Natale non è Natale senza il panettone, dicono a Milano. Ma se al classico preferite qualcosa di alternativo, ecco 7 tra le migliori pasticcerie del capoluogo meneghino dove poter gustare anche altre golosità natalizie!

migliori pasticcerie di Milano per NataleNatale non è Natale senza il panettone. Almeno questo è quello che dicono i milanesi, fieri di aver inventato il dolce delle feste più conosciuto al mondo, come sentenzia anche il New York Times in un recente articolo: “Panettone has become an obsession for american bakers”. E se qualcuno non apprezza i canditi? Non ama la burrosità del dolce meneghino? D’altronde in Lombardia sono molti i dolci delle feste: da Cremona con il torrone, nato per celebrare le nozze tra Bianca, figlia del duca milanese Filippo Maria Visconti, e Francesco Sforza; alla spongarda di Crema, un pane dolce di lunga conservazione, speziato, arricchito di frutta secca legata dal miele; dal pantramvai tipico della Brianza, lievitato dalla forma rettangolare e uvetta; alla bisciola o pan di fich della Valtellina; dalla  miascia di Como fatta con pane raffermo (pan poss in dialetto), farina bianca e gialla, frutta fresca e secca; alla bossolà, la ciambella casalinga della tradizione bresciana; da Lodi con la sua tortionata alle mandorle; a Pavia con l’immancabile torta Paradiso e le Ofelle di Parona; per finire nel varesotto con gli immancabili amaretti di Saronno. E questi sono solo una piccola parte dei dolci natalizi che ci regala la tradizione pasticcera italiana, che a Milano fa gran sfoggio anche grazie alle influenze dolciarie importate con le passate dominazioni austriache e francesi. Tra le tantissime ottime pasticcerie che potrete trovare nel capoluogo lombardo, ne abbiamo selezionate 7 appositamente per le specialità natalizie:

  • pasticceria La Martesana, nel doppio indirizzo di via Cagliero e via Sarpi, avrete l’imbarazzo della scelta tra la tradizionale veneziana ai marron glacès e la torta moderna Divina: senza glutine, frolla di riso, mousse di mango e frutto della passione.
  • Piccolo Peck, un caffè gastronomico dove passare qualche ora di serenità accanto a piazza del Duomo, qui il pasticcere Galileo Reposo ammalia con creazioni artigianali di cioccolato realizzate a mano e alcune tra le migliori praline della città.
  • Giacomo in viale Sottocorno, è il posto giusto per voi se la boulangerie francese è il vostro sogno goloso. Qui troverete tanti dolci parigini ma anche le “gole pelose” dolce tipico toscano delle sorelle Giulia ed Elena Monti.
  • Panzera, storica pasticceria in viale Montesanto e ora anche all’interno della Stazione Centrale, si trovano tra le migliori scorzette al cioccolato e chichingeri al liquore, da prendere al volo insieme al treno.
  • Enrico Rizzi, in via Cesare Correnti, zona Carrobbio, il lusso è il macaron: un vero e proprio gioiello composto da una deliziosa ganache di cioccolato bianco Valrhona e Champagne Dom Pérignon 2009, racchiusa tra due preziose coques dorate, perfetto per un Natale scintillante.
  • Ile Douce in zona Isola oltre a tante tipologie di biscotti da appendere all’albero di Natale, hanno creato tre monoporzioni natalizie: Noel, un scintillante alberello di ganache al cioccolato fondente e grue di cacao; Snow, una candida glassa dal cuore di geleè di pere marinate al vin brulè e Magic, intrigante mouselline ai marroni e pompelmo.
  • Cova in Montenapoleone è il regno di gianduiotti, boules, cremini e croccantini vengono incartati uno ad uno e proposti come preziose miniature, sia confezionati che sciolti.

Un Natale senza panettone a Milano? Assolutamente possibile e senza alcuna rinuncia.