Book & Fashion Party: un evento in stile “Sex and the City”, ideato da un eccezionale team di Donne per celebrare le mille sfaccettature dell’universo femminile.

Book&Fashion-Party

Finite le sfilate di AltaRoma, ecco ad allietare le calde serate romane un evento tutto al femminile, stile “Sex and the City”: Book & Fashion Party.

Uno straordinario evento dal gusto elegantemente raffinato, perfettamente riuscito, sia grazie alla splendida location scelta, il ristorante Frames di Piazza Paoli, di fronte a Castel Sant’Angelo, sia al grandissimo lavoro fatto dall’eccezionale team di donne che lo ha ideato: la scrittrice Iolanda Pomposelli, l’Event Manager Arianna Mastriani e la Public Relations Manager Barbara Molinario.

Barbara Molinario, Iolanda Pomposelli

Michela Moschen, Barbara Molinario, Iolanda Pomposelli e Kelly Evans

Ovviamente donne, anche la creatrice delle delizie che hanno addolcito il palato degli ospiti, la Cake Maker Kelly Evans e la madrina d’eccezione della serata, la bellissima attrice Simona Borioni, che ha donato agli intervenuti una piccola “anteprima” del suo nuovo film, in cui ha interpretato, a proposito di donne, il difficilissimo ruolo di un’eroinomane, che le è costato molto studio e duro lavoro con una coach americana, per cercare di calarsi il più possibile in questo ruolo così particolare e distante da lei.

Simona Borioni e Iolanda Pomposelli

Simona Borioni e Iolanda Pomposelli

Dolci creazioni by Kelly Evans

Dolci creazioni by Kelly Evans

L’evento pensato da Iolanda Pomposelli per celebrare l’universo femminile in tutte le sue sfaccettature, è stata l’occasione non solo per presentare il suo libro “D’altronde… sono uomini”, pubblicato da Viola Editrice, scritto per le donne ma che dovrebbero leggere gli uomini, ma anche per lanciare il messaggio che “la moda è per tutte, non solo per poche elette”, facendo così esordire sulle passerelle romane la stilista emergente Michela Moschen, con la sua nuova collezione “Bell Skirt” Summer 2015, una linea di gonne a campana, in stile bon ton, ispirate agli anni cinquanta e destinate a tutte le tipologie di donne, dalla taglia 38 alla 48.
Daltronde-sono-uomini-Iolanda-PomposelliLe modelle che hanno indossato le “Bell Skirts” di Michela Moschen, non erano professioniste delle passerelle, ma donne comuni ognuna con la propria fisicità e la propria femminilità, che hanno dimostrato come questo particolare modello sia davvero adatto a tutti i fisici perché mette in risalto il punto vita e nasconde i fianchi. Tutto è alleggerito da maglie dalle eleganti trasparenze, a dimostrazione che si può essere sensuali ed eleganti al tempo stesso.

I tessuti sono morbidi e vanno dal Cretonne un cotone robusto, preso in prestito all’arredamento, stampato a colori vivaci al Muflone, una lana morbidissima, con nuance nei delicati toni dell’azzurro e del rosa, ad esaltare il carattere bon ton della collezione.

"Bell Skirt" collection

“Bell Skirt” collection by Michela Moschen

Un ulteriore richiamo all’ambientazione del libro, è l’ispirazione anni ’50 delle splendide acconciature. Gli Hair Stylist, Antonella Redaelli e Felice Panzironi per Kaminoke e Monica Marchetti, hanno realizzato su tutte le protagoniste dell’evento banane rivisitate, boccoli morbidi che scendono sulle spalle, acconciature semi raccolte per un look chic retrò.