Tutto sulla 65esima edizione della notte degli Oscar del cinema italiano, i David di Donatello 2020, l’8 maggio in diretta Raiuno dalle 21.25. Ecco tutte le nomination, i favoriti e i premi già assegnati

David di Donatello 2020: nomination, favoriti e dove vedere la cerimoniaL’attesa, prolungata dal lockdown dovuto all’emergenza sanitaria per il coronavirus, sta per finire e finalmente l’8 maggio si terrà in diretta dalle 21.25 su Raiuno e in simulcast su Rai Movie la cerimonia di premiazione dei David di Donatello 2020 condotta ancora una volta da Carlo Conti. Contemporaneamente alla cerimonia, le sale cinematografiche italiane riaccenderanno insegne e schermi per dare vita al flashmob organizzato da Anec con l’hashtag #riaccendilcinema in attesa della riapertura.

DAVID DI DONATELLO 2020 – LA CERIMONIA

Un’edizione all’insegna della tecnologia, in cui non si avranno né il red carpet né tanto meno la polvere di stelle che gli aleggia intorno in quanto solo il conduttore sarà in studio con tutti i candidati collegati da remoto e i vincitori che riceveranno una statuetta virtuale, in attesa di ricevere quella vera.

LE CANDIDATURE

A contendersi i David sono 23 film tra quelli usciti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019, votati dai componenti della giuria dell’Accademia del cinema italiano, presieduta da Piera Detassis per un totale di 26 categorie di premi. Guida la classifica del maggior numero di nomination ricevute Il traditore di Marco Bellocchio con 18 candidature, seguono a pari merito con 15 nomination Il Primo Re di Matteo Rovere e Pinocchio di Matteo Garrone, troviamo quindi Martin Eden di Pietro Marcello con 11 candidature, 5 è il numero perfetto di Igort con 9 e Suspiria di Luca Guadagnino con 6.

MIGLIOR FILM

  • Il Primo Re di Matteo Rovere
  • Il Traditore di Marco Bellocchio
  • La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi
  • Martin Eden di Pietro Marcello
  • Pinocchio di Matteo Garrone

MIGLIOR REGIA

  • Matteo Rovere per Il Primo Re
  • Marco Bellocchio per Il traditore
  • Claudio Giovannesi per La paranza dei bambini
  • Pietro Marcello per Martin Eden
  • Matteo Garrone per Pinocchio

MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE

  • Igort per 5 è il numero perfetto
  • Phaim Bhuiyam per Bangla
  • Leonardo D’Agostini per Il campione
  • Marco D’Amore per L’immortale
  • Carlo Sironi per Sole

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

  • Bangla di Phaim Bhuiyan, Vanessa Picciarelli,
  • Il Primo Re di Filippo Gravino, Francesca Maniero, Matteo Rovere,
  • Il traditore di Marco Bellocchio, Ludovica Rampoldi, Valia Santella, Francesco Piccolo,
  • La dea fortuna di Gianni Romoli, Silvia Ranfagni, Ferzan Ozpetek,
  • Ricordi? di Valerio Mieli

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

  • Il sindaco del rione Sanità di Mario Martone, Ippolita Di Majo
  • La famosa invasione degli orsi in Sicilia di Thomas Bidegain, Jean-Luc Fromental, Lorenzo Mattott
  • La paranza dei bambini di Maurizio Braucci, Roberto Saviono, Claudio Giovannesi
  • Martin Eden di Maurizio Braucci, Pietro Marcello
  • Pinocchio di Matteo Garrone, Massimo Ceccherini

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

  • Valeria Golino per 5 è il numero perfetto
  • Anna Ferzetti per Domani è un altro giorno
  • Tania Garribba per Il Primo Re
  • Maria Amato per Il traditore
  • Alida Baldari di Calabria per Pinocchio

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

  • Carlo Buccirosso per 5 è il numero perfetto
  • Stefano Accorsi per Il campione
  • Fabrizio Ferracane per Il traditore
  • Luigi Lo Cascio per Il traditore
  • Roberto Benigni Pinocchio

I FAVORITI DEI DAVID DI DONATELLO 2020

Inutile dire che a meno di sorprese il super favorito dei Premi David di Donatello 2020 sembra essere Il traditore di Marco Bellocchio, anche alla luce delle 18 nomination ricevute, tra cui quelle per il miglior film, regia, sceneggiatura originale e interpretazione maschile, con uno stratosferico Pierfrancesco Favino nei panni di Tommaso Buscetta. A contendere a Bellocchio la statuetta per il miglior film due veri ossi duri come Pinocchio di Matteo Garrone e Martin Eden film originale liberamente ispirato al capolavoro di Jack London e ambientato in una Napoli sospesa in una dimensione immaginaria. La corsa alla statuetta per la miglior attrice protagonista, invece, vede leggermente favorita Valeria Bruni Tedeschi (I villeggianti) rispetto a Jasmine Trinca, Lunetta Savino e Valeria Golino. Quest’ultima in corsa anche per la categoria attrice non protagonista per il suo ruolo in 5 è il numero perfetto. Mentre favorito per il Miglior attore non protagonista sembra essere Roberto Benigni, il Geppetto della favola nera di Garrone.

PREMI GIÀ ASSEGNATI

Sono già stati assegnati:

  • il David dello Spettatore andato a Il primo Natale, diretto e interpretato da Salvo Ficarra e Valentino Picone
  • il premio al Miglior film straniero distribuito in Italia assegnato a Parasite del regista coreano Bong Joon Ho
  • vince il David per Miglior cortometraggio Inverno di Giulio Mastromauro
  • David Speciale a Franca Valeri in quanto “icona dello spettacolo e della cultura italiana, tra radio e cinema, teatro e tv, finora mai candidata o premiata al David” come sostenuto da Piera Detassis, presidente e direttore artistico dell’Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello.