Furiosa A Mad Max Saga recensione“Furiosa: A Mad Max Saga” è un panino con il tonno. Se io ho fame e ho voglia di un panino con il tonno esco vado all’alimentari e se trovo un panino con il tonno, sono pienamente soddisfatto perché ho trovato esattamente quello che cercavo. Quando sono andato al cinema a vedere “Furiosa: A Mad Max Saga”, diretto da George Miller, ho trovato esattamente quello che mi aspettavo: esplosioni.

Diciamocelo chiaramente, se fossi uscito per cercare una trama ben fatta, una recitazione stellare o un profondo messaggio sociale non sarei andato a vedere “Furiosa: A Mad Max Saga”, sarei piuttosto andato a teatro o a vedere l’ultimo film di Lino Banfi, che ricordiamo come il miglior attore drammatico d’Europa (cit.).

Quindi andare a vedere “Furiosa: A Mad Max Saga” e aspettarsi qualcosa di diverso da sangue, esplosioni ed effetti speciali sarebbe, continuando come l’analogia sul panino al tonno, avere estremamente fame di un panino con la mortadella ma chiedere all’alimentari un panino con il tonno. Sarete d’accorso sul fatto che non avrebbe senso. “Furiosa: A Mad Max Saga” è un discreto panino con il tonno, Anya Taylor-Joy (Furiosa) fa il suo dovere, Chris Hemsworth (nel ruolo di Dementus) ci prova a dare carattere al personaggio, a parer mio con una discreta prova attoriale, ma rimane comunque condannato dal suo fisico scultoreo che risalta nella scena. Nonostante sia confuso al livello di trama e per mio gusto leggermente lungo è il giusto film se avete “fame di tonno”. Buona visione!

Presentato in anteprima Fuori Concorso al Festival di Cannes lo scorso mercoledì 15 maggio, “Furiosa: A Mad Max Saga” vi aspetta al cinema dal 23 maggio distribuito da Warner Bros. Pictures.