Una tappa fondamentale per lo sviluppo del bambino da gestire con intelligenza e sensibilità. Alcuni consigli per affrontare il difficile passaggio dal pannolino al vasino

come togliere il pannolino consigliNon per tutti i genitori è stata una tappa così difficile, ma per molti sì. Stiamo parlando del delicato momento della vita di un bambino in cui avviene il difficile passaggio dal pannolino al vasino. Ogni bambino fa un po’ storia a sé, anche se sicuramente esistono delle costanti che si ripetono per tutti i bimbi. È indubbio che, a prescindere dal carattere e dalla tipologia di bambino che si ha di fronte, se vengono seguite alcune semplici regole, per il bambino in primis, e anche per la mamma e il papà, si tratterà di un passaggio meno traumatico.

Vediamo insieme, allora, che cosa è consigliabile fare:

  1. Avere pazienza. Sempre. I genitori devono cercare di mantenere sempre la calma e, se il bambino fa i capricci, far finta di nulla e distrarlo con un gioco o qualcos’altro.
  2. Rispettare i suoi tempi. I genitori devono iniziare a diventare un po’ psicologi, nel senso che devono provare a capire quali sono le tempistiche del piccolo. Di solito i primi tentativi di togliere il pannolino si fanno intorno ai due anni e mezzo/tre, ma non per tutti vale la stessa regola. Come fare a capire quando è il momento giusto? Intanto, il consiglio è di provare sempre in estate, possibilmente al mare, dove, anche se il bambino si sporca, è più facile da gestire la pulizia e, a ogni modo, lui è libero di sgambettare in giro tutto nudo.
    Il bambino manda messaggi chiari, di solito imitativi. Vi segue quando andate in bagno, vi fa domande sulla pipì e sulla pupù. Ecco, da quel momento in poi si può cominciare a provare. Se dopo aver provato il bambino mostra un totale rifiuto del vasino, sospendete l’operazione e riprovate più avanti.
  3. Acquistare il vasino insieme a lui. Oltre a farlo sentire coinvolto in questa “impresa”, lo aiuta a proiettarsi immediatamente in un’immagine di sé di bambino più grande. Potrete scegliere insieme il modello che più preferisce. In commercio ce ne sono tantissimi, di tutti i colori e forme. Ormai sono fatti come dei veri e propri giochi per i bimbi. Alcuni sono pure super accessoriati. Possono rappresentare animali o personaggi dei cartoni animati preferiti. Potrete sbizzarrirvi e far divertire il vostro bimbo scegliendo tra vasini ippopotamo, lumaca, macchinina, ochetta o Minnie… Solo per citarne alcuni.
    come togliere il pannolino e passare al vasino
  4. Fargli compagnia e insegnargli come fare. Soprattutto le prime volte il bambino potrà sentirsi un po’ smarrito o agitato nel sedersi su questo nuovo strano oggetto. La presenza rassicurante o confortante della mamma o del papà lo aiuterà sicuramente a superare le difficoltà. Queste possono essere di vario tipo: paura di non riuscire a fare i bisogni, paura di sporcarsi (anche se magari non dichiarata verbalmente) ma, soprattutto, non sapere cosa fare. Il papà o la mamma gli dovranno insegnare come non sporcarsi durante i bisognini.
    come passare dal pannolino al vasino
  5. Create una routine. Provate a programmare gli orari in cui andare in bagno, di modo che questa azione venga inserita in un normale contesto di vita familiare dove ci sono abitudini e impegni da rispettare.
  6. Non sgridatelo. A ogni modo, anche nel caso in cui avvengano degli incidenti, l’importante è non drammatizzare e magari riderci su insieme. Può accadere infatti che il bambino sia distratto da altre attività di gioco che stava facendo prima di avere lo stimolo ad andare in bagno e che magari lo attraggono di più e che non riesca ad arrivare in tempo al vasino. Sgridarlo non serve a niente se non a fargli vivere quel momento come traumatico.
  7. Gratificatelo. Alla prima giornata in cui il bambino rimarrà tutto asciutto premiatelo con un regalo e sottolineate bene l’importanza dell’impresa che è riuscito a compiere.

Ecco questi sono solo alcuni dei consigli che potrete mettere in pratica per rendere meno traumatico il difficile passaggio dal pannolino al vasino. Ce ne sarebbero molti altri, si potrebbe parlare, per esempio, del fatto che alcuni bimbi saltano questo passaggio e preferiscono da subito il riduttore… Sicuramente, però credo che già cercando di mettere in pratica queste semplici regole potrete ottenere buoni risultati.

Cliccando qui potete leggere come hanno affrontato questo momento cruciale i nostri mami Margherita e papi Marco, e voi? Scriveteci mamme, papà e raccontateci la vostra esperienza!