Scaccia la tristezza con la lettura, scegliendo uno dei 5 libri per combattere la malinconia e far tornare il sorriso che abbiamo selezionato per te

5 libri per combattere la malinconia del blue mondaySecondo un’equazione utilizzata dallo psicologo Cliff Arnall il terzo lunedì del mese di gennaio sarebbe il giorno più triste dell’anno, meglio noto come “Blue Monday”. Perché proprio questo giorno? Perché durante il Blue Monday prendiamo coscienza della fine delle festività natalizie e del fatto che mancano parecchie settimane alle prossime ricorrenze importanti: vedi la Pasqua. Anche se non esiste un vero e proprio fondamento scientifico ad avvalorare i risultati scoperti da Arnall, probabilmente influenzati dal battage a cui siamo esposti prima e durante il Blue Monday, ci sentiamo sistematicamente tutti un po’ più tristi e stanchi. Uno stato d’animo antipatico che noi della Redazione vogliamo aiutarti a combattere con tutti i mezzi possibili, così dopo i 5 consigli di questa mattina, ecco 5 libri per combattere la malinconia di giorni come questo. Titoli scelti appositamente per cercare di strapparti un sorriso, farti pensare alle cose belle della vita e darti qualche suggerimento su come riprendere la giusta via se ti senti come se l’avessi smarrita 😉

Non ci resta che lasciarti ai nostri amici di carta (elencati in ordine di uscita dal più recente al meno recente) augurandoti buona lettura e un happy monday!

  1. “La disperata ricerca d’amore di un povero idiota” di Pif pubblicato da Feltrinelli editore (novembre 2022)
    5 libri per combattere la malinconiaCominciamo con un’uscita recente che ci sembra perfetta per scacciare la malinconia del Blue Monday: “La disperata ricerca d’amore di un povero idiota” di Pif, un romanzo che unisce romanticismo e speranza al tema del viaggio.
    “L’amore non è una formula matematica, non ci si può innamorare facendo dei calcoli.” Almeno questo è quello che pensa Arturo fino a quando rivede un vecchio compagno di classe, l’irritante Gianfranco Zamboni – ora ingegnere informatico. Dopo anni di lavoro a testa bassa, Arturo si è appena reso conto che amici e colleghi nel frattempo si sono sposati o convivono, molti hanno messo al mondo dei bambini e alcuni si sono già separati. Alle soglie dei quarant’anni, è ora di pensare a quel futuro che non ha mai avuto il coraggio di affrontare. Ma come si trova l’anima gemella, la persona che si è proprio sicuri sia quella giusta?
    L’incontro con il vecchio compagno di scuola sembra un appuntamento con il destino, perché Zamboni è a capo di un progetto sperimentale: una app finalmente efficace nel rilevare l’affinità fra persone. E siccome Arturo è un citazionista accanito, facendo sua la massima di Mae West “Tra due mali, scelgo sempre quello che non ho mai provato prima”, si butta nella sperimentazione.
    Mentre sembra stia nascendo una simpatia con Olivia, la ragazza dal sorriso raggiante che lavora nella mensa aziendale, l’app gli rivela che ha sette anime gemelle sparse per l’Italia e per il mondo. Nonostante il parere contrario dell’amico Carlo, inguaribile romantico, che lo spinge a uscire con Olivia, Arturo inizia il suo viaggio carico di speranza – ma anche di goffaggine e tanti dubbi. Da Siena alla Svezia, da Dubai alla Groenlandia, scoprirà molto su di sé, sui rapporti di coppia a ogni latitudine, e su cosa sia davvero un’anima gemella.
  2. “Un grammo di felicità al giorno” di Siri Ostli pubblicato da Garzanti Libri (ottobre 2022)
    5 libri per combattere la malinconiaÈ mattina, e Fie non vede l’ora di ricevere il suo messaggio quotidiano. Poche righe che contengono un compito da svolgere per tornare a vivere davvero e rompere la monotonia di giornate sempre uguali. Da qualche settimana, infatti, segue un calendario dell’Avvento in cui a ogni casella corrispondono un consiglio, un obiettivo o una motivazione. Non è certa di farcela, ma non ha nulla da perdere, e decide di accettare la sfida: solo così, in fondo, può mettersi in gioco davvero.
    A inventare questo stratagemma è stata sua sorella. Sara sa bene che Fie ha bisogno di qualcuno che la sproni a uscire dal guscio in cui si è rinchiusa dopo essere stata lasciata dal marito e con un figlio che si allontana sempre di più. Seguendo le indicazioni contenute nei messaggi, piano piano, Fie vede la sua vita cambiare.
    Sceglie un nuovo arredamento per la casa; prepara squisiti dolci al tepore del forno; adotta un cane e fa amicizia con i vicini. Piccoli gesti dal valore inestimabile grazie ai quali si accorge che non è vero che intorno a lei c’è solo un presente grigio. Nuovi colori vengono alla luce e le mostrano come suo figlio sia solo a un passo di distanza e come, forse, separarsi dal marito non sia stata una cattiva idea. Perché c’è sempre una ragione in tutto ciò che accade. Anche se a prima vista sembra negativo. Bisogna solo trovare la forza di riscoprire valori importanti come amicizia, condivisione, realizzazione di sé.
    “Un grammo di felicità al giorno” è un inno al potere della vita di sorprendere e alla possibilità di ricominciare.
    A volte ci vuole qualcuno che ci venga in soccorso, a volte bastano un messaggio, un abbraccio, la parola giusta al momento giusto. La forza è dentro ognuno di noi, dobbiamo solo trovarla.

  3. “Vista da qui. Piccole tragedie quotidiane” di Paola Barbato pubblicato da Longanesi (04/11/2021)
    5 libri per combattere la malinconiaSe stai cercando un libro per sorridere dei problemi quotidiani che ti propina la vita, quello di Paola Barbato potrebbe essere quello che fa al caso tuo. Si tratta di un inedito romanzo in cui vengono presi in rassegna alcuni dei leitmotiv della vita relazionale, della convivenza, della sopravvivenza nella crescita dei figli e altre importanti situazioni comuni con cui ogni essere umano prima o poi si trova a interfacciarsi. Il tutto correlato da disegni ironici e divertenti creati dalla stessa Barbato. Un libro da leggere per sorridere pagina dopo pagina. «La strada della convivenza è accidentata e irta di spine. Per molte persone gli ostacoli peggiori sono il modo di spremere il dentifricio, se mettere il cucchiaio sopra o di fianco al tovagliolo, cosa scegliere tra l’ammorbidente alla vaniglia e quello alla magnolia. Nel nostro caso io e il Bussola siamo dovuti partire dalle basi assolute: il cibo e il sonno. Perciò tutto bene? Hum. No.» Una figlia adolescente, una figlia media, una figlia piccola, tre cani psicotici (di cui uno con ambizioni da sterminatore), un compagno famoso suo malgrado e preda di strane manie, una madre poco fisionomista, un lavoro di scrittrice a tempo pieno a cui star dietro e una casa con un carattere tutto suo. Vista da qui la vita di Paola Barbato è decisamente complicata – come le nostre – e a tratti sembra un infinito inanellarsi di imprevisti, imprese titaniche e catastrofi sfiorate. Ma poi ci sono gli ingredienti magici a rendere tutto sopportabile, anzi esilarante, anzi perfino bello: le parole inventate dalle bambine per descrivere un mondo pieno di meraviglia, le padelle del Bussola, più intoccabili del tesoro custodito da Smaug, una passeggiata all’imbrunire con i cani, un mobile nuovo da montare a colpi di brugola. Le piccole cose che rendono grande ogni giorno. Corredata dai suoi “disegnetti” inediti, Paola Barbato ci regala una carrellata buffa e tenera di istantanee della sua vita quotidiana, e sfogliarla è un po’ come tornare a casa.

  4. “Le solite sospette” di John Niven pubblicato da Einaudi (settembre 2017)
    5 libri per combattere la malinconiaQuando Susan – a causa dei vizi nascosti del marito – si ritrova vedova e con la casa pignorata, insieme ad alcune amiche decide di compiere una rapina. Contro ogni probabilità, il colpo va a buon fine, e alle “cattive ragazze” non resta che raggiungere la Costa Azzurra, riciclare il denaro e sparire. Nulla che possa spaventarle, dopo tutto hanno più di un motivo per riuscire nella loro impresa: andare in crociera e fuggire il brodino dell’ospizio.
    Una storia spassosa che ti farà ridere di gusto con delle protagoniste che vorresti come amiche.
  5. “La sottile arte di fare quello che c***o ti pare” di Mark Manson pubblicato da Newton Compton Editori (giugno 2017)
    Come imparare a smetterla di fare tutto quello che gli altri si aspettano da noi, diventare delle persone più autentiche e vivere come avremmo sempre voluto. Per decenni ci hanno ripetuto che il pensiero positivo è la chiave per avere una vita intensa e felice. «Fan***o la positività», afferma Mark Manson. «Cerchiamo di essere onesti, ogni tanto le cose non vanno come avremmo voluto, ma dobbiamo imparare ad accettarlo». L’autore, blogger seguitissimo, dice le cose come stanno: una dose di cruda, rinfrescante, pura verità. Il concetto sostenuto nel libro, avvalorato da studi accademici e arricchito da aneddoti di vita reali, è che migliorare la nostra vita non dipende dalla nostra capacità di affrontare con falsa positività le difficoltà che incontriamo, ma dall’imparare a riconoscerle. Una volta che abbracciamo le nostre paure, i difetti, le incertezze, possiamo cominciare a trovare il coraggio, la responsabilità, la curiosità, e il perdono che cerchiamo. La sottile arte di fare quello che c***o ti pare è uno schiaffo in faccia a chi non vede l’ora di risvegliarsi da un triste torpore e vivere secondo le proprie aspirazioni.