I concerti dell’Amicizia e non solo 2018Il 18 giugno nella solenne cornice del Centro Russo di Scienza e Cultura si è tenuto il concerto “Fandango” del Fandango Ensemble, il primo di una serie di eventi facenti parte della II^ Edizione della kermesse culturale, ideata e organizzata congiuntamente dall’Associazione “L’Aquila Siamo Noi”, dall’Ambasciata della Federazione Russa presso la Repubblica Italiana, dall’Ambasciata della Federazione Russa presso la Santa Sede e dal Centro Russo di Scienza e Cultura. I concerti dell’Amicizia e non solo 2018 sono volti al consolidamento del fecondo ponte culturale tra la Federazione Russa e la città di L’Aquila, per ribadire la gratitudine di un’intera città per lo straordinario impegno russo a salvaguardia dei suoi tesori artistici e monumentali.

Costituita nel luglio del 2009, a seguito del disastroso terremoto che distrusse L’Aquila, l’Associazione no-profit L’Aquila Siamo Noi è stata fondata da comuni cittadini allo scopo di valorizzare le eccellenze culturali aquilane (musicali, artistiche, architettoniche) quale elemento portante per una compiuta rinascita, non solo materiale, ma anche culturale e sociale della città.

Il concerto Fandango, eseguito dal Fandango Ensemble – quintetto costituito da Professori e Allievi del Conservatorio Alfredo Casella, quali Fabrizio Casu (primo violino), Annaluigia Marcanio (secondo violino), Sabatino Servilio (viola), Giancarlo Giannangeli (violoncello) e Roberto Vallini (chitarra) –  ha entusiasmato il pubblico grazie alle suadenti note dei brani di Paganini, Castelnuovo Tedesco e Boccherini.

Il programma I concerti dell’Amicizia e non solo 2018 prevede altre 5 serate che si terranno tra L’Aquila e Roma da giugno a dicembre, dove si potrà assistere non solo a concerti di musica classica, ma anche a mostre fotografiche e conferenze musicali.

Il prossimo appuntamento a Roma, sempre al Centro Russo di Scienza e Cultura è fissato per il 3 luglio, dove si terrà una conferenza musicale del Maestro Aurelio Canonici, Direttore dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio Alfredo Casella, sulla Sinfonia n. 4 in fa minore di Ciaikovskij.  A seguire, in ottobre, nella splendida cornice di Villa Abamelek, residenza dell’Ambasciatore della Federazione Russa Sergey Razov, il raffinato recital pianistico di Michele D’Ascenzo con la voce del soprano Marina Iacuitto, i quali si esibiranno nelle Sonate e Fantasie di Prokof’ev, Rachmaninov e Skrjabin;  il 1° novembre, grazie al suo Direttore Oleg Ossipov, presso il Centro Russo di Scienza e Cultura, si potrà assistere al concerto barocco del Regalis Carthusia Ensemble, quintetto formato da Riccardo Bricchi, Silvia Nesi, Ettore Maria Del Romano, Tommaso Bricchi e Luca Bricchi che si esibiranno con brani di Bach, Handel, Zalenka.

L’Aquila, nei mesi invernali, vede due eventi nella sua città: a novembre, nello scenario di Palazzo Fibbioni, la mostra fotografica Il ritratto di San Pietroburgo, cinquanta scatti d’autore dei fotografi Sergej Bogomiako e Anton Ovcharov, per raccontare la bellezza e la magia dell’affascinante città fondata 315 anni fa dallo zar Pietro il Grande e, in dicembre, all’Auditorium del Parco, concerto lirico di Roman Lyulkin, giovane basso russo, affermatosi al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo.

“Questa seconda edizione de I concerti dell’Amicizia ha rappresentato una sfida impegnativa per la nostra Associazione, con il raddoppio degli eventi in programma, divisi tra L’Aquila e Roma, e una nuova sezione dedicata all’arte e cultura russe. Questa kermesse assume così un carattere internazionale e ribadisce l’importanza e la necessità per la cultura aquilana di sapersi proiettare oltre i ristretti confini locali se vuole rinnovarsi e trovare una nuova dimensione per gli anni a venire”. – ha affermato il vicepresidente Alfredo Ranieri Montuori.