Bruno Barbieri 4 hotel domenica 25 settembre arriva in Valle d’Aosta per l’ultimo appuntamento di questa stagione. La puntata sarà visibile alle 21:15 su Sky Uno, su Sky Go e in streaming su NOW, sempre disponibile on demand

Bruno Barbieri 4 hotel Valle d'AostaL’ultimo appuntamento di questo ciclo di episodi di Bruno Barbieri 4 hotel ci porta alla scoperta delle migliori strutture alberghiere della Valle d’Aosta. In particolare, Bruno metterà in competizione tra loro quattro alberghi in cui convivono sport e relax, grazie alla presenza al loro interno di una spa: il modo migliore per rilassarsi dopo una adrenalinica giornata sulle piste ma anche un’alternativa valida per gli ospiti amanti della neve ma non dello sci.

GLI HOTEL IN GARA

Vediamo allora i 4 hotel in gara nella puntata di domenica 25 settembre alle 21:15 su Sky Uno, sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go e in streaming su NOW:

  • Au Charmant Petit Lac, un eco-Hotel 5 stelle a Champoluc di proprietà di Luigi e della sua famiglia. L’Hotel è situato vicino al centro del Paese ma in una zona completamente immersa nel verde, circondato da un parco di 15mila mq.
    Punto forte della struttura, oltre alla bellezza del suo design, è la massima attenzione al tema ecologico: questa è, infatti, una delle pochissime strutture di tutta la valle a essere a emissione zero di Co2 e in più i titolari sostengono che non esiste plastica da nessuna parte. Luigi è un valdostano doc e con il suo territorio ha un rapporto che lui definisce «totale»: cantautore di lingua valdostana, dice che in valle lo conoscono tutti. Nonostante le 5 stelle non ama definire il suo hotel «di lusso», per lui l’unico lusso è l’empatia nei confronti del cliente. L’hotel ha al suo interno 26 camere dal design molto moderno che si sposa benissimo con lo stile montano;
  • Bergman Mountain Hotel di Nicoletta, titolare, insieme a suo marito. L’hotel è una struttura «ski-in ski-out» di 12 camere che si trova direttamente sulle piste di Cervinia. La struttura non esisteva fino a qualche anno fa, è stata completamente costruita da loro con uno stile montano ma molto moderno. Le camere non sono eccessivamente grandi ma tutte con balconcino panoramico. Anche la spa si affaccia direttamente sulle piste;
  • Re delle Alpi, hotel 4 stelle situato a 2000 metri proprio sulle piste da sci di La Thuile di proprietà di Filippo. Imprenditore del sud innamorato della montagna, nel 2004 Filippo ha acquistato dalla regione questa antica caserma del 1924, utilizzata dalle guardie di frontiera, e l’ha ristrutturata facendola diventare un hotel. Il Re delle Alpi, ai tempi, era il primo hotel 4 stelle di La Thuile che aveva una piccola spa e 12 camere; poco dopo, Filippo ha costruito un altro edificio molto moderno arrivando a 26 camere e allargando la spa panoramica, che può essere usufruita anche da ospiti esterni;
  • Le Massif, hotel 5 stelle lusso di 80 camere a pochi passi dal centro di Courmayeur e dalle piste da sci, diretto da Fabio, general manager. Per lui essere un hotel 5 stelle vuol dire sapere esaudire qualsiasi richiesta del cliente. La struttura ha aperto nel 2018, ha una clientela che cerca un resort di montagna di lusso con servizi esclusivi. Lo staff, giovanissimo, è molto professionale: Fabio non ha dubbi, il suo hotel è tra i migliori 10 hotel di tutto il nord Italia.

LA GARA

Gli hotel in competizione tra loro, di diverse fasce di prezzo o categoria, si contendono il titolo puntando sul proprio fascino e le proprie peculiarità, mantenendo immutato il meccanismo di successo che ha reso questo show un cult. Colleghi e avversari allo stesso tempo, i concorrenti trascorreranno un giorno e una notte nei reciproci alberghi. A colazione, dopo il check-out, i concorrenti si giudicheranno l’un l’altro dando un voto da 0 a 10 su 5 categorie:

  1. location,
  2. camera,
  3. colazione,
  4. servizi, 
  5. prezzo.

Barbieri continuerà a prestare grande attenzione alla valorizzazione delle scelte ecosostenibili compiute dagli albergatori: ogni volta che troverà una particolare cura a questi temi – dall’arredamento delle camere scelto nel rispetto dell’ambiente all’utilizzo di bicchieri, stoviglie e kit cortesia in materiali che siano diversi dalla plastica – potrà apporre il suo “sigillo green” alla struttura. Dopo tante battaglie vinte da Barbieri nel corso dei precedenti viaggi di 4 Hotel – celebre la sua ostilità nei confronti del runner, iconica la sua passione per i topper – il nuovo impegno sarà nel dimostrare come sia possibile, grazie anche a piccole accortezze, abbinare accoglienza e attenzione alla sostenibilità ambientale.

Quello di Bruno Barbieri 4 Hotel è un giro alla scoperta di nuove tendenze dell’hôtellerie ma anche delle diverse modalità di intendere accoglienza e ospitalità a seconda delle diverse zone d’Italia, tra la ricchezza del territorio e le attività previste da ogni albergatore per rendere indimenticabile l’esperienza. Viaggiatore del mondo, con il suo stile distinto, sofisticato e signorile, Bruno è conduttore, accompagnatore, osservatore e soprattutto giudice della gara. Per lavoro, ma anche per passione, lo Chef ha viaggiato tantissimo, al punto da diventare un vero esperto in accoglienza alberghiera: ne conosce tutti i segreti, nonché le diverse abitudini a seconda delle latitudini. Durante le puntate tutta questa esperienza gli permette – sfoggiando un suo lato più ironico, pungente e rigoroso – di raccontare la sfida mettendo gli albergatori di fronte a piccoli e grandi imprevisti per valutarne la capacità di problem solving e l’attenzione al cliente.

Con i suoi voti, alla fine di ciascun episodio potrà confermare o rivoluzionare il verdetto risultante dai voti dei 4 protagonisti di puntata. Uno solo degli albergatori concorrenti si aggiudicherà così un contributo economico da reinvestire nella propria azienda.