Ecco alcune anticipazioni dalla conferenza stampa di presentazione de “L’uomo che non capiva troppo. Reloaded” il nuovo spettacolo di Lillo e Greg, dal 28 novembre al Teatro Olimpico di Roma

lillo e greg l'uomo che non capiva troppo.Reloaded

Foto by Maurizio D’Avanzo

Sette anni dopo il grandissimo successo de ”L’uomo che non capiva troppo”, lo spettacolo inizialmente nato per una trasmissione di Radio 610 e poi arrivato sui palcoscenici teatrali, Lillo e Greg ne propongo una versione rivista e aggiornata: “L’uomo che non capiva troppo. Reloaded“, in scena al Teatro Olimpico di Roma dal 28 novembre al 22 dicembre. Produttore esecutivo dello spettacolo è Nicoletta Fattibene, mentre le scene sono di Andrea Simonetti, con musiche di Claudio Greg Gregori ed Attilio Di Giovanni, il disegno luci di Marco Palmieri e i costumi di NC POP.

Il nuovo spettacolo è stato presentato qualche giorno fa alla stampa dagli stessi Lillo e Greg, durante una divertentissima conferenza stampa a cui hanno preso parte anche il resto del cast e il regista, durante la quale hanno spiegato che si tratta di una  parodia dei film di James Bond di cui oltretutto sono fan.

Una spy story in piena regola, con tanto di effetti speciali, tecnicamente all’avanguardia, farcita con l’irresistibile comicità di Lillo e Greg, che si propone come un’assoluta novità: una sorta di spettacolo teatrale che grazie alle scenografie e al progetto delle luci, sfocia nel mondo cinematografico dando l’impressione allo spettatore di assistere ad un film girato in diretta. Infatti lo stesso co-regista dello show Claudio Piccolotto (ha diretto anche la serie web di Lillo e Greg “Pupazzo Criminale“) ha spiegato che ”L’uomo che non capiva troppo. Reloaded” l’upgrade di uno spettacolo teatrale, in cui come in una saga, la storia del primo show è stata condensata tutta nella prima parte, per poi proseguire con uno spettacolo tutto nuovo, una sorta di sequel nel secondo atto. Il tutto in un mix di linguaggi, effetti speciali, video mapping che consente di fare i 32 cambi di scena previsti con l’effetto dissolvenza, proprio come in un film, oltre 500 suoni, 16 personaggi per sei attori e una nutrita lista di guest star in video: Lorella Cuccarini, Giancarlo Magalli, Maurizio Battista, Antonella Elia, Dario Salvatori, Paolo Bonolis e Lallo Circosta.

Quindi è stata la volta di Lillo, raccontare un po’ quello che aspetterà il pubblico che andrà a vedere il loro nuovo spettacolo: ”Nelle spy stories, gli agenti si muovono in continuazione. Una scena sono ad Atene e quella successiva a Praga o Istanbul è per questo che abbiamo avuto bisogno di grandi effetti. Ma per il resto vederete che l’umorismo è sempre il nostro: surreale, lunare, perché è quello che più ci fa ridere”.

Protagonista della vicenda è Felix (interpretato da Lillo), un uomo normalissimo, ignaro che sua moglie e i suoi amici, altri non sono che agenti segreti in incognito. Di conseguenza come una mina vagante si ritrova coinvolto in un’avventura in cui non capisce nulla né di quello che gli sta accadendo intorno, né di ciò gli viene detto: una sorta di supercazzola continua tra sparatorie e supercattivi alla James Bond.

E se Lillo rimane in scena per tutto il tempo, mentre lo spettacolo gli cambia intorno, Greg intepretata tutta una serie di personaggi che vanno dal miglior amico di Felix al venditore di collane Abdul, passando per il maestro di arti marziali Tien Chian e la trans Gran Lodana. ”Una cattiva/o – spiega lui – che sogna di padroneggiare la musica del male per assoggettare il mondo. D’altronde – dice – se ci si limita a vivere una vita intorpidita, tra serie tv e teorie complottistiche di Facebook, si rischia davvero di finire ottenebrati. Così come il fumo, per me si dovrebbe debellare dalle aree pubbliche anche certa musica nata dagli anni ’80 in poi. Perché se si abbassa il gusto poi si finisce a guardare un reality convinti che sia bello”

A completare il cast Vania Della Bidia, Danilo De Santis, Marco Fiorini e Benedetta Valanzano, che ha ribadito di essere infinitamente grata a Lillo e Greg per l’opportunità. Affermazione a cui Greg ha scherzosamente ribattuto: ”Si, poi fra 20 anni ci denuncerà per molestie”.

Quindi l’appuntamento per tutti i romani è al Teatro Olimpico dal 28 Novembre al 22 Dicembre 2017 con Lillo e Greg e “L’uomo che non capiva troppo. Reloaded”.