Trama, trailer e recensione in anteprima di “Altrimenti ci arrabbiamo” l’omaggio al cult del 1974 diretto dagli YouNuts! con Edoardo Pesce, Alessandro Roja, Alessandra Mastronardi e Christian De Sica. Dal 23 marzo al cinema

Altrimenti ci arrabbiamo 2022 recensioneNel 1974, Bud Spencer, Terence Hill e una Dune Buggy rossa con la cappottina gialla hanno divertito noi e i nostri genitori e ancora lo stanno facendo, perché la tv continua a passare i buddy movie all’italiana che vedono protagonista l’irresistibile coppia di attori. Buddy movie come “Altrimenti ci arrabbiamo” diretto da Marcello Fondato, che conteneva le proverbiali scazzottate tipiche delle action comedy del duo, campione di incassi della stagione 1973-1974. Questo e tutte le loro pellicole negli anni sono diventate dei cult, tanto da ispirare reboot come l’omonima pellicola diretta dagli YouNuts! con Edoardo Pesce, Alessandro Roja, Alessandra Mastronardi e Christian De Sica che arriverà al cinema il prossimo 23 marzo distribuita da Lucky Red.

 

Un nuovo “Altrimenti ci arrabbiamo”, che vede la coppia Edoardo Pesce (Carezza)-Alessandro Roja (Sorriso) ricalcare le orme di Bud Spencer e Terence Hill perdendo come loro la testa per la mitica Dune Buggy rossa tra abbuffate di birra e salsicce e scazzottate senza quartiere. A loro Pesce e Roja si sono ispirati per costruire i loro personaggi, ma con la volontà di dargli una connotazione originale per cercare di dare vita non a un remake ma ad un ponte fra il presente e quel mondo fantastico di puro intrattenimento. Volontà sottolineata anche dagli stessi Pesce e Roja, cresciuti a pane e Bud Spencer e Terence Hill, che hanno dichiarato che il loro “Altrimenti ci arrabbiamo” non è un film fotocopia, ma un qualcosa nato dall’amore per il cult del 1974 di cui la nuova pellicola vuole essere un omaggio.

TRAMA

Cresciuti come fratelli ma separati da anni a causa di un litigio, Carezza e Sorriso devono mettere da parte antichi rancori e diversità caratteriali per ciò che hanno più a cuore: la mitica automobile “Dune Buggy” sottrattagli dall’avido Torsillo, uno speculatore edilizio senza scrupoli. Aiutati dall’intrigante e pericolosa Miriam (Alessandra Mastronardi), tra inseguimenti rocamboleschi, scazzottate memorabili e delicati pasti a base di birra e salsicce, i due faranno di tutto per riconquistare la loro amata macchina.

Altrimenti ci arrabbiamo 2022 recensioneNel cast, c’è anche Christian de Sica, contento di interpretare finalmente un cattivo, “perché di solito mi fanno fare il puttaniere”, ha dichiarato l’attore. De Sica ha parlato dell’ottimismo che caratterizza il film e che era proprio anche dell’originale del ’74: “Come nel primo film, anche nel nostro c’è una grande leggerezza, e in un momento così brutto fa piacere. Nei tempi difficili si fa la commedia”.

Come in un ruolo diverso da quelli in cui siamo abituata a vederla c’è Alessandra Mastronardi, che qui veste i panni di un’agguerrita circense, anche lei pronta a spaccare bottiglie in testa, e a fare scazzottate come i due protagonisti maschili, il che rende il film adatto davvero a tutti.

Personalmente le sane botte a suon di musica, mi piacciono ancora molto. In un’epoca dove la violenza e il sangue purtroppo sono nella quotidianità, questa leggerezza nel regolare i conti, mi è davvero piaciuta, insieme alla sfida a salsicce e birra che mi ha fatto sorridere molto. Risate a parte, c’è spazio anche per un velo di nostalgia soprattutto nel riascoltare le musiche del primo film, che qui non mancano, e che sono sicura rievocheranno in ogni spettatore un caldo e piacevole ricordo. E a proposito di colonna sonora del nuovo “Altrimenti ci arrabbiamo”, la vera chicca è una reinterpretazione di Federico Zampaglione del celebre brano “Dune Buggy” degli Oliver Onions.

Assolutamente consigliato per una serata spensierata costellata di piacevoli ritorni al passato!

By Simona Monaco