei giovani nella grande metropoli.

miami-beach-nuovo-film-dei-vanzina-recensione

Un viaggio che, oltre a far scoprire le meraviglie di Miami, porterà tutti i protagonisti (inclusi gli adulti) a crescere e maturare: avranno modo di riflettere su errori commessi e rivedere in una nuova ottica anche i loro rapporti. Il risultato è una commedia molto divertente, politicamente corretta, senza ricorsi a volgarità ma con tante risate e spazio anche per riflessioni sui rapporti umani (genitori/figli, amore, amicizia, solidarietà tra italiani), che ne fanno sicuramente un film adatto a tutta la famiglia, per un rilassante e spassoso pomeriggio/serata al cinema.