cinquantasfumaturedimamma

Anya, Klarissa e Morna da 50sfumaturedimamma, il blog!

Essere mamma ai tempi dei social? Ne abbiamo parlato dinnanzi un caffè con tre mamme blogger: Anya, Klarissa e Morna. Probabilmente molti di voi le avranno incrociate per il web, post dopo post con il loro blog: 50sfumaturedimamma. Noi di Lifestylemadeinitaly.it le abbiamo scovate stilando la classifica di Marzo sui migliori blog di mamme per le mamme (il gioco di parole è necessario), così abbiamo voluto fare loro qualche domanda per conoscerle un pizzico meglio.

50sfumaturedimamma è un blog a più mani: come, quando e perché è nata l’idea?

“Ci siamo conosciute su un forum dedicato al matrimonio e alla maternità. Un bel giorno dell’estate 2012 Morna ha avuto l’idea di aprire un blog, e ha coinvolto Anya e Klarissa. L’idea di base, comune a tutte e tre fin dal primo momento, è stata che si sarebbe trattato di un blog diverso. Non il solito diario, ma un modo di affrontare la maternità senza troppi giri di parole. E da subito è nata la Fenomenologia della Mamma, la nostra ormai conosciutissima e copiatissima rubrica, che ha proprio l’intento di sdrammatizzare… sulle 50 (e più) sfumature di mamma!”

Raccontateci qualcosa di voi e com’è scandita la giornata di una mamma blogger?

“Facciamo vite molto diverse, ma siamo tutte e tre mamme lavoratrici full time, e pure con pochi aiuti. Il tempo dedicato al blog è quello rubato alla pausa pranzo, ai dopocena, ai weekend e, talvolta, all’orario di ufficio se riusciamo a sbrigarlo prima del tempo. Insomma, una vita di incastri, dove ormai il blog occupa una buona parte delle nostre giornate, tra post, social network, collaborazioni, lettrici che ci scrivono…”

Essere mamma ai tempi dei social network aiuta o era meglio all’epoca delle nostre nonne, quando il mondo era “più piccolo” ed essenziale?

“Sicuramente aiuta, ma come ogni progresso ha il risvolto della medaglia. Non saremmo qui se non ci fosse il web, e gran parte del nostro successo è dovuta anche a quello che comunichiamo su Facebook, dove abbiamo oltre 5.000 follower. L’aiuto tra mamme è tantissimo, ma avviene anche il contrario: tanta disinformazione e, purtroppo, ostentazione di una sedicente perfezione spesso irraggiungibile.”

blog-mamme

Anteprima del blog 50sfumaturedimamma.

Come far mangiare verdure e frutta ai bambini: qualche “barbatrucco” da mamme?

“Noi siamo della scuola che quello che non mangiano oggi, lo mangeranno domani. Noi tutti siamo stati bambini e noi tutti abbiamo fatto storie per mangiare frutta e verdura. E oggi non possiamo farne a meno. Cose poco elaborate, spuntini a base di carote, cose croccanti in genere sono più amate dai bimbi, ma non fasciamoci la testa: migliorerà!”

Viaggi e bambini: tre consigli essenziali per i genitori.

“Viaggiare è un’enorme opportunità per i bimbi. Che sia un weekend fuori porta a visitare un castello o una fattoria, o un viaggio on the road negli Stati Uniti, mai togliersi una possibilità per paura di non farcela. Organizzazione, ascolto e realismo sono alla base di tutto. Organizzazione perché un viaggio ben organizzato, dove si pensa a tutto quello che serve e magari ci si fa un’idea di cosa si farà, dove ci si potrà fermare, cosa si potrà mangiare, facilita sicuramente il viaggio. Ascolto perché bisogna sapere cosa vogliono i nostri figli; ok imporre dolcemente la visita ad un museo, ma non intestardiamoci, conosciamo i nostri figli e i loro limiti, non superiamoli troppo se non vogliamo che la vacanza si trasformi in un incubo! Infine realismo: la scalata dell’Everest con pupo di 4 anni magari meglio rimandarla e optare per qualcosa di più realizzabile, no? Non dovete dimostrare niente, solo stare bene.”

Maternità e femminilità: come conciliare tutto, casa, pupi e la cura di sé, dei propri interessi?

“Si torna all’organizzazione. Avere giornate scandite dall’organizzazione aiuta a trovare tempo veramente per tutto. Per la ceretta, lo smalto, un buon libro e una visita a quella mostra che ci piace tanto. E, ovviamente, la forza di volontà: inutile lamentarsi quando ci si guarda allo specchio se poi si preferisce passare le serate a mangiare biscotti davanti a True Detective, no?”

Un consiglio per tutte le mamme che vogliono creare un proprio blog.

“Scrivete bene, e col cuore. Fate riflettere, non vantatevi troppo dei vostri successi (ma un pochino sì, ci sta) e scattate belle foto. Ma, se volete che venga veramente seguito, dovete impegnarvi e considerarlo come un lavoro!”

Come prendete il caffè?

“Anya: lungo, lunghissimo, e amaro, tre volte al giorno.
Klarissa: rigorosamente amaro, espresso o moka per svegliarsi.
Morna: la mattina americano, una tazzona enorme (anche più di una…), in ufficio. Dopo pranzo, amo la moka, ma è un lusso del week end, pranzando sempre fuori casa è quasi sempre un espresso, amaro con un goccio di latte freddo.”