Parte la nuova Edizione di Emergente Chef e Pizza con la Selezione Nord a Villa Terzaghi a Robecco s/N (MI) martedì 27 e mercoledì 28 settembre 2022

Emergente Chef e Pizza 2023Emergente è un format che prevede una serie di gare dedicate ai vari settori della ristorazione e ospitalità, comprende oltra ad Emergente Chef, Emergente Pizza, anche Emergente Sala, Emergente Pastry, Emergente Ricevimento. In quasi 20 anni di competizioni ha lanciato tantissimi talenti che ora sono diventati i protagonisti indiscussi del settore.

L’Edizione 2022 di Emergente Chef ha visto la vittoria di Sara Scarsella del ristorante Sintesi di Ariccia (Roma) ed Emergente Pizza quella di Luca Vessecchia della pizzeria Seu Illuminati di Roma. Parte la nuova Edizione 2023 con due nuove location per le due selezioni Nord e Centrosud.

Villa Terzaghi, la prestigiosa scuola di cucina dell’Associazione Maestro Martino creata da Carlo Cracco, ospiterà la Selezione Nord di Emergente Chef ed Emergente Pizza. La gara si svolgerà in due giornate.

Il primo giorno martedì 27 settembre dalle 11 alle 19 con un programma denso. Dopo la prima batteria di chef seguirà la batteria della pizza a tema ”Margherita”, per chiudere con la seconda batteria di chef. Piccola pausa alle 13 circa con la ricetta dello chef Alessandro Scardina del ristorante Tracce di Villa Bollina a Serravalle (AL), un giovane chef di grande potenziale. Alessandro ci presenterà: Mezzi rigatoni di Gragnano Pastificio dei Campi in estratto di rapa rossa e caviale di aringa affumicata, fonduta di Parmigiano Reggiano

Il secondo giorno, sempre dalle 11 alle 19, si aprirà con la terza batteria di chef e a seguire la prova a tema libero dei pizzaioli. La pausa è affidata ad un altro giovane e bravo chef, anche ex Emergente chef, Danilo Massa del ristorante Mama a Pontevico (BS). Danilo ci presenterà suo intrigante Riso Passiu, burro al tartufo Urbani, fegatini, vino rosso e caffè.

I CONCORRENTI IN GARA DI EMERGENTE PIZZA

Ecco i concorrenti in gara della nuova edizione Emergente Pizza: Gustavo Correa de Il gusto Pizza a Chions (PN), Jurgen Verbofshi della pizzeria I Bravi Ragazzi a Meda MB, Gaetano Macaluso della pizzeria Da Gae Gourmet di Como, Matteo Tronci di Noloso Pizza a Milano, Andrea Brunetti di Acqua e Farina – materia pizza a Priola CN, Pasquale Petrillo della pizzeria Il Fiore di Latte nel Verbano, Filippo Venturi di ME Pizzeria & Cocktail Room a Ferrara, Wael Wanes di Pizza D’Amare a Milano, Daniele Cassese di Varrone Pizza Milano, Benjamin Villani pizzachef sempre a Milano, Giuseppe D’Angelo di Acqua e Farina a Vicenza, Fabrizio Tropea di Pizzeria Il Point ad Albairate (MI) e Francesco Gabriele della pizzeria Il Corso  a Bolzano. Il podio, cioè i primi tre classificati, disputeranno la finale ad inizio 2023.

I CONCORRENTI IN GARA DI EMERGENTE CHEF

Questi i concorrenti per Emergente Chef suddivisi per batteria di gara.

Prima Batteria (martedì 27 settembre mattina): Matteo Vergine di Grow Restaurant ad Albiate (MB), Irene Zui di Alto Ristorante dell’Executive Spa Hotel         a Fiorano Modenese (MO), Stefano Battaini di Cucine Nervi a Gattinara (VC), Edoardo Caldon di Fuel-ristorante in prato a Padova, Jacopo Rosti di Balzi Rossi a Frontiera San Ludovico Ventimiglia (IM).

Seconda Batteria (martedì 27 settembre pomeriggio): Dennis Cesco del ristorante Damà del Relais Villa d’Amelia a Benevello (CN), Josè Palandra del ristorante Al Cambio a Bologna, Luca Belardinelli del ristorante Orsone a Cividale del Friuli (UD), Dario Moresco del ristorante Stüa de Michil a Corvara in Badia (BZ), Mattia Terenzi del ristorante Onda Blu a San Mauro A Mare FC.

Terza Batteria (mercoledì 28 settembre mattina): Federico Urbani, chef resident a Villa Terzaghi, Leonardo Gasperoni del Ristorante Parcoverde a San Marino, Irina Stratan del ristorante La Paterna a Giavera del Montello (TV), Francesco Polimeni del Carignano* a Torino, Denny Lodi Rizzini del ristorante Makorè di Ferrara e Samuele di Murro del Ristorante San Giorgio*a Genova.

A fine evento si svolgeranno le premiazioni per conoscere i finalisti. Saranno i tre migliori sia per gli chef (i 3 vincitori delle 3 batterie) sia per i pizzaioli (il podio in base alle due prove di gara). Con i concorrenti e i giurati brinderemo e assaggeremo i prodotti dei nostri sponsor. Inoltre Danilo Massa preparerà un altro risotto: Risotto al pomodoro lamponi,ceviche di sgombro, pesto di foglie di sedano e Nicola Sardella, pizzeria Mr Berry’s a Teramo, il bravissimo pizzaiolo (non in gara) che ci segue puntualmente nei nostri eventi, preparerà una serie di pizze e focacce, alcune basate sui prodotti del teramano.

I VINI DI PEDEMONTIS

Una sorpresa saranno i vini di questo brindisi finale. Come per gli chef anche per il bere guardiamo al futuro.

I vini di Pedemontis una nuova azienda che fa della sostenibilità la sua bandiera, con dei vini che sorprendono per la loro finezza, e un “Aperipiwi” d’eccezione basato appunto sui vini PIWI (acronimo del tedesco Pilzwiderstandfähig): la nuova frontiera del mondo vino, il perfetto binomio tra qualità e sostenibilità, che scommette tutto sulle varietà resistenti e sulle grandi potenzialità dei territori. Con noi ci saranno l’Enoteca del ristorante Sant’Eusebio di Bassano del Grappa, che possiede la più grande selezione d’Italia di vini PIWI, e Resistenti Nicola Biasi, la rete d’imprese fondata a Luglio 2021, con le aziende Ca’ da Roman, di Romano d’Ezzelino (VI), la più grande azienda di sole varietà resistenti d’Europa, e le altre 5 aziende (Albafiorita, Colle Regina, Della Casa, Poggio Pagnan, Biasi Nicola)  fondatrici della rete dei resistenti, per promuovere la sostenibilità in vigna e cantina. I vini saranno accompagnati da una gustosa sopressa con il tartufo del Brenta, una novità della rete d’impresa Brintaal (6 aziende tra ristoratori, produttori di olio, di vini e di salumi che si propongono con un paniere di prodotti locali a marchio unico) di cui anche il ristorante Sant’Eusebio ne fa parte.

Villa Terzaghi è la sede istituzionale del progetto didattico promosso dall’Associazione Maestro Martino presieduta dallo chef Carlo Cracco. È un laboratorio che svolge un’attività continua e sistematica in cui far coinvolgere esperienze, riflessioni e testimonianze da cui trarre spunti per la ristorazione del futuro.