influenza-raffreddore-neoborocillina1

Anche quest’anno milioni di italiani si trovano a dover affrontare i fastidiosi sintomi dei malanni stagionali e in particolare quelli di raffreddore e influenza. Gli esperti affermano che anche quest’anno i picchi maggiori saranno tra i mesi di gennaio e febbraio e le categorie più a rischio sono bambini, operatori sanitari, persone anziane e donne incinte.

Per queste categorie l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda fortemente di ricorrere al vaccino antinfluenzale, in quanto unico mezzo realmente efficace per scongiurare complicazioni più gravi di queste malattie che colpiscono principalmente le vie respiratorie. Il vaccino formulato per quest’anno includerà gli antigeni per delle nuove varianti dei classici ceppi A e B e cioè:

  • A/H1N1, conosciuto anche con il nome di California,
  • l’australiana B/Brisbane;
  • la svizzera (A/H3N2);
  • la thailandese (B/Phuket).

Oltre al vaccino è bene prendere delle precauzioni per evitare il più possibile il contagio di queste patologie, come sostiene la stessa OMS che a tal proposito ha diffuso dei materiali informativi come depliant e poster divisi in base alla categoria a rischio, per cui la vaccinazione è raccomandata.
Attenzione però a non confondere tutte le patologie stagionali. L’influenza e i sintomi parainfluenzali come il raffreddore non sono la stessa cosa anche se possono avere alcuni sintomi in comune. Questa infografica aiuta a capire quali sono le principali differenze tra influenza e raffreddore in modo da poter prendere le giuste precauzioni.

raffreddore-influenza-sintomi-confronto

In entrambi i casi è importante adottare delle norme di precauzione e fare attenzione all’igiene personale, specialmente quando ci si trova in luoghi pubblici, per questo è necessario:

  • lavarsi frequentemente le mani;
  • non utilizzare lo stesso fazzoletto più volte;
  • evitare posti poco o male areati.

Anche l’alimentazione è importante per combattere le patologie invernali, per questo è bene consumare:

  • frutta di stagione contenente vitamina C come: arance, kiwi, melograno.
  • Ottime per la salute anche le spezie come zenzero e curcuma che hanno note proprietà antibatteriche.
  • Latte caldo e miele: il classico rimedio della nonna è di sicuro sollievo per la gola infiammata.

Infine è importante mantenere alta l’idratazione bevendo almeno 8 bicchieri di acqua al giorno. E voi, quali sono i vostri suggerimenti per sconfiggere le malattie invernali?