Quando nel resto d’Italia inizia il periodo di Quaresima, a Milano impazza il Carnevale! Date, storia e tradizioni del Carnevale ambrosiano, così chiamato perché legato al ritorno di  Sant’Ambrogio, patrono di Milano, da un pellegrinaggio, il quale aveva chiesto ai cittadini di aspettare il suo ritorno per iniziare i riti della Quaresima.

Carnevale_milano

Ebbene si, mentre martedì grasso, quest’anno il 17 Febbraio, sancirà in tutta Italia la fine del Carnevale 2015, a Milano ne decreterà l’inizio, per proseguire con feste e balli fino al 21 Febbraio, sabato grasso!

L’inizio posticipato del Carnevale ambrosiano, si deve alla tradizione secondo cui  Sant’Ambrogio, patrono di Milano, avrebbe chiesto ai suoi concittadini di aspettare il suo rientro da un pellegrinaggio prima di iniziare le liturgie della Quaresima, posticipando il rito delle ceneri alla prima domenica di Quaresima.

La maschera tradizionale milanese è Meneghino, che deve il suo nome al “Domenighin”, il servo buono dallo spirito arguto, che la domenica accompagnava le nobili milanesi alla messa o a passeggio. La figura del Domenighin per i suoi valori di generosità e laboriosità in cui i milanesi si riconoscevano, venne scelto durante le Cinque Giornate di Milano del 1848 come simbolo della città. La maschera di Meneghino è caratterizzata da una lunga giacca marrone, braghe corte, calze a righe rosse e bianche e un cappello a tre punte dal quale spunta una parrucca settecentesca con il codino alla francese.

Al fianco di Meneghino troviamo Cecca, l’incarnazione della moglie allegra e instancabile massaia, chiamata anche “Cecca de berlinghitt”, perché da al marito fronzoli e nastri per abbellire le nobili che accompagna.

In quanto maschere tipiche del Carnevale ambrosiano, vi capiterà sicuramente d’incontrare tanti Meneghino e Cecca nella sfilata dei carri allegorici, quest’anno ispirata all’EXPO e quindi improntata sul tema «Pela, taglia, trita, cuoci», che si terrà sabato 21 Febbraio nel centro di Milano, con arrivo in piazza Duomo.