Recensione del libro Cercando la luce del regista premio Oscar, Oliver Stone pubblicato da La Nave di Teseo. Dal 27 agosto scorso in libreria

Cercando la luce la splendida autobiografia di Oliver Stone (recensione)Il regista statunitense, Oliver Stone con Cercando la luce, ci regala un’autobiografia autentica, sincera, schietta e allo stesso tempo coinvolgente, ma mai auto assolutoria.

Sia che racconti della sua infanzia in una famiglia per metà francese, da parte materna, e americana da parte del padre, una miscela così esplosiva che non ha retto sulla lunga distanza fino a giungere al divorzio, sia che parli della sua esperienza con le droghe che lo portano a girovagare per le strade sentendosi addirittura un disadattato rispetto alla società in cui vive, Stone è sempre onesto con il lettore, non si nasconde, si mette completamente a nudo.

Anche quando parla della sua partecipazione alle operazioni della guerra del Vietnam, in cui ha causato personalmente molte morti, utilizza un tono quasi didascalico, raccontando i fatti, senza giudizio né giustificazioni.

Leggendo queste pagine si scopre un Oliver Stone inedito, profondo e autentico, il quale raccontando dei suoi film e della loro gestazione, distilla sapientemente qua e là un po’ di sé, donandoci alla fine il quadro di un uomo che è stato capace di inseguire i propri sogni, caparbiamente, ma anche con quel giusto connubio tra volontà e incoscienza, tipico delle personalità geniali.

Non a caso, quando Martin Scorsese visionò il primo cortometraggio di 11 minuti di Stone, esclamò: “Abbiamo un regista”, sottolineando la sua capacità di mettere tutto sé stesso nella pellicola e di raccontare una storia, la sua storia.

Allo stesso modo, Oliver Stone, mette tutto sé stesso in questa autobiografia, mostrandoci i suoi trionfi e i suoi fallimenti, senza mai risparmiarsi, ponendo l’accento, in particolare, sul suo rapporto con il genere femminile, cominciando dal viscerale attaccamento alla figura materna, un vero e proprio complesso di Edipo, fino a sviscerare il sentimento che lo lega alla prima moglie Najwa.

Cercando la luce è un libro potente, che ci lascia un messaggio forte, quello di inseguire i propri sogni anche quando non tutto è ancora chiaro in noi, anche quando la direzione è ancora incerta e avviluppata nelle tenebre, ma qualcosa nel profondo ci spinge a proseguire.

La trasposizione del traduttore, Carlo Prosperi, ci riporta fedelmente la prosa asciutta e diretta del regista, regalandoci un’autobiografia che si legge tutta d’un fiato come un romanzo.

Consiglio la lettura di Cercando la luce a tutti gli appassionati del cinema di Oliver Stone, ma anche a chi non conosce l’opera del grande regista, poiché rimarrà sicuramente affascinato dal carisma dell’uomo.

TITOLO: Cercando la luce

AUTORE: Oliver Stone

EDITORE: La Nave di Teseo

PAGINE: 560

PREZZO DI COPERTINA: 22,00 euro (su Amazon 20,90 euro)