Gli asparagi sono un ortaggio ricco di proprietà benefiche e povero di calorie tipico della stagione calda. Vediamo allora insieme come pulirli e cuocerli per usarli per altre preparazioni o come contorno light

Come pulire e cucinare gli asparagi istruzioni per l'uso e curiositàGli asparagi sono una verdura molto pregiata tipica del periodo che va da marzo a giugno. Molto versatili e poco calorici possono essere utilizzati in molte preparazioni. Inoltre grazie alle tante proprietà benefiche e depurative che posseggono sono un vero toccasana per il nostro organismo. Nonostante in Italia ne esistano circa 200 diverse varietà coltivate principalmente in Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio e Campania, quelle più utilizzate sono solamente quattro:

  • gli asparagi verdi, di certo i più noti e diffusi
  • quelli selvatici che crescono spontaneamente e sono più sottili delle altre varietà e vengono utilizzati maggiormente per risotti e frittate
  • gli asparagi bianchi, caratterizzati da un sapore delicato
  • gli asparagi viola che sono gli asparagi bianchi che escono dal terreno e si colorano con la luce. A differenza di quelli bianchi, però, ha un sapore amarognolo

Per riconosce, al momento dell’acquisto, se gli asparagi sono freschi fate attenzione a che abbiano le punte dritte e chiuse, mentre i gambi devono avere lo stesso spessore e essere duri. Per quanto riguarda come si puliscono e cuociono, state tranquilli perché per tutti e 4 i tipi è possibile utilizzare lo stesso procedimento.

COME CONSERVARE GLI ASPARAGI

Inoltre gli asparagi si possono conservare sia cotti che crudi. Crudi li potete avvolgere in un panno umido e tenere in frigo anche per 4 giorni prima di cuocerli, oppure li potete cuocere e congelare nel freezer avendo cura di riporli in un sacchetto gelo, in questo modo li potrete conservare anche per un paio di mesi. Prima di metterli nel sacchetto dovete avere cura di scolarli, tamponare l’acqua in eccesso e farli raffreddare a temperatura ambiente. Una volta freddi li inserite nel sacchetto e quindi in freezer.

Passiamo ora a vedere in dettaglio come pulire e cuocere gli asparagi per riutilizzarli poi a nostro piacimento.

PROCEDIMENTO PER PULIRE E CUOCERE GLI ASPARAGI

Difficoltà: Facile
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 10 minuti

  • Per prima cosa tagliate gli elastici che tengono legati gli asparagi, quindi lavatele con cura sotto acqua corrente.
  • Una volta lavati posate gli asparagi su un panno e asciugateli bene con carta da cucina.
  • Eliminate la parte finale del gambo quella più dura e bianca per intenderci cercando di farli tutti della stessa lunghezza, questo per favorire una cottura quanto più omogenea possibile.
  • Prendete un pelapatate o in alternativa un coltellino e iniziate a pelarli dall’alto verso il basso, fino a quando non avrete eliminate tutta la parte verde filamentosa del gambo che dopo questa operazione dovrebbe risultare bianco.
  • Se dovete utilizzare gli asparagi per condire primi piatti potete anche tagliarli crudi prima della cottura, tagliando le punte, che potete lasciare intere o dividere a metà, per poi fare i gambi a rondelle.
  • Se invece ne avete bisogno per altre ricette o per mangiarli come contorno potete lessarli procedendo in questo modo:
    • legate gli asparagi con uno spago da cucina in modo da formare un mazzetto, così che si mantengano in verticale nella pentola di cottura.
    • Se avete l’asparagera riempite il cestello per i 2/3 di acqua, metteteci dentro gli asparagi e portate a ebollizione. Se volete potete salare l’acqua o meno l’acqua secondo come preferite. Altrimenti utilizzate una pentola molto larga in cui li disporrete, anche senza legarli, orizzontalmente nell’acqua che ha appena iniziato a bollire. Fate attenzione a che l’acqua li ricopra completamente e che il bollore non diventi mai troppo forte così da non danneggiare le punte. Una volta cotti toglieteli dalla pentola aiutandovi con una schiumarola.
    • Fate attenzione a far rimanere le punte degli asparagi fuori dall’acqua così non rischierete di rovinarle e comunque si cuoceranno con il vapore sprigionato dal bollore dell’acqua. Se volete potete coprire con un coperchio.
    • Per i tempi di cottura potete basarvi sul diametro dei gambi: se sono di media grandezza fate cuocere per circa 10 minuti. Comunque prima di scolarli vi consigliamo di provare a infilzarli con una forchetta. Se sono teneri e ancora compatti sono pronti.
    • Scolate gli asparagi e fateli freddare un po’ prima di utilizzarli a vostro piacimento.