Come prendersi cura dei nostri maglioni di lana dal metodo di lavaggio a come stirarli. Tutti i consigli utili anche su come recuperare un capo infeltrito

Come lavare i maglioni di lana senza infeltrirliQuando si avvicinano i cambi stagione si ripropone l’annoso dilemma su come lavare i maglioni di lana o semplicemente rinfrescarli, senza rovinarli. È vero che con i ritmi frenetici della nostra quotidianità abbiamo sempre i minuti contati, ma forse per i capi a cui teniamo particolarmente vale la pena avere qualche accortezza in più per mantenerli morbidi e soffici. Proprio come facevano le nostre nonne!

E allora andiamo a rispolverare insieme i preziosi metodi usati proprio dalle nostre nonne, come il lavaggio a mano in acqua tiepida con saponi neutri e delicati, al balsamo al posto dell’ammorbidente!

  • COME LAVARE I MAGLIONI DI LANA
    Il lavaggio è sicuramente il momento più cruciale, perché se non fatto correttamente ci ritroveremo un maglione così piccolo da non poter essere indossato neanche da un puffo! Sicuramente la primissima cosa da fare è quella di leggere bene le istruzioni di lavaggio presenti sull’etichetta del capo, così da scegliere se lavare a mano o in lavatrice e la temperatura corretta dell’acqua. E se sono presenti macchie? Come procedere per non rovinare il capo e togliere efficacemente la macchia?
    Ma prima di vedere in dettaglio le risposte a queste domande, sfatiamo un altro falso mito con cui sono cresciute intere generazioni di massaie: per rendere i maglioni di lana non bisogna usare l’ammorbidente, anzi questo rischia di rovinarli se non si risciacqua correttamente. Meglio sostituirlo con una piccola quantità di balsamo per capelli (circa una noce).

    • Scegliere il detersivo giusto
      Per quanto riguarda il detersivo cercate di acquistarne uno neutro per capi delicati e soprattutto incolore, privilegiando quelli contenenti sostanze biodegradabili e quindi non inquinanti. Altro consiglio importante è di non esagerare con le quantità ma seguire le istruzioni presenti sul flacone per impedire che i maglioni si infeltriscano.
    • Rimuovere le macchie
      Vediamo ora come trattare le macchie sui tessuti di lana. Il modo migliore è senz’altro il lavaggio a mano con acqua tiepida usando del sapone di Marsiglia o qualsiasi sapone neutro vegetale, strofinando delicatamente il capo e lasciando agire per non più di dieci minuti per evitare che il sapone si assorba troppo facendo perdere alla lana la sua morbidezza. Dopo di che si deve sciacquare bene con acqua tiepida per togliere i residui di sapone.
      Nella fase di pre-lavaggio un trucco che vi aiuta a non rovinare il capo è quello di mettete un asciugamano pulito e bianco sotto la zona da trattare. Nel caso in cui vogliate trattare solo la parte macchiata, senza lavare tutto l’indumento, potete dopo aver sciacquato via il sapone, tamponare con un altro asciugamano l’acqua in eccesso e stendere il capo ad asciugare in orizzontale.
    • Lavaggio in lavatrice
      Nel caso in cui sull’etichetta del vostro capito c’è scritto che è possibile lavarlo in lavatrice, impostate il programma per la lana o per i delicati con temperatura massima di 30° oppure scegliete il lavaggio a freddo. Fate attenzione che la temperatura dell’acqua sia la stessa sia in fase di lavaggio che nel risciacquo perché una delle cause principali dell’infeltrimento è proprio il cambiamento di temperatura. In più per essere certe che il maglione non si infeltrisca aggiungete mezzo limone senza semi nella lavatrice.
    • Lavaggio a mano
      Mettete in una bacinella acqua tiepida, versate la giusta dose di detersivo e immergetevi i capi da lavare. Fateli stare in ammollo per una decina di minuti, strofinateli leggermente per rimuovere lo sporco e risciacquate. Strizzate i capi delicatamente tamponandoli con un asciugamano pulito per togliere l’acqua in eccesso.
  • COME STENDERE I MAGLIONI DI LANA
    Evitate di stendere vicino a fonti di calore e al sole diretto che potrebbe far ingiallire soprattutto quelli chiari.
  • COME STIRARE I MAGLIONI DI LANA
    Impostate il programma per lana del ferro da stiro, quindi coprite il capo con un asciugamano di cotone in modo che non entri in contatto diretto con il ferro per evitare che renda lucide le fibre del maglione. Ricordate di usare sempre il vapore.
  • COME RECUPERARE UN MAGLIONE INFELTRITO
    Mettete in una bacinella acqua tiepida e un po’ di bicarbonato di sodio, quindi immergetevi il capo e poi risciacquate in un’altra bacinella contenente acqua tiepida e mezza tazzina di glicerina. Nel caso in cui il capo sia molto infeltrito, lasciatelo in ammollo per un giorno intero in acqua e ammoniaca. Dovrete mettere un cucchiaino di ammoniaca per ogni litro d’acqua.

Se, invece, durante il cambio stagione vi accorgete che i vostri capi di lana vanno solo rinfrescati, riempite una bacinella di acqua tiepida e sapone e immergetevi gli indumenti. Mescolateli nell’acqua per far assorbire il sapone, sciacquate con acqua tiepida e tamponate i capi per togliere quella in eccesso. Ricordatevi di non strizzare mai i tessuto di lana dopo averli lavato, perché potreste rovinargli la forma ritrovandovi con un capo che non potete indossare. Quindi mettetelo ad asciugare steso orizzontalmente sullo stendino.