Dal 19 novembre all’8 gennaio 2023 l’Orto Botanico di Roma ospiterà “Incanto di Luci”, la mostra sensoriale di Light Art

Incanto di Luci Roma si illumina di immensoSono tantissimi i motivi che ogni anno spingono i turisti a visitare Roma, sarà per il suo essere un museo a cielo aperto, sarà per i suoi vicoli stretti e caratteristici, sarà per la sua storia, arte, cultura e tradizione, sarà per l’atmosfera unica nel suo genere, ma la Capitale è la città più visitata al mondo. Non basterebbe un anno per visitare tutte i luoghi storici e meravigliosi che offre, ma basta una giornata per innamorarsene. In questo periodo di fermento che anticipa il Natale, c’è un meraviglioso motivo in più per raggiungerla e scoprirla, questo motivo si chiama “Incanto di Luci”, uno scintillante mondo luminoso che vestirà di magia l’Orto Botanico. Questa location nel cuore di Roma è già magica di suo in quanto polmone verde lontano dal caos cittadino, per due mesi, però, diventerà un vero e proprio mondo fantastico capace di divertire, suggestionare ed emozionare grandi e piccoli.

Nata nel 2016 da un’idea di DEAG Deutsche Entertainment AG, questa brillante manifestazione, illuminerà il cuore della Capitale e si accenderà in contemporanea con altre 18 capitali europee come Parigi, Barcellona, Berlino, Francoforte, Dresda e Windsor e per la prima volta anche Chorzòw, città della Slesia in Polonia. Milioni di luci a led adorneranno gli alberi secolari, le piante provenienti da tutto il mondo e i viali. All’ingresso si varcherà una porta delle meraviglie che condurrà gli ospiti in un meraviglioso viaggio verso un universo fiabesco fatto di mille colori: si passeggerà tra le palme illuminate del Viale dei Rami Scintillanti, tra sagome di animali che brillano, si attraverserà la Cattedrale di Luce e qui si avrà la possibilità di incontrare Le Fate degli Alberi e poi salire con lo sguardo su una Scala che arriva fino alla Luna. Questa manifestazione sensoriale, approderà per la prima volta in Italia il 19 novembre 2022, e renderà la natura una sfavillante protagonista di opere di Light Art.

LE OPERE ILLUMINATE

Tutte le opere illuminate saranno delle fantastiche creazioni realizzate dalle mani del famoso light designer Andreas Boehlke, e il tutto sarà reso ancora più suggestivo grazie alle melodie del compositore e sound designer Burkhard Fincke, questi due artisti insieme a due talentuosi paesaggisti, hanno progettato un favoloso percorso lungo un chilometro e mezzo colmo di magia e suggestione. Le installazioni saranno estremamente suggestive e memorabili, le tantissime luci led utilizzate per creare questo mondo fantastico saranno led a basso impatto ambientale per tutelare e non danneggiare la natura e gli animali selvatici che la abitano. All’interno di “Incanto di Luci” sarà possibile anche fare una sosta gourmet nell’angolo Luci e Delizie, un’area ristoro con tante specialità buone da gustare. Come conclusione di questo incredibile viaggio nella magia ci sarà il Rondò di Natale, un’area colma di alberi decorati ed addobbati e con una grande slitta con Babbo Natale e pacchi illuminati. “Incanto di Luci” sarà la massima espressione del Natale capace di rapire il cuore di tutti e di regalare momenti indimenticabili.

DOVE DORMIRE A ROMA

Per prendere parte a questa passeggiata illuminata tra cielo e terra e vivere un’esperienza unica nel suo genere in una bellezza tutta naturale è ideale alloggiare all’Eitch Borromini, un’antica residenza di lusso situata a pochissima distanza dall’Orto Botanico, raggiungibile anche a piedi. Questo splendido hotel grazie agli ampi ed eleganti ambienti, grazie alle camere e suite affrescate con dipinti storici, alla terrazza affacciata su Piazza Navona, consente agli ospiti di vivere un soggiorno indimenticabile in un’atmosfera da sogno.

Eitch Borromini

Alle spalle di Piazza Navona si trova l’ingresso della struttura Eitch Borromini, antica dimora ospitata da un edificio progettato e realizzato dal Borromini fra il 1654 e il 1659: si tratta infatti di un ramo di Palazzo Pamphilj, il Collegio Innocenziano.

Una delle caratteristiche principali della struttura è la vista panoramica, che accompagna l’ospite in tutti gli ambienti: sia la sala colazione che molte delle camere godono di affaccio su Piazza Navona, in particolare sulla Fontana dei Quattro Fiumi di Bernini, e sullo skyline del centro di Roma: dalla cupola del Pantheon a quella di San Pietro.

La stessa vista accomuna anche il Ristorante Terrazza Borromini, spazio unico ricavato al quarto piano nelle sale impreziosite dagli affreschi del Bernini, dove si trova la Galleria d’Arte Borrominiche si affacciano su Piazza Navona, con tavoli anche all’aperto quasi sospesi sulla piazza. Il Ristorante propone una moderna e curata cucina romana, cocktail bar ed è aperta ad eventi privati.

Al primo piano del palazzo si accede alla biblioteca privata dei Pamphilj, famosa per quantità e rarità di volumi e manoscritti e per l’affresco della volta eseguito da Francesco Cozza.

Le camere di diversa tipologia spaziano dalla singola con letto Queen Size, alle Classic, fino alle Superior Suite, Suite Deluxe e Suite Executive con terrazzino privato; alcune sono con vista su Piazza Navona o sulle cupole, campanili e palazzi iconici di Roma e altre su via di Santa Maria dell’Anima, con scorci su Tor Millina, torre medievale dai merli guelfi. Le camere sono tutte diverse una dall’altra, date le diverse destinazioni che il palazzo ha avuto nel corso dei secoli: scuola ecclesiastica, abitazione per il clero, libreria e convento. Raffinate, intime e curate nell’arredamento, dispongono di letti extra-comfort e raffinati kit di cortesia Etro, minibar assortito, acqua di cortesia, bollitore elettrico con tè, caffè e tisane, accappatoio e pantofole da bagno, cassaforte, TV a schermo piatto con decoder Sky, Wifi gratuito.